16°

Spettacoli

Addio a Jacopetti, inventò il genere del docu-film

Addio a Jacopetti, inventò il genere del docu-film
0

 Giorgio Gosetti

Era di Barga, toscanaccio per discendenza e per scelta; viveva a Roma in un attico appartato e lontano dal frastuono di quella città del cinema che per una breve stagione lo adottò facendone il diavolo e l’eroe contemporaneamente. Gualtiero Jacopetti, nato il 4 settembre del 1919 e scomparso mercoledì sera, è stato la pietra dello scandalo e il protagonista di una breve stagione del giornalismo e del cinema italiano: quella che fotografava l’Italia degli anni '50 che tra mille paure e frenesie si affacciava agli anni '60.
 Non è certo per caso che proprio a lui si ispirò Federico Fellini per costruire il personaggio di Marcello, cronista cinico e timido di «La dolce vita». In quegli anni il vero Jacopetti aveva tutta Via Veneto ai suoi piedi: era stato giornalista d’assalto, detenuto in carcere, protagonista di polemiche e processi, cacciatore di donne e sedotto dalle donne. Occhi azzurrissimi, cipiglio ribelle, capelli neri, eterno sorriso beffardo, si era fatto largo da solo nel mondo dell’informazione e del cinematografo.  «All’estero – ha raccontato una volta a Barbara Palombelli in un’intervista -, “Mondo Cane” e “Africa Addio” sono oggetto di culto e di studio. In Italia, invece, mi hanno detto di tutto: razzista, fascista, mi hanno accusato perfino di strage. Tutto falso come poi i tribunali hanno dimostrato. Sia chiaro: rifarei tutto quello che ho fatto. E mai stato fascista».
Si è sempre invece definito «liberale e anticomunista», venerava il suo primo direttore di giornale, Indro Montanelli, e alla sua visione laica del mondo si ispirava. 
Lo conobbe subito dopo la guerra, che aveva vissuto da volontario e poi da partigiano, ma sempre onesto nel dichiarare la grande fascinazione che su di lui aveva avuto il mito del Duce. Alla vigilia delle elezioni del '48 diede vita a un movimento anticomunista, quindi partì da clandestino per l’Austria e lì cominciò la sua carriera di reporter, inviato speciale ante litteram: appassionato di viaggi e sempre alla ricerca delle sfide estreme, sarebbe andato più volte in Africa, avrebbe conosciuto la prigione (condannato per lo stupro, sempre negato, di una minorenne che poi sposò), avrebbe dato vita negli anni '50 al suo primo giornale “Cronache”, insieme a firme di assoluto prestigio.
Dopo un’intervista al Negus d’Etiopia venduta alla «Settimana Incom» diretta da Barzini Junior, l’intraprendente giornalista si specializzò nei reportage ad effetto. E insieme all’amico Carlo Prosperi convinse il commendatore Rizzoli a produrre il suo primo film di montaggio. Era il 1961 e «Mondo cane» fece il giro del mondo con un effetto a sensazione che fruttò clamorosi incassi e dure polemiche. La colonna sonora di Riz Ortolani («More») divenne la sigla sonora di quel decennio. Dopo un sequel realizzato di malavoglia, altri titoli come «La donna nel mondo» (con Paolo Cavara) e «Addio Zio Tom», Jacopetti torna a far parlare di sè in modo clamoroso con «Africa addio» del 1964 sui guasti e le storture della fine del colonialismo.
La ricetta del successo è sempre la stessa, un genere di cinema documentario soggettivo e provocatorio che resta indissolubile dal suo nome: immagini a sensazione, punto di vista cinico ed anticonvenzionale, indifferenza ai modelli etici della chiesa e del comunismo, individualismo ostentato e aggressivo. «All’inizio degli anni '80 mi chiamò perfino Berlusconi – ha raccontato – che voleva affidarmi le sue televisioni ma poi mi spiegò che non poteva per il veto dei socialisti. Oggi che è un po' in disarmo mi verrebbe voglia di cercarlo: sono fatto così, mi piacciono i perdenti».
Intanto la vita privata negli anni '60 di Jacopetti fu altrettanto tumultuosa: lasciata la prima moglie si fidanzò, per la gioia dei paparazzi, con l’attrice Belinda Lee. Ebbe con lei un terribile incidente d’auto, rimase a lungo dipendente dalle droghe, mise al mondo una figlia adorata. Un paio di film sfortunati sempre appartenenti al modello originale (l'ultimo fu «Mondo Candido»), gli chiusero le porte del cinema e cominciò un lento declino raccontato di recente nel libro/intervista «Mondo cane addio» pubblicato su Internet nel 2010 da Marcello Bussi. Difficile ancor oggi dire chi sia stato Gualtiero Jacopetti: certamente un innovatore del linguaggio giornalistico e del documentario, certamente un «cane sciolto» prima sopravvalutato e poi esecrato; certamente un uomo solo incapace di uscire dal cerchio della sua bravura e delle sue ossessioni.
Jacopetti sarà cremato e sepolto nel cimitero degli inglesi a Roma accanto a Belinda Lee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia