18°

Spettacoli

Battistoni: "Colgo il lato sensuale del Falstaff"

Battistoni: "Colgo il lato sensuale del Falstaff"
0

Lucia Brighenti

Aveva già detto che il «Falstaff» era la sua opera di Verdi prediletta, quando lo scorso aprile era a Parma per dirigere «Il barbiere di Siviglia». Ora Andrea Battistoni, primo direttore ospite del Teatro Regio, ribadisce il giudizio, dopo aver studiato accuratamente la partitura in vista del debutto al Festival Verdi, domani al Teatro Farnese. «Penso che 'Falstaff' sia la conferma definitiva, se ce n'era bisogno, della genialità di Verdi - afferma Battistoni -. Pochissimi compositori hanno avuto un percorso di crescita e di rinnovamento continuo come il suo. Verdi non si è mai accontentato dei risultati raggiunti né di aver creato la cifra del teatro italiano, ma ha sempre continuato a confrontarsi con il nuovo. “Falstaff” è un capolavoro assoluto in cui Verdi si riscatta, tra l’altro, nel linguaggio comico dopo l’insuccesso giovanile di “Un giorno di regno”». Con un cast formato da Ambrogio Maestri (Falstaff), Luca Salsi (Ford), Antonio Gandia (Fenton), Svetla Vassileva (Alice Ford), Barbara Bargnesi (Nannetta) e l’Orchestra e Coro del Teatro Regio, Battistoni si confronta ad appena 24 anni con un’opera tradizionalmente affrontata da direttori maturi: «punti di riferimento sono Toscanini e Giulini - spiega - eppure mi sono fatto guidare dal vero spirito di “Falstaff” che è un’opera molto meno crepuscolare di quanto può sembrare a una prima lettura. Verdi la scrisse ottantenne ma non traspare alcun segno di stanchezza o di depressione in questa musica. Lo spirito di Falstaff è quello di Verdi, uno spirito indomabile e pieno di energia travolgente e primordiale. E' ciò che mi ha colpito subito, ascoltando quest’opera, ed è il lato che mi piacerà mettere in luce dirigendola: il lato più sensuale, legato ai piaceri terreni, all’esaltazione delle grandi gioie della pancia, del vino, dell’amore. Solo all’inizio del terzo atto trapela la vera età di Falstaff e qui la tinta è necessariamente più scura». Dopo aver portato «Rigoletto» nella nuovissima Royal Opera House di Muscat, in Oman, qui a Parma Battistoni si confronta con un teatro che torna alla vita: «Si può dire che è il secondo teatro che inauguriamo in un mese. La sfida è la stessa dell’Oman: un’acustica mai testata, almeno in questo assetto. Ci siamo aperti la testa in due per trovare le soluzioni giuste: quella del Farnese è un’acustica molto abbondante, giusta per le voci ma che con un’orchestra grande come quella del “Falstaff” creava qualche problema. Mi pare però che le soluzioni trovate funzionino bene e l’intelligenza con cui il regista Medcalf ha creato l’ambientazione può conquistare tutti». Dopo aver debuttato il «Rigoletto» in forma concerto al Regio di Parma, lo scorso giugno, Battistoni lo ha diretto in forma scenica a Macerata e a Verona quest’estate: «Sono state entrambe esperienze magnifiche - racconta - specie il debutto all’Arena di Verona, la mia città, è stata un’emozione ricca di significato per me». La prossima sfida sarà a Valencia, dove dirigerà per la prima volta «Le nozze di Figaro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

IRAQ

Gli Usa ammettono responsabilità nel raid su Mosul Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa