11°

29°

Spettacoli

Crialese: "Felice nonostante le malignità"

Crialese: "Felice nonostante le malignità"
0

Alessandra Magliaro
Emanuele Crialese è contento per il premio ma, non lo nega, anche amareggiato per le insinuazioni della stampa di aver avuto il Gran Premio speciale della giuria, terzo premio per importanza alla Mostra del Cinema di Venezia, con «Terraferma», per fare in qualche modo un favore all’Italia e propiziare una conferma del direttore della Mostra, Marco Muller.
«Perchè rovinare la festa a un regista italiano? Questo è autolesionismo, siamo un Paese di masochisti e a me non piace affatto» dice Crialese in un’intervista all’Ansa, sulla terrazza dell’Excelsior il giorno dopo a Venezia 68.
Crialese riflette ad alta voce: «Siamo sempre divisi, c'è sempre un complotto per spiegare le cose, questo modo di fare mi fa venire voglia di emigrare, perchè come si fa a trovare entusiasmo per andare avanti?». Il regista racconta l'accidentato viaggio per arrivare al Lido, «senza sapere che cosa avevo vinto, sereno che male che andasse avrei vinto una Osella con il buco» scherza, immaginando un fittizio premio microscopico. «L'idea che la giuria del Festival – si sfoga – possa essere stata influenzata, che Darren Aronofski sia corruttibile, è una cosa offensiva per lui e per gli altri. Chi siamo noi per mettere in discussione un verdetto, avere questa mancanza di rispetto per Darren e gli altri e per screditare in questo modo?» dice Crialese rispondendo alla domanda sulle eventuali pressioni avute per inserire tra i premi un film italiano a tutti i costi. Il regista di «Terraferma», proprio a dispetto di queste malignità, dice di essere «felicissimo innanzitutto di aver portato il film in una gara di livello così alto. È stato come giocare contro Pelè e Maradona. Essere poi tra i primi tre è al di là di ogni aspettativa. Questa mostra – prosegue – ha dato spazio a tanti maestri dell’immagine, penso a Polanski, Cronenberg, Sokurov, a film come “Shame”. Grande soddisfazione l'ho provata anche leggendo la stampa internazionale. Quella italiana su “Terraferma” si è un pò divisa, e se hai un minimo di senso critico ne sei colpito. Ma vedere che la stampa inglese e americana ha capito il mio film è stata una ulteriore vittoria, perchè ho ottenuto quello che volevo, fare un film con un linguaggio universale, che parlasse al mondo e non solo all’Italia».
Per arrivare a Venezia sabato, il viaggio è stato tragicomico: «Siamo partiti alle sei di mattina da Lampedusa, il verdetto era blindato, mi avevano solo detto che c'era un qualche premio. Saliti sull'aereo, i motori si sono spenti due volte e io, che sono ansioso, avevo deciso di scendere e non ripartire più. Poi un charter diretto a Rimini mi ha fatto cambiare idea, a prenderci un camioncino con gli ammortizzatori di un trattore. Siamo arrivati al Lido ieri pomeriggio (sabato, ndr), mi sentivo stordito, teso e come uscito da una lavatrice. Ma la gioia del premio è stata più forte di tutto, anche se ero pronto all’Osella con il buco». Emanuele Crialese trova infine «scandaloso» quel che è capitato a Venezia alla sua collega Cristina Comencini, fischiata dalla stampa durante la proiezione del film «Quando la notte», in concorso. «Trovo disgustoso che durante la proiezione di un film qualcuno sia così incivile da fischiare, questo influenza una proiezione, toglie imparzialità, contamina un giudizio. Sono manifestazioni da stadio, quelle persone – conclude Crialese esprimendo solidarietà alla collega - andassero a vedere la partita invece di vedere i film della Mostra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con le mostre di Fotografia Europea

REGGIO EMILIA

Ritratti, curiosità, Storia: un altro weekend con Fotografia Europea Foto Video

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Incidenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

tg parma

Scarpa: dalla sicurezza al welfare, ecco 10 punti per il rilancio della città Video

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

2commenti

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

1commento

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

palermo

Bimbo di un anno muore soffocato da un'oliva

VISITA

Il Papa a Genova: "Oggi il lavoro è a rischio. No alla speculazione" Foto

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

Calciomercato

Milan, ultimatum a Donnarumma

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima