-3°

Spettacoli

Stephen Medcalf: "Un Falstaff molto elisabettiano per il Farnese"

Stephen Medcalf: "Un Falstaff molto elisabettiano per il Farnese"
0

Elena Formica

Come stipare in questa "O" di legno pur solo gli elmi che tanto terrore sparsero per il cielo di Agincourt»? Con queste parole, nell’Enrico V, William Shakespeare cita - così vuole la tradizione - il famoso Globe, il teatro di legno a forma di «O» eretto a Londra nel 1599 e demolito, dopo le fiamme e la ricostruzione, nel 1642. Destino a volte glorioso, ma spesso precario, quello del legno che si fa teatro. «Alcuni sperduti rumori esterni, che vagano con uno smarrito raggio di sole, sono velati e tristi (...); se mai gli spiriti recitano commedie, essi recitano le loro in questo palcoscenico da fantasmi». Charles Dickens, in Pictures from Italy, così descriveva nel 1846 il Teatro Farnese di Parma, andato in rovina dopo lungo abbandono. La splendida «U» di legno progettata dall’Argenta all’inizio del Seicento era diventata un’inquietante platea di ombre. Poi altri disastri e il bombardamento del 1944. Con un restauro, fra il 1957 e il 1965, si salvò il salvabile. Dalla Londra elisabettiana alla Parma dei Farnese, goal del Festival Verdi su gran tiro di Shakespeare: questa sera, grazie a una vera messa in scena operistica, tornerà a nuova vita il Teatro Farnese. In programma l’ultima opera di Giuseppe Verdi - Falstaff - tre atti di puro genio ispirati a Le allegre comari di Windsor e all’Enrico IV (parti I e II) di William Shakespeare. «Falstaff è la più grande collaborazione mai esistita fra cultura inglese e cultura italiana», sentenzia quel gentleman risoluto che è Stephen Medcalf, passaporto britannico, regista di fama internazionale che a Parma aveva già lavorato in Manon Lescaut e Die Zauberflöte. Fantastica sul Farnese, obviously, Mister Medcalf. Sogna di allagarne la platea come nelle antiche naumachie e rappresentarvi l’Otello di Verdi. Intanto, però, deve sottilmente esercitare l’ingegno su Falstaff, annusando Shakespeare e odor di legno. «Siamo una squadra tutta inglese - spiega il regista -, con me lavorano Jamie Vartan per scene e costumi e Simon Corder per le luci. Non c'è niente, nell’allestimento di questo Falstaff al Farnese, che non fosse realizzabile anche nel teatro di 400 anni fa. Intendo dire che non abbiamo fatto nulla che non si potesse fare anche nel Seicento in un teatro come il Farnese, di pochi anni successivo al Globe; solo le luci costituiscono un elemento tecnologico attuale. Sicché è un Falstaff molto elisabettiano nella messa in scena, e credo pure molto shakespeariano nel considerare i nessi con le due parti dell’Enrico IV e con The merry wives of Windsor. Inoltre non mancano spunti derivati da Ser Giovanni Fiorentino, che del resto sono ben presenti anche nel libretto di Boito per Verdi». Nell’atmosfera di Windsor è immerso questo Falstaff: «Sì - conferma il regista -, ho voluto che si vedessero le case, le strade e il parco del mondo piccolo rappresentato da Windsor. Ho adottato soluzioni semplici e antiche, suggestive credo, comunque non di impianto realistico. Windsor è una comunità borghese, con caratteri borghesi: i protagonisti, a parte Falstaff, sono persone di mezza età, commercianti oppure donne con mariti noiosi e legati ai soldi. L’arrivo di Falstaff, una figura così tanto più grande di loro, rompe un equilibrio e crea eccitazione, specie fra le donne. Nel Falstaff verdiano si ravvisano i tratti psicologici del grande Falstaff dell’Enrico IV - dissoluto, mentitore, tracannatore, ma anche uomo di battaglia e assai prossimo agli affari della Corona - inseriti nella trama borghese delle "Merry wives". Ho quindi ideato uno spettacolo molto leggero, apparentemente semplice e con tempi rapidi: i cambi scena, ad esempio, non durano più di un minuto. E’ una regia fatta di dettagli, di ritmo, nella quale il personaggio di Falstaff emerge per la sua intelligenza, per la parola sagace, per l’autoconsapevolezza di essere il vero motore degli scherzi che gli altri credono di tendergli e che, invece, sono la burla stessa della loro vita. E’ un Falstaff anziano e un po' depresso, persino commovente. Ma un Falstaff autenticamente verdiano per spirito e umanità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci

14commenti

consiglio comunale

Botta e risposta D'Alessandro-Vescovi sui vaccini La diretta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

7commenti

Epidemia

Legionella: domani la verità

2commenti

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

manifestazione

"Natale in vetrina crociata", grande entusiasmo per le premiazioni Video Gallery

Inizia il coro, poi segue tutta la sala: oltre cento bimbi cantano l'inno del Parma - Video

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

4commenti

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

maltempo

Piano neve e ghiaccio, il Comune: "Ecco cosa devono fare i cittadini"

2commenti

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

1commento

COMMEMORAZIONE

Quelle pietre davanti alle case chi fu deportato

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

tg parma

Famiglia sfrattata a Collecchio: accolta in parrocchia a Parma Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

1commento

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

1commento

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

SPORT

PUGILATO

Fragomeni è tornato: l'ungherese Polster finisce al tappeto

Calcio

I 10 giocatori più cari al mondo Video

CURIOSITA'

Correggio

“Mai più”: le opere di Bruno Canova per il Giorno della Memoria Foto

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video