17°

Spettacoli

Richard Gere: "Star? Prima di tutto papà"

Richard Gere: "Star? Prima di tutto papà"
1

Dal nostro inviato
Filiberto Molossi

Per me fare l’attore è solo un lavoro, un mestiere: certo, lo prendo sul serio, mi impegno sempre molto, ma non ho grandi aspettative, non credo che sia un granché quello che faccio. Quello che conta davvero per me è la vita». Gli anni sono 62, ma qualche signora (e signorina) la lascia ancora a bocca aperta: e non solo per il sorriso che ancora spacca o i capelli brizzolati che hanno sempre il loro non so che. Ma anche per i modi, poco ufficiali, da gentiluomo e la serena ironia di uno che no, un sex symbol proprio («queste etichette per me non hanno alcun significato») non si è mai sentito. Solita «divisa» (completo grigio e camicia azzurra senza cravatta) e medesimo garbo di sempre, Richard Gere sorseggia un the, quasi stupito che l’amata Roma (è un habitué del Festival della capitale) lo premi col Marc'Aurelio: «Di solito questi riconoscimenti li danno quando stai per morire - scherza -: diciamo che non lo considero un premio alla carriera, ma un incoraggiamento per il futuro...». Ricevuto con tutti gli onori in Campidoglio, dove il sindaco Alemanno gli ha consegnato la Lupa capitolina, il divo ieri sera ha presentato uno dei suoi film più belli, «I giorni del cielo» di Terrence Malick. «Sono fortunato, ho lavorato nell’età dell’oro di Hollywood: negli anni '70 e '80 facevamo i film che avremmo voluto vedere, gli studios correvano ancora dei rischi, eravamo dei pionieri. Oggi invece tutto si piega alla logica dei blockbuster: e trovare soldi e energie per i piccoli film è sempre più difficile».

Quando ha capito che voleva fare l’attore?
«Forse non ho ancora deciso veramente di farlo... Ma da ragazzo mi piaceva molto il teatro: ero molto, molto, timido e stare su un palcoscenico mi ha permesso di creare dei rapporti, di comunicare. Ho fatto un provino per uno spettacolo all’università e mi hanno preso; ero così felice, avevo una tale energia, che mi sono detto: la mia vita inizia da qui».

Da allora ci sono stati oltre 50 film. Quali sono in questo momento le sue priorità?
«Al primo posto c'è la mia famiglia. E i miei maestri di meditazione tibetani. Il cinema viene dopo. Anche se farlo mi diverte ancora e mi permette di viaggiare quanto voglio aumentando le mie conoscenze. Quando non proverò più il piacere di recitare, mi fermerò: e non sarà un problema».

C'è un attore che le piace, che le ricorda quando era giovane?
«Sì, Ryan Gosling: credo sia straordinario. E poi mia moglie l’adora: quindi forse sì, mi assomiglia...».

Veniamo all’attualità: cosa ne pensa della crisi economica?
«Credo che siamo arrivati a questo punto per due ragioni: avidità senza confini e totale irresponsabilità. E la cosa peggiore è che i responsabili della crisi hanno fatto anche carriera: è come essere stuprati. Vedo con favore le manifestazioni di protesta della gente comune: i potenti devono ascoltare i cittadini. E assumersi le proprie responsabilità. In fondo anche i peggiori possono riscattarsi».

Questa visione della vita le viene dalla sua religione?
«Sì, anche: normalmente noi guardiamo la realtà con scetticismo. Mentre il buddismo ci avvicina all’amore, alla compassione, alla generosità. Credo che ci sveglieremo dall’incubo in cui siamo finiti».

C'è qualche personaggio che ha interpretato a cui è più legato?
«Tutti lasciano un segno: un residuo resta sempre, anche di quelli più negativi. E in ognuno metti un po' di te».

Ha mai pensato di fare un film da regista?
«A volte, ma mi fa molta paura. Non so se sono ancora pronto per dedicare un anno e mezzo della mia vita a un unico progetto».

Ma ha ancora un grande sogno?
«I miei sogni riguardano tutti mio figlio di 11 anni: ha tutta la vita davanti, quello che conta è lui. Il cinema è un veicolo meraviglioso ma è nulla rispetto a mio figlio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    05 Novembre @ 09.11

    Dalla foto si direbbe Nonno...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia