Spettacoli

"Adelaide di Borgogna" si perde tra i maxischermi

"Adelaide di Borgogna" si perde tra i maxischermi
0

di Gian Paolo Minardi

Rossini Festival, 32ª edizione: approdo consolidato, oltre che dalla risposta del pubblico, proveniente da ogni parte del mondo (il Festival italiano dove si respira davvero un’aria internazionale), dalle ragioni stesse da cui ha preso vita, l’approfondimento di un musicista la cui produzione teatrale, vastissima nonostante si fosse interrotta prematuramente, era ancora in gran parte sommersa.
 Prova ne sia che ancor oggi il Festival non ha ancora riportato alla ribalta tutti i titoli: uno «nuovo» si è aggiunto ora con l’opera inaugurale di questa edizione, «Adelaide di Borgogna» il cui lungo sonno, dopo il non fortunato debutto romano del 1817, era durato fino al 1984 quando fu risvegliata dal Festival della Valle d’Itria, meritorio indubbiamente insieme a quello pesarese della «Rossini Renaissance».
 Fu utile quella fortunosa ripresa a individuare certi tratti dell’opera che ora, nella riproposta del ROF sulla base dell’edizione critica realizzata da Gabriele Gravagna e Alberto Zedda, trovano più scoperto rilievo, a smantellare i pregiudizi sedimentati dalla critica ottocentesca, complice l’austero Radiciotti che senza mezzi termini la giudicò «la peggiore delle opere serie di Rossini».
 Quante volte simili giudizi sono stati capovolti, anche nel caso dello stesso Verdi, a dire di quel gioco di vischiosità che si insinua nella storia. A smontare l’opinione di Radiciotti, dopo l’ascolto dell’altra sera, concorre indubbiamente la ritrovata coscienza di tutto il Rossini serio in quest’ultimo trentennio, ciò che ci consente di vedere in questa «Adelaide» uno dei modi assunti dal pesarese per rivivere il 'dramma' attraverso la musica, vale a dire decantando la più pressante evidenza attraverso la bellezza del canto, quella ardimentosa virtuosità intesa quale metafora, trascrizione simbolica non meno che emozionale di tormenti , strazi, abbandoni sognanti.
 La vicenda dell’opera, approntata dallo Schmidt per un Rossini impegnatissimo in quell'anno a Napoli ma deciso a non rinunciare alla richiesta di Roma (che anno quel 1817, con «Cenerentola», «Gazza ladra» e «Armida»!) ci porta nel medioevo, alle lotte tra Ottone e Berengario con al centro la bella Adelaide, vicenda piena di colpi di scena, incredibili ma che Rossini appunto scioglie attraverso una rete abilissima di duetti, terzetti, quartetti soprattutto, i due magnifici che fungono da finali, percorsa all’interno da un recitativo di forte segno espressivo, un tessuto di musica di impalpabile seduzione, nella pregnanza della strumentazione e nella avvolgente presenza della coralità, entro il quale i personaggi lasciano affiorare la propria fisionomia. 
Un passaggio questo, tra carattere vocale e individuazione drammatica sempre rischiosissimo quanto affascinante, artefice in particolare l’interprete: ben realizzato l’altra sera da Jessica Pratt nell’incarnare l’arduo profilo di soprano di agilità che Rossini crea per Adelaide, non meno virtuosistico quello di Ottone, concepito 'en travésti', che ha trovato piena rispondenza nella sempre autorevole Daniela Barcellona; puntata estrema anche per Adelberto (figlio di Berengario e aspirante alla conquista di Adelaide) che Rossini concepisce come 'contraltino', misura assolta non senza evidente sforzo da Bogdan Mihai. Ben posato invece il Berengario di Nicola Ulivieri. Dirigeva i complessi del Comunale di Bologna Dmitri Jurowski, con riconoscibile disinvoltura, anche se di segno a volte un po' grezzo. Del tutto artificiosa, faticosa per lo spettatore, la regia di Pier'Alli, mirata a ricreare tutto il sottofondo di quella meravigliosa astrazione che è la musica di Rossini: il clima medioevale, con l’ormai scontata miscela ottocentesca, le battaglie, squarci di crudo realismo affidati al cinema e insieme la freddezza di un'impaginazione araldica, tipo multischermo; insomma , si diceva, un disagio per gli occhi e per la mente che il pubblico alla fine ha sonoramente rimarcato; meno spiegabili i «buhu» per la Barcellona... 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Lega Pro

Oggi Parma-Bassano

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery