14°

Spettacoli

"Un ballo in maschera" da brividi

"Un ballo in maschera" da brividi
0

di Gian Paolo Minardi

«Un ballo in maschera» opera di crinale, si è detto, per questo un’opera particolarmente «difficile» tra quelle di Verdi, proprio per il punto di svolta che essa registra significativamente nella carriera del compositore, il quale, si ricorderà, se aveva giudicato bello e grandioso il dramma di Scribe, «Gustavo III», ne aveva altresì criticato « i modi convenzionali di tutte le opere in musica, cosa che mi è sempre spiaciuta, ma che ora trovo insoffribile». Insofferenza da cui, appunto, nascerà un capolavoro dal colore emozionale nuovo, la cui strategia drammaturgica si scosta decisamente da quella convenzionale, giocando invece sul rapporto inedito che si viene a stabilire tra l’ambientazione e il dramma vero e proprio, tra una cornice galante, frivola, toccata pure da spunti comici e l’abisso di una devastazione amorosa inesorabile. Da ciò, dunque, la « difficoltà» del Ballo dovuta a quel suo trascolorare continuo, dall’apparenza più futile alla passione più segretamente incontenibile, senza che tutto ciò rechi lacerazioni troppo scoperte ad una partitura che va plasmandosi con una misura perfetta, che si snoda con quella naturale flessibilità in cui pare di riconoscere l’originaria pulsazione vitale; in questo senso, come più volte è stato rimarcato, opera «mozartiana». E proprio questa mobilità del discorso innerva una narrazione continua, attraverso le fibre di quel sinfonismo che affiora più marcatamente rispetto alle precedenti opere e sembra fagocitare quella struttura a forme chiuse, ancora ben riconoscibile in filigrana ma non più stagliata a profili netti. Verdi sembra infatti allargare le maglie del tessuto per affrontare una nuova complessità, imposta dall’intridersi di due dimensioni contrastanti, quella della commedia che si apre alla tragedia; apprestando quindi modi più leggeri e più ariosi, più elastici anche, mai divaganti tuttavia, perché il dramma circola dentro a quei percorsi più sinuosi, pronto ad affiorare repentino, ad esplodere anche, ma sempre nel rispetto di una nuova misura che non può non far pensare, appunto, a quella mozartiana. Lo aveva intuito acutamente Gabriele Baldini che nella sua avvincente monografia, «Abitare la battaglia», interrotta fatalmente dalla morte, si era appunto soffermato sul «Ballo» con illuminante predilezione; del tutto d’accordo con Mila nel riconoscere che il «Ballo» «è la sola opera di Verdi in cui il rapporto d’uno schietto e appassionato amore, e tanto più appassionato quanto proibito e non attinto, si trovi al centro dell’azione e tutta la illumini». Un momento culminante, dunque, di una visione amorosa che prima aveva assunto altre declinazioni - quel rapporto padre-figlia in particolare che nutre «Rigoletto» per dilatarsi più sottilmente in «Traviata» e «Trovatore» - e che nel «Ballo» erompe con quella particolare intensità che guida l’immaginazione verdiana a concentrarne la forza nel grande duetto d’amore: «un espediente che Wagner, per il ''Tristano'' farà proprio in quegli stessi anni, e per le stesse ragioni, e cioè per raggiungere gli stessi effetti: e, naturalmente - commenta Baldini - il parallelo nasce e muore qui». La proposta discografica della «Gazzetta» - «storica» è inutile sottolinearlo - si colloca con passo perentorio su questa particolare lunghezza d’onda, grazie soprattutto alla presenza della Callas, che col «Ballo» avrebbe inaugurato l’anno seguente a questa registrazione la stagione scaligera. Riprendiamo le parole di Mila che mettono a fuoco l’intensità di quella interpretazione: «...ella ha capito benissimo il carattere di quest’opera di Verdi, che eccezionalmente ed una volta tanto ritorna indietro, ben inteso con un linguaggio musicale interamente suo e moderno, al tipo d’opera d’amore, di carattere sostanzialmente borghese, che Bellini e Donizetti avevano affermato nell’Italia borbonica, anteriore all’allargamento d’orizzonti portato dal Risorgimento. La Callas ha capito che Amelia non è una grande eroina tragica, non è una Medea o un’Antigone: è fatta della stessa pasta di Violetta Valery, è una povera donnina che sfiora l’adulterio e che trova tanto difficile sbrogliarsi dalle complicazioni di questo mondo... Capito questo, la sincerità dell’interpretazione è andata progressivamente crescendo e ha raggiunto la massima intensità di vibrazioni in quella spiegazione coniugale del primo quadro del terzo atto...» dove in effetti anche nell’ascolto del disco si rimane avvinti dalla sinuosità drammatica del fraseggio, dalla mobilità degli accenti e dalla varietà dei colori. Un supremo controllo che marcava il contrasto con la naturale generosità di Di Stefano il cui canto aperto, solare sembra rispondere all’interrogativo postosi da Baldini sulla stranezza che un personaggio tanto austero come Amelia «tolleri di farsi dettar legge da un personaggio tanto frivolo come Riccardo: ma in questa apparente anomalia - si risponde con sottigliezza Baldini - è proprio il margine della ricchezza psicologica di cui si alimenta quest’opera». A completare il quadro un Gobbi sempre autorevole, l’Ulrica profonda della Barbieri, l’Oscar frizzante della Ratti. Il tutto sotto la bacchetta esperta e rassicurante di Antonino Votto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia