11°

22°

Spettacoli

"Adelaide di Borgogna" si perde tra i maxischermi

"Adelaide di Borgogna" si perde tra i maxischermi
Ricevi gratis le news
0

di Gian Paolo Minardi

Rossini Festival, 32ª edizione: approdo consolidato, oltre che dalla risposta del pubblico, proveniente da ogni parte del mondo (il Festival italiano dove si respira davvero un’aria internazionale), dalle ragioni stesse da cui ha preso vita, l’approfondimento di un musicista la cui produzione teatrale, vastissima nonostante si fosse interrotta prematuramente, era ancora in gran parte sommersa.
 Prova ne sia che ancor oggi il Festival non ha ancora riportato alla ribalta tutti i titoli: uno «nuovo» si è aggiunto ora con l’opera inaugurale di questa edizione, «Adelaide di Borgogna» il cui lungo sonno, dopo il non fortunato debutto romano del 1817, era durato fino al 1984 quando fu risvegliata dal Festival della Valle d’Itria, meritorio indubbiamente insieme a quello pesarese della «Rossini Renaissance».
 Fu utile quella fortunosa ripresa a individuare certi tratti dell’opera che ora, nella riproposta del ROF sulla base dell’edizione critica realizzata da Gabriele Gravagna e Alberto Zedda, trovano più scoperto rilievo, a smantellare i pregiudizi sedimentati dalla critica ottocentesca, complice l’austero Radiciotti che senza mezzi termini la giudicò «la peggiore delle opere serie di Rossini».
 Quante volte simili giudizi sono stati capovolti, anche nel caso dello stesso Verdi, a dire di quel gioco di vischiosità che si insinua nella storia. A smontare l’opinione di Radiciotti, dopo l’ascolto dell’altra sera, concorre indubbiamente la ritrovata coscienza di tutto il Rossini serio in quest’ultimo trentennio, ciò che ci consente di vedere in questa «Adelaide» uno dei modi assunti dal pesarese per rivivere il 'dramma' attraverso la musica, vale a dire decantando la più pressante evidenza attraverso la bellezza del canto, quella ardimentosa virtuosità intesa quale metafora, trascrizione simbolica non meno che emozionale di tormenti , strazi, abbandoni sognanti.
 La vicenda dell’opera, approntata dallo Schmidt per un Rossini impegnatissimo in quell'anno a Napoli ma deciso a non rinunciare alla richiesta di Roma (che anno quel 1817, con «Cenerentola», «Gazza ladra» e «Armida»!) ci porta nel medioevo, alle lotte tra Ottone e Berengario con al centro la bella Adelaide, vicenda piena di colpi di scena, incredibili ma che Rossini appunto scioglie attraverso una rete abilissima di duetti, terzetti, quartetti soprattutto, i due magnifici che fungono da finali, percorsa all’interno da un recitativo di forte segno espressivo, un tessuto di musica di impalpabile seduzione, nella pregnanza della strumentazione e nella avvolgente presenza della coralità, entro il quale i personaggi lasciano affiorare la propria fisionomia. 
Un passaggio questo, tra carattere vocale e individuazione drammatica sempre rischiosissimo quanto affascinante, artefice in particolare l’interprete: ben realizzato l’altra sera da Jessica Pratt nell’incarnare l’arduo profilo di soprano di agilità che Rossini crea per Adelaide, non meno virtuosistico quello di Ottone, concepito 'en travésti', che ha trovato piena rispondenza nella sempre autorevole Daniela Barcellona; puntata estrema anche per Adelberto (figlio di Berengario e aspirante alla conquista di Adelaide) che Rossini concepisce come 'contraltino', misura assolta non senza evidente sforzo da Bogdan Mihai. Ben posato invece il Berengario di Nicola Ulivieri. Dirigeva i complessi del Comunale di Bologna Dmitri Jurowski, con riconoscibile disinvoltura, anche se di segno a volte un po' grezzo. Del tutto artificiosa, faticosa per lo spettatore, la regia di Pier'Alli, mirata a ricreare tutto il sottofondo di quella meravigliosa astrazione che è la musica di Rossini: il clima medioevale, con l’ormai scontata miscela ottocentesca, le battaglie, squarci di crudo realismo affidati al cinema e insieme la freddezza di un'impaginazione araldica, tipo multischermo; insomma , si diceva, un disagio per gli occhi e per la mente che il pubblico alla fine ha sonoramente rimarcato; meno spiegabili i «buhu» per la Barcellona... 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Banda di ladri acrobati: arrestato un albanese residente a Sorbolo

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

2commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

4commenti

COMUNE

Sauro Fontanesi è il nuovo delegato alla Sicurezza del Comune

Fontanesi lascerà il comando della Municipale di Castelnovo Monti. Il suo ruolo: affiancherà l'assessore nella gestione degli interventi

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo: furto al centro diurno, nel laboratorio dei disabili

Le anticipazioni della Gazzetta di Parma di domani

tg parma

San Michele Tiorre, trasferiti da Parma i primi 8 migranti Video

4commenti

Via Burla

Rissa fra detenuti, agente ferito a Parma. Il Sappe: "Carcere praticamente in mano ai detenuti"

Il sindacato Sappe ribadisce i problemi di organico della polizia penitenziaria

2commenti

soccorso alpino

Escursionista cade sul monte Caio e batte la testa: ferito un 21enne reggiano

Il giovane è stato portato al Maggiore. Non è in pericolo di vita

AEREI

Ryanair: Confconsumatori chiede un procedimento per omessa informazione ai viaggiatori

Ecco le proposte dell'associazione parmigiana dopo l'incontro all'Enac

PROVINCIA

Ponte di Colorno-Casalmaggiore: accelerati i lavori di verifica

Resta l'ipotesi del ponte di barche

2commenti

PARMA

Tajani al Collegio Europeo: "Il voto tedesco impone Italia protagonista per la stabilità" Video

Il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, ha aperto l'anno accademico con una lectio magistralis

parma

In bici ubriaco: denunciato e due ruote sequestrata

7commenti

gazzareporter

In piazza Garibaldi è arrivato Capitan Acciaio Gallery

corso per ds

Coverciano: a lezione del professor Faggiano

PARMA

Nuovo rettore: mercoledì il primo turno delle elezioni, 6 candidati in lizza

Se nessuno otterrà la maggioranza assoluta, si tornerà a votare la prossima settimana

gazzareporter

Frigo e materassi in strada... Rifiuti abbandonati in via Pelacani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

COMO

Morta con fazzoletti in bocca: giallo alla casa di riposo

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano: 30 anni fa e oggi, le foto

1commento

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery