-2°

Spettacoli

"Un ballo in maschera splendidissimo"

"Un ballo in maschera splendidissimo"
0

 Bisogna confessare il senso di soddisfazione creato da una messa in scena che, una volta tanto, non ti costringa a leggere dietro le apparenze chissà quali significati occulti, senza quei cortocircuiti spesso gratuiti che ti riportano all’attualità. Solo rimandi a certi climi pittorici, a certe atmosfere con l’abilità che Pier Luigi Samaritani sapeva evocare, sempre nella consapevolezza della preminenza delle istanze poste dalla retorica del melodramma; tratti che il tempo - un tempo vorace come il nostro nella ricerca di novità, già insidiate dall’effimero - non ha per nulla appannato, a ricordare la prima apparizione al Regio di questa messa in scena nel gennaio del 1989, quindi la ripresa di dieci anni dopo per ritrovarci ora di fronte allo stesso progetto, nella rivisitazione registica di Massimo Gasparon che ha rimesso a fuoco alcuni scorci aggiungendo anche qualche tocco sul registro del grottesco. Condizione questa definita da una messa in scena non prevaricante che appare oltremodo necessaria a non turbare i caratteri di un’opera come il «Ballo» che trovano la propria ragione, anche di novità nello spettro verdiano, in quel sottilissimo integrarsi di dramma e di comicità che penetra l’andamento musicale, in termini di flessibilità formale e di sensibilità coloristica; un discorso che procede coi toni di una commedia e che stempera non poco l’incombenza pessimistica che solitamente grava sulla drammaturgia verdiana. Una diversa «leggerezza», insomma, che Gelmetti ha inteso riscattare in tutta la sua sfrangiata sottigliezza con quella sua disinvoltura nello snodare il filo che se ha assicurato la continuità del narrare non ha evitato qualche opacità sulla qualità del colore e qualche esuberanza nel rapporto col palcoscenico. Dove la proverbiale «difficoltà» di quest’opera, nella diversificata articolazione dei caratteri vocali, trovava una risposta piuttosto consistente da parte dei tre principali interpreti: in particolare nella prova di Kristin Lewis, che in quella vocalità tesa, toccata da luci sideree, benché talora rasentanti una certa asprezza, è parsa centrare il profilo di Amelia, prima vera apparizione sull'orizzonte verdiano di quel soprano drammatico che trova la sua definizione nell’ampiezza e nell’intensità del respiro, e pure in quel lirismo che il sapiente controllo mostrato dalla Lewis ha reso intimamente struggente. Non meno complessa la fisionomia di Riccardo, il personaggio musicale, diceva Baldini, più felice di vivere e più disperato di morire, ciò che chiede tutta quella mobilità di affetti, tra inflessioni liriche e slanci appassionati e pure quella brillantezza di modi imposti dal ruolo pubblico (non certo marginale, è stato giustamente rilevato da chi ha sottolineato come il suo estremo commiato sia alla «diletta America» e non alla «diletta Amelia»); un ruolo che Francesco Meli ha affrontato con pienezza d’intenti, forse esternando non senza qualche senso di sforzo la disperazione e sciogliendo più sensibilmente la felicità, intrisa di fugaci strazi, quelli che ha dosato con finezza nell’ardua ultima aria (con le insidie della «la zona di “passaggio”!»). Più lineare il filo svolto da Vladimir Stoyanov per calarsi nel personaggio di Renato, emblematico «baritono verdiano» ricreato dal compositore come portatore, nella nobiltà dell’immagine, di quei rovelli segreti che Stoyanov ha fatto suoi, più che con la seduzione del timbro, con la forza penetrante e con la naturalezza del fraseggio. A contorno dei tre agenti del tragico triangolo due voci in certo qual senso anomale, e anche per questo imprescindibili entro la singolare scacchiera del « Ballo», quella di Ulrica e di Oscar. Contralto che trascolora a mezzosoprano quella di Ulrica, soprano brillante quella di Oscar. La prima gestita con una certa sommarietà da Elisabetta Fiorillo, l’altra affidata alla voce mobile e brillante di una musicalissima Serena Gamberoni. Completavano il quadro con sicurezza e piena dedizione Antonio Barbagallo e Enrico Rinaldo nel ruolo dei due congiurati ed ancora Filippo Polinelli in quello di Silvano, Cosimo Vassallo(Un giudice), Enrico Paolillo (Un servo). Come sempre molto apprezzabile il coro diretto da Martino Faggiani.g.p.m.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Noceto, tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

1commento

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

24commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

2commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto