Spettacoli

Lucarelli regista: "Spero di non fare danni"

Lucarelli regista: "Spero di non fare danni"
Ricevi gratis le news
0

Paolo Petroni
«Dovrei riuscire a non fare troppi danni», afferma sorridendo Carlo Lucarelli che per la prima volta lavora dietro una macchina da presa e, sul set allestito a Ponte Galeria vicino a Roma, è il regista del film tratto dal suo romanzo «L'isola dell’angelo caduto» (Einaudi, 1999), le cui riprese dovrebbero terminare entro la fine del mese. Per affrontare quest'impegno lo scrittore nato a Parma ha abbandonato il romanzo al quale stava lavorando (un thriller ambientato nella sua Bologna, ormai giunto alla fine) e che completerà non appena terminato il film per poi riprendere anche «BluNotte» su RaiTre.
«Come lo scrittore, il regista è quello che si prende le responsabilità ultime, che fa le scelte definitive - racconta Lucarelli - ma non lo fa da solo davanti a un computer, bensì all’interno di un gruppo di persone che gli fanno le proprie proposte, che gli presentano le varie opzioni possibili, che cercano di rendere visibile quel che gli è stato chiesto. Un film è un lavoro collettivo e gli altri sono tutti professionisti, per questo dico che  dovrei riuscire a non fare troppi danni».
 Il romanzo, e così il film che Lucarelli stesso ha sceneggiato con Giampiero Rigosi e l’aiuto di Michele Cogo, si svolge nei primi anni del fascismo e il protagonista è un commissario (interpretato da Giampiero «Coliandro» Morelli), alle prese con una moglie depressa che vuole solo lasciare l’inospitale isola (per confinati politici e non), in cui il marito è stato relegato. Il commissario si trova davanti a tre morti sospette: un informatore della polizia, un miliziano donnaiolo e l'ispettore postale. Per il capomanipolo della milizia e il federale si tratta subito di suicidi, ma Valenza, un medico confinato, darà una mano perchè sia fatta giustizia.
 Il romanzo è visionario, surreale, grottesco per cui «la prima necessità - spiega l'autore - è stata quella di dare alla storia e ai personaggi uno spessore, una sostanza filmica. Nel libro può bastare scrivere che una certa persona è inquietante, qui devo pensare a quale faccia debba avere, quale taglio di capelli, come debba muoversi per apparire tale e fare qualcosa di inquietante. Così, oltre all’attore, dal truccatore alla parrucchiera, dal costumista all’operatore, che sceglierà la luce giusta, tutti sono essenziali per raggiungere quel risultato».
 Naturalmente, leggendo il romanzo si capiva che Lucarelli parlava degli anni del delitto Matteotti e del fascismo, di un paese a un bivio, per raccontarci anche della necessità di fare delle scelte nell’Italia di oggi: «raccontiamo sempre il presente, ma può riuscire meglio spostandolo da un’altra parte. E poi c'è la necessità di raccontare la nostra storia: più lo facciamo e meglio è, perchè i meccanismi di quel che accade sono sempre gli stessi e bisogna capirli per evitarli. Se la storia sino a oggi non è stata maestra e si è ripetuta più volte e proprio perchè non si era capito il ruolo essenziale della memoria», conclude con calore Lucarelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

6commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

26commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole