12°

22°

Spettacoli

"L'industriale" nell'Italia della crisi

"L'industriale" nell'Italia della crisi
0

Filiberto Molossi
«Si parla troppo di soldi e molto poco della vita: chi parla dei numeri ha il latte pagato, chi lo deve comprare invece non sa cosa sono quei numeri. Ma il lavoro non è solo profitto, è quello che siamo».
 Parola di uno a cui lavorare piace parecchio forse anche perché il suo lo fa molto bene: mentre schiere di ragazzine urlano impazzite supplicando Riccardo Scamarcio (ospite dell’incontro con il pubblico) di fare loro la grazia di un autografo, a Roma infatti tiene banco Pierfrancesco Favino, «L'industriale», ostinato e tenace, del veterano Montaldo. Il film, fuori concorso, con cui la crisi torna a bussare alla porta del Festival, nell’Italia dei debiti e degli scioperi, tra banche pescecani, usurai legalizzati e qualcuno che ancora, piuttosto di sporcarsi, va con la testa alta e le pezze al culo. Virato al grigio di questi giorni, molto interessante a livello cromatico così come nel modo in cui «abita» gli spazi, i vuoti e i pieni di una Torino simbolica e deserta, il film dell’ottantunenne regista genovese («perché non sono in concorso? Non ho l’età», spiega canticchiando la canzone della Cinquetti...) abbraccia l’attualità più stringente raccontando dei tentativi sempre più disperati che un imprenditore onesto fa per salvare l’azienda di famiglia: mentre tutto intorno a lui - compreso il suo matrimonio - sembra sul punto di crollare.
«Leggiamo continuamente sui giornali di miliardi bruciati - sottolinea Montaldo -: con questo film mi sono chiesto chi è il piromane. Basta fare un giro nel Nord Est per rendersi conto quanto questa crisi sia devastante: quando abbiamo girato la scena di una fabbrica occupata la gente pensava fosse successo davvero. Sono arrivate decine di persone: abbiamo dovuto spiegare a tutti che era solo un film...». Ricette per uscirne Montaldo non ne dà, ma consiglia di «rimboccarsi le maniche come nel dopoguerra. Quando ho cominciato a fare dei film, un macchinista mi disse: 'Lascia perdere, il cinema è in crisi'. Era il 1950: ecco, spero che l’industria nel nostro paese reagisca come ha fatto quella cinematografica». Che è ancora in piedi, anche «se pure noi siamo dei precari, con un mestiere che se ti ammali non puoi nemmeno dirlo: se no non lavori più».
Lavora invece tanto Favino, felice di interpretare quello che definisce un «ruolo maturo. Mi ritengo ormai un attore adulto - spiega - che si prende la responsabilità dei suoi eventuali fallimenti: anche se questo è un Paese che, in ogni campo, dà poca fiducia ai 40enni. Se fossimo dei leoni avremmo già scalzato il capo branco...». Favino for president? «Per carità, la politica no...». E un futuro da regista? «A volte l’idea mi accarezza, ma poi mi accorgo che devo ancora imparare tanto come attore e mi dico: ma andò vai?».
Girato meglio (con una cifra stilistica rigorosa e mai banale) di come è scritto (quando il privato prende il sopravvento il copione sbanda notevolmente), «L'industriale» guarda al fallimento di un mondo per concentrarsi su quello di un individuo: la crisi come deriva morale, perdita di sè prima che del lavoro proprio e degli altri. Montaldo dirige un film serio, con una sua misura e motivazioni forti: ma le non poche pecche in fase di sceneggiatura (debole la liason platonica tra la moglie - Carolina Crescentini, ieri bella in bianco - e il suo spasimante romeno) fanno perdere consistenza a una pellicola altrimenti convinta e concreta.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'abbraccio di Samuele Bersani

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

Anno 2016

Emilia-Romagna, distretti industriali in crescita. I salumi di Parma tra i migliori

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

3commenti

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

3commenti

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

2commenti

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

cinema

Morto Jonathan Demme, il regista del "Silenzio degli Innocenti"

Autostrada

Ancora uno scontro fra camion in A1: un morto a Modena

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

TECNOLOGIA

Smartphone, i giovani italiani sono meno "dipendenti" in Europa

SPORT

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport