21°

32°

Spettacoli

Armiliato: "Così passo da Verdi a Woody Allen"

Armiliato: "Così passo da Verdi a Woody Allen"
0

Elena Formica

In «Match Point» c'erano Donizetti, Verdi, Rossini, la loro musica. In «The Bop Decameron» ci sarà Armiliato, il tenore Fabio Armiliato. Woody Allen ama l’opera, è stato regista di un fortunato «Gianni Schicchi» e nel nuovo film che da poco ha terminato di girare a Roma, intingendo le idee nel Decameron del Boccaccio, non si è accontentato - si fa per dire - di star cinematografiche come Penelope Cruz e Alec Baldwin, ma ha voluto anche un tenore famoso e italianissimo: Fabio Armiliato. A Liegi, dove Armiliato e Daniela Dessì sono impegnati nel «Trovatore» (che stanno anche registrando come fecero in aprile con «Otello», poi sarà la volta della «Forza del destino»), la notizia ha creato eccitazione tra il pubblico e nei media. Questi sono solo i primi effetti di un evento indubbiamente eccezionale nella carriera di un cantante lirico: non tanto girare un film con un regista importante di cinema quanto lavorare con Woody Allen.
«Non potevo fare in Italia un film senza Benigni», aveva dichiarato lo stesso Allen durante le riprese a Roma. Infatti ci sarà anche Roberto Benigni in «The Bop Decameron». Ma è altrettanto evidente che il regista newyorkese, accendendo i riflettori sull'Italia, non ha voluto rinunciare a un elemento caratterizzante come l’opera lirica. Così ha scritturato Fabio Armiliato, che proprio col Trovatore debuttò al Metropolitan di New York (1993), dove poi  tornò più volte con opere verdiane e veriste per la bacchetta di James Levine.
Si sa che il film di Woody Allen sarà strutturato a episodi. Ci può anticipare qualcosa della trama, in particolare quella dell’episodio con il tenore? Canterà? E che cosa?
« Non posso svelare nulla - risponde Armiliato -, come tutti gli attori del cast mi sono impegnato a mantenere il massimo riserbo su tutto, anche sul mio ruolo, per evitare fughe di notizie che potrebbero rovinare la sorpresa di questo film così particolare, così italiano. Woody Allen ha voluto nel cast, oltre a Benigni, diversi importanti attori italiani: Antonio Albanese, Riccardo Scamarcio, Flavio Parenti e altri ancora. Si tratta, in un certo senso, di un omaggio estremamente originale al nostro Paese, alla nostra cultura. Non a caso il titolo richiama il Decamerone del Boccaccio».
Come le è arrivato l’invito a partecipare al film?
«Non me lo aspettavo, questo è certo. Ma, subito dopo, ho compreso che da tempo mi stavano tenendo d’occhio. Mi spiego: Woody Allen voleva un tenore per 'The Bop Decameron', un tenore conosciuto al grande pubblico, ma anche capace di recitare davanti alla macchina da presa. Così io, senza saperlo, sono entrato nel novero dei possibili interpreti, in tutto una quindicina e non solo italiani. Sono stato chiamato, ho fatto il provino come attore (non come cantante, ovviamente!), e Woody Allen ha scelto me. A Roma, durante le riprese, mi sono trovato benissimo. Grande rispetto, grande attenzione mi è stata rivolta non solo in quanto attore, ma soprattutto in quanto artista del teatro d’opera. Ciò fa capire quanto sia amata e in quanta considerazione sia tenuta l’opera in ambito internazionale: il melodramma è uno dei punti d’eccellenza della cultura italiana nel mondo e girare questo film, per me, significa anche poter rafforzare l’incisività di tale messaggio attraverso lo straordinario canale del cinema. Bisogna insistere, in Italia, nel diffondere a tutti i livelli la consapevolezza e l’orgoglio di questo enorme patrimonio culturale che ci appartiene, che ha conquistato il mondo e che pertanto non si può insensatamente disperdere».
Sul set con Woody Allen. Come si lavora con lui?
«E’ una persona riservata, un uomo di poche parole. All’attore dà indicazioni sintetiche, ma estremamente precise, senza tuttavia forzare l’approccio naturale alla scena o alla battuta. Woody Allen ama la voce, questo sì, e ciò è risultato assolutamente evidente durante le riprese. Il film è stato girato in inglese, con frasi sparse in italiano. Io non ho avuto difficoltà con l’inglese, che parlo senza particolari problemi. Ho lavorato in totale serenità e la possibilità di mettermi in gioco a fianco di grandi attori è stata veramente stimolante».
 Aspettative?
«Il fatto di girare un film diretto da Woody Allen va al di là di ogni aspettativa individuale. E' un’esperienza che ha valore e significato in sé, che va vissuta pienamente in quanto tale. E' un regista grandissimo, uno dei protagonisti della storia del cinema. Sono felice, semplicemente, di avere lavorato con lui».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

botta e risposta pizzarotti / scarpa

ELEZIONI 2017

Pizzarotti-Scarpa, la sfida finale Video-intervista doppia

di Chiara Cacciani

15commenti

Lealtrenotizie

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19

elezioni 2017

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19  Video

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

1commento

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

3commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

7commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

SOCIETA'

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

Moto

Valentino Rossi da leggenda ad Assen, battuto Petrucci

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse