13°

30°

Spettacoli

"Falstaff" sta al gioco negli spazi farnesiani

"Falstaff" sta al gioco negli spazi farnesiani
0

Tornava alla mente l’altra sera ascoltando questo «Falstaff» entro gli spazi un po' stregati del Teatro Farnese la sortita di Verdi quando, insofferente alle pressioni “impresariali” che precedevano il decollo scaligero dell’opera replicava quasi con stizza a Ricordi che in fondo il «Falstaff» lo stava scrivendo per piacer suo e invece che alla Scala meglio sarebbe stato presentarlo a Sant'Agata; quasi certamente un tentativo di depistaggio, per evitare tutto il baccano che una nuova opera di Verdi, quasi ottantenne, inevitabilmente creava, e tuttavia pur sempre uno spunto rivelatore delle ragioni che circolano nel profondo di questa partitura: che inevitabilmente diventa uno specchio segreto sul quale, con lo scarto della cornice comica, si riflettono le ombre di un’intera vita.
E proprio in questo trascolorare tra la giovinezza dello scherzo e la senilità della riflessione sta tutta la difficoltà della messa a fuoco interpretativa, legata alla stessa collocazione: tra la sognata, sia pur provocatoria, intimità di Sant'Agata e il grande contenitore, filtro quasi obbligante tale alternativa dei caratteri musicali, così particolari per quel “colore” riverberato dalla musica, da quel suo insinuarsi entro la trama più evidente della parola, quindi entro le nervature della rappresentazione.
Scelte dunque legate ai fascinosi quanto sibillini spazi farnesiani quelle che hanno accompagnato questa proposta, per l’evidenza assunta dal gioco dell’azione rispetto a quel più temperato passo conversativo che scaturisce dalla prodigiosa partitura, con le sottigliezze più segrete inventate da Verdi sul filo di una rivisitazione madrigalistica che era certamente un modo, sorprendentemente premonitore, in quegli anni in cui il nostro melodramma mostrava esuberanze non poco smodate, di «tornare all’antico». Gioco retrospettivo pieno di ambivalenze, infatti, dove quel “comico”, inseguito segretamente da Verdi per una vita intera dopo lo smacco di «Un giorno di regno», si impregna di malinconie inestinguibili se non con i controveleni del cinismo, che si fa amarezza, disagio, struggimento, fino allo “scioglimento” del «tutto nel mondo è burla».
Tutto questo tessuto sotterraneo che definisce l’unicità di «Falstaff», pur dietro la facciata imprescindibile del “comico”, è parso l’altra sera alquanto temperato oltre che dai vincoli acustici anche dal vitalismo efficientistico della direzione di Andrea Battistoni, volto a sostenere con piglio deciso soprattutto la tensione narrativa e a regolare un rapporto col palcoscenico non sempre facile. Passo positivo suggellato dal protagonista, Ambrogio Maestri, calato naturalmente nel personaggio con la confidenza che dal suo sorprendente debutto è andata sempre più assimilando non solo nel dar corpo alla figura del “vilain” shakespeariano, ma incarnandolo musicalmente; si potrebbero per lui adattare le parole con cui Luigi Passerini, sul nostro giornale, elogiava la prestazione di Mariano Stabile nella rappresentazione toscaniniana del '26; dopo aver apprezzato la rispondenza del gioco scenico, si diceva ammirato dalla linea musicale «giacché egli “canta” sempre, a differenza di tant'altri colleghi suoi i quali amano in questa parte, gorgheggiare, mugolare, stronfiare, tutto insomma fuor che cantare». Antagonista apprezzabile per la pregnanza dei chiaroscuri e del fraseggio il Ford di Luca Salsi, come per l'eleganza della linea e del colore vocale la Alice di Svetla Vassileva, emergente tra le altre “comari”, la Meg di Daniela Pini e la Quickly di Romina Tomasoni. Aggraziata la Nannetta di Barbara Bargnesi, un po' anemico il suo Fenton, Antonio Gandia. Ben integrati gli altri, Luca Casalin (Cajus), Patrizio Saudelli (Bardolfo), Mattia Denti (Pistola). Allestimento stringato, disinvolto e spiritoso, con qualche tocco in eccesso, quello di Stephen Medcalf, se non altro economico nell’assicurare un opportuno ritmo scenico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Incidente a Werhlein, resta "appeso" nella Sauber

Monaco

Incidente in pista: Werhlein si ribalta, ecco il video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Code in A1

Autostrada

Incidente all'altezza di Fontanellato: 5 chilometri di coda in A1, disagi in aumento

Problemi anche in Autocisa

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

3commenti

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover