-2°

Spettacoli

Vive Verdi - Verdi a parole? Si può se la voce è di Albertazzi

Vive Verdi - Verdi a parole? Si può se la voce è di Albertazzi
0

Giulio Alessandro Bocchi

Solo sul palco, con la suggestiva cornice di Villa Pallavicino alle sue spalle, Giorgio Albertazzi ha reso il suo omaggio a Giuseppe Verdi, giovedì sera per la rassegna «estaVerdi».
«Che c’entro io con Verdi?», ha esordito il grande attore, per poi spiegare al pubblico che nello stesso albergo dove morì il Cigno di Busseto, il «Grand Hotel et de Milan» (dove ogni stanza è intitolata a grandi personaggi, da Maria Callas a Luchino Visconti) c’è anche una suite Albertazzi: proprio lui. «E io di tutti questi sono l’unico ad essere ancora vivo», ha accuratamene precisato. 
Il reading («fa figo dire reading» ha scherzato ancora Albertazzi) è iniziato con la narrazione di alcuni brani tratti da «La signore delle camelie» (che isprò «La traviata») con l’amore tra Margherita ed Armando, divenuti poi Violetta e Alfredo nel capolavoro verdiano. Non è stata comunque una semplice lettura visto che Albertazzi ha colorato l’incontro anche con alcuni monologhi e aneddoti.
Le musiche originali di Riccardo Joshua Moretti, scritte in stile verdiano, sono state fatte ascoltare nei momenti di pausa: accattivanti composizioni, di aderente somiglianza stilistica, che hanno suscitato anche i complimenti dell’attore e si sono fatte apprezzare per l’efficace pregnanza emotiva, anche se la riproduzione attraverso suoni campionati è sempre in qualche modo limitativa.
Dopo il romanzo di Alexandre Dumas figlio, Albertazzi è passato a Shakespeare con le due tragedie e la commedia messe in musica da Verdi grazie ai libretti di Piave e di Boito. Dall’Otello (o più shakespearianamente Othello) l’attore ha recitato alcuni monologhi del protagonista, compreso quello finale, prima del suicidio del moro. 
Dopo un intermezzo con il celebre “dubbio amletico”, si è passati al Macbeth e Albertazzi ha ricordato di quando allo Sferisterio di Macerata realizzò una regia dell’opera.
Si è comunque scelto di terminare la serata in modo più brioso con «Le allegre comari di Windsor» e le burle organizzate ai danni del panciuto e velleitario Sir John Falstaff. Quando in passato vestiva i panni del corpulento Falstaff, Albertazzi doveva portare una «pancia» di 9 kgi. I problemi alla schiena (comunque giustificati dai suoi 88 anni) gli sono stati causati anche da questi travestimenti. Comunque ha commentato: «cosa non si fa per l’arte?»
Ai versi di Boito «tutto nel mondo è burla», dal finale di Falstaff, è spettato l’onore di concludere l’omaggio dedicato da Albertazzi a Verdi. Il pubblico, incantato, ha seguito lo spettacolo con grandissima attenzione.
Il grande attore, prima di salutare il pubblico con il monologo conclusivo della Tempesta, è stato omaggiato dal sindaco di Busseto, Giovanna Gambazza, dall’assessore provinciale al turismo, Agostino Maggiali, e da Stefano Prinzivalli, direttore del museo.
Martedì, sempre a Villa Pallavicino e sempre alle 21, nel prossimo appuntamento di «estaVerdi», si esibirà l’ Orchestra Filarmonica Giovanile della Colombia (biglietti a 20 euro). Per informazioni: Parma OperArt, www.parmaoperart.com, tel. 393 0935075; Museo Nazionale Giuseppe Verdi, www.museogiuseppeverdi.it, tel. 0524 931002; Azzali editori Parma tel. 0521 232929. 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve un presidio fisso: ma non di militari"

7commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

29commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

terrorismo

Bild, jihadisti pronti ad attacchi chimici in Germania

SOCIETA'

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

consigli

Come superare un colloquio di lavoro in inglese in 9 domande

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto