10°

20°

Spettacoli

Lucarelli regista: "Spero di non fare danni"

Lucarelli regista: "Spero di non fare danni"
0

Paolo Petroni
«Dovrei riuscire a non fare troppi danni», afferma sorridendo Carlo Lucarelli che per la prima volta lavora dietro una macchina da presa e, sul set allestito a Ponte Galeria vicino a Roma, è il regista del film tratto dal suo romanzo «L'isola dell’angelo caduto» (Einaudi, 1999), le cui riprese dovrebbero terminare entro la fine del mese. Per affrontare quest'impegno lo scrittore nato a Parma ha abbandonato il romanzo al quale stava lavorando (un thriller ambientato nella sua Bologna, ormai giunto alla fine) e che completerà non appena terminato il film per poi riprendere anche «BluNotte» su RaiTre.
«Come lo scrittore, il regista è quello che si prende le responsabilità ultime, che fa le scelte definitive - racconta Lucarelli - ma non lo fa da solo davanti a un computer, bensì all’interno di un gruppo di persone che gli fanno le proprie proposte, che gli presentano le varie opzioni possibili, che cercano di rendere visibile quel che gli è stato chiesto. Un film è un lavoro collettivo e gli altri sono tutti professionisti, per questo dico che  dovrei riuscire a non fare troppi danni».
 Il romanzo, e così il film che Lucarelli stesso ha sceneggiato con Giampiero Rigosi e l’aiuto di Michele Cogo, si svolge nei primi anni del fascismo e il protagonista è un commissario (interpretato da Giampiero «Coliandro» Morelli), alle prese con una moglie depressa che vuole solo lasciare l’inospitale isola (per confinati politici e non), in cui il marito è stato relegato. Il commissario si trova davanti a tre morti sospette: un informatore della polizia, un miliziano donnaiolo e l'ispettore postale. Per il capomanipolo della milizia e il federale si tratta subito di suicidi, ma Valenza, un medico confinato, darà una mano perchè sia fatta giustizia.
 Il romanzo è visionario, surreale, grottesco per cui «la prima necessità - spiega l'autore - è stata quella di dare alla storia e ai personaggi uno spessore, una sostanza filmica. Nel libro può bastare scrivere che una certa persona è inquietante, qui devo pensare a quale faccia debba avere, quale taglio di capelli, come debba muoversi per apparire tale e fare qualcosa di inquietante. Così, oltre all’attore, dal truccatore alla parrucchiera, dal costumista all’operatore, che sceglierà la luce giusta, tutti sono essenziali per raggiungere quel risultato».
 Naturalmente, leggendo il romanzo si capiva che Lucarelli parlava degli anni del delitto Matteotti e del fascismo, di un paese a un bivio, per raccontarci anche della necessità di fare delle scelte nell’Italia di oggi: «raccontiamo sempre il presente, ma può riuscire meglio spostandolo da un’altra parte. E poi c'è la necessità di raccontare la nostra storia: più lo facciamo e meglio è, perchè i meccanismi di quel che accade sono sempre gli stessi e bisogna capirli per evitarli. Se la storia sino a oggi non è stata maestra e si è ripetuta più volte e proprio perchè non si era capito il ruolo essenziale della memoria», conclude con calore Lucarelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling