Spettacoli

Casa della Musica: un convegno per ricordare Guadagnini

0

Raffinato preludio al complesso e ricco programma di iniziative, mostre, concerti che col titolo di “Giovanni Battista Guadagnini 1711-1786. Un liutaio alla corte di don Filippo di Borbone” si terrà nei prossimi giorni a celebrare i trecento anni dalla nascita di questo grandissimo liutaio, e al tempo stesso fondamentale momento di studio e indagine sulla sua figura e opera, sarà la Giornata di Studi a lui dedicata che si terrà alla Casa della Musica nella mattinata di martedì 4 ottobre a partire dalle ore 9.30, a ingresso liberamente aperto a tutti gli interessati.
Questa Giornata di Studi, ma anche la mostra  che si svolgerà alla Galleria Nazionale e tutte le altre iniziative organizzate in quest’occasione, saranno motivo per approfondire non solo le vicende biografiche legate alla vita di Guadagnini, dalla nativa Bilegno a Piacenza, Milano, Parma ed infine a Torino, ma per collocare la sua opera nel contesto in cui essa venne esercitata, dedicando un'attenzione particolare al periodo parmigiano (1758-1771) durante cui fu stipendiato dai duchi come liutaio di corte. Prodromo di grande significato a questo articolato percorso, in questa giornata i maggiori specialisti troveranno occasione di riflettere e confrontarsi sugli esiti più aggiornati degli studi su Guadagnini, dopo che il fondamentale libro di Duane Rosengard del 2000 ha impresso una svolta decisiva alla comprensione della sua figura storica e della sua opera.
Questo incontro alla Casa della Musica, che si inserisce inoltre nelle numerose manifestazioni che arricchiscono questo mese che Parma dedica a Verdi, permetterà quindi di affrontare nuovamente tali problematiche, alla luce di nuove prospettive storiche, documentarie e di nuove metodiche di indagine scientifica, grazie alle relazioni di Giuseppe Martini, Philip J. Kass, Alberto Giordano, Franco Zanini, Nicola Sodini, Terry Borman e Brigitte Brandmair.
In particolare, Giuseppe Martini si occuperà di recenti scoperte documentarie su Guadagnini, che riguardano in gran parte il suo periodo passato alla corte di Parma; dopo l'uscita dell'opera di Duane Rosengard, cui Martini aveva già collaborato, nuovi documenti possono ora aiutare a comprendere più approfonditamente i rapporti del liutaio con la corte borbonica.
Philip J. Kass, esperto di strumenti e curatore della collezione del Curtis Institute di Philadelphia, si occuperà invece del percorso stilistico di Guadagnini attraverso i successivi periodi di Piacenza, Milano, Parma e Torino, riservando naturalmente un'attenzione particolare agli strumenti in mostra alla Galleria Nazionale. Gli aspetti scientifici sono invece connessi a nuove prospettive di studio degli strumenti musicali introdotte da alcuni anni. Queste metodiche sono state recentemente applicate, dai medesimi esperti che interverranno alla Casa della Musica, allo studio di famosi esemplari di Antonio Stradivari e Giuseppe Guarneri del Gesù, e la mostra di Parma darà l'occasione di compiere queste ricerche anche su Guadagnini, che è probabilmente il terzo liutaio classico in ordine di importanza storica.
Alberto Giordano e Nicola Sodini daranno conto di un loro studio compiuto su un Guadagnini del 1753 attraverso la micro-tomografia, una tecnica molto sofisticata (che hanno reso adatta agli strumenti musicali in collaborazione con l'università di Trieste) che permette l'analisi delle caratteristiche morfologiche e di conservazione dei violini. Interverrà in seguito il liutaio americano Terry Borman, che illustrerà il progetto di studio che verrà compiuto sugli strumenti in mostra, di nuovo attraverso TAC e con indagini di tipo fisico-acustico. Brigitte Brandmair è invece un'esperta di strumenti specializzata nello studio dei materiali e dei metodi di verniciatura degli strumenti classici (un argomento sempre molto dibattuto). La Brandmair ha di recente pubblicato un'importantissima monografia sulla vernice di Stradivari, e parlerà dei metodi di finitura usati da Guadagnini.
Com’è facile capire, un programma di studi davvero allettante e sicuramente attraente per scoprire un mondo affascinante e per molti sconosciuto, quello della liuteria, attraverso uno dei suoi più grandi interpreti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)