-3°

Spettacoli

Speciale Festival Verdi: l'inserto della Gazzetta di Parma - 2

Ricevi gratis le news
0

Dall'inserto della Gazzetta di Parma

Al Valli, «sull'ale dorate» A Reggio Emilia «Nabucco» - di Elena Formica

Quel 9 marzo del 1842 il bis del coro non venne richiesto per «Va, pensiero». Alla prima scaligera del «Nabucco» di Verdi, se ben si legge la cronaca, venne replicato il coro a cui «tutti i personaggi del dramma prendono parte» facendo «del concetto musicale un insieme nuovo e meraviglioso» («La Gazzetta Privilegiata di Milano»). No, non poteva essere «Va, pensiero», magnifica «aria per soprani, contralti, tenori e bassi» secondo la definizione di Rossini. «Va, pensiero», che ben presto sarebbe diventato adesivo permanente del Risorgimento italiano, non coinvolge tutti i personaggi: gli Ebrei, in quel coro, cantano da soli l’infinito dolore per Gerusalemme perduta. Il debutto del 1842 Ad essere «bissato» fu dunque «Immenso Jeovha», dove tutti i personaggi in scena (tranne Abigaille che, morente, giungerà dopo) proclamano la grandezza del Dio d’Israele. Una precisazione, questa, avanzata dalla critica recente (Foletto) dopo che tanto sommariamente era stato trattato il cosiddetto «primo Verdi» da pur illustri studiosi che non avevano trivellato a fondo il pozzo della storia operistica coeva. Roger Parker, che ha curato l’edizione critica di Nabucco, si fa garante di quanto dichiarato: nessun documento attesta che «Va, pensiero» sia stato recepito con un entusiasmo straordinario da parte del pubblico che assistette alla prima del 1842; questo coro, destinato a imperitura fama, venne accolto bene e niente più.

Sta di fatto, comunque, che Nabucco piacque, piacque davvero: immediatamente ottenne 8 repliche, non di più perché la stagione era in chiusura; alla ripresa, in agosto, ne vennero programmate una sessantina e il titolo - come si sa - non uscì mai di repertorio. Che poi il Risorgimento se ne sia appropriato (e dell’opera e, soprattutto, del «Va, pensiero») è faccenda nota sebbene inquinata da ampie retoriche. La stupenda linea melodica del coro degli Ebrei che, sulle sponde dell’Eufrate, vagheggiano con parole indimenticabili la patria perduta ha realmente rappresentato per la gente, non solo per quanti assistettero all’opera in teatro, un canto di condivise speranze patriottiche. In «Nabucco», del resto, il «brano famoso» non è un’aria, non è un concertato, ma è un coro: «E' la chiara vittoria - osserva Baricco - della dimensione collettiva su quella individuale, privata». Monumentale storia biblica Scritta su libretto di Solera tratto dal dramma «Nabuchodonosor» di Anicet-Burgeois e Cornu, con quest’opera - ricorda Verdi - «si può dire veramente che ebbe principio la mia carriera artistica». Nabucco che conquista Gerusalemme e deporta gli Ebrei a Babilonia; l’amore tra sua figlia Fenena e l’ebreo Ismaele come «incistato» nel corpo di una monumentale storia biblica; Abigaille che, presunta figlia di Nabucco, si scopre schiava e compie di fatto un colpo di stato, spodestando il re impazzito che si era proclamato dio; Nabucco rinsavito che salva tutti; Abigaille suicida: sembra, ma non è, una tipica storia da melodramma dell’'800 con l’amor sofferto e poi vittorioso in barba a guerre, troni, follie. In verità «Nabucco» ha sì molto a che vedere con la tradizione operistica ottocentesca, ma con quella che verrà, con quella che Verdi lì preannuncia.

La storia politica, con le sue azioni militari e le sue congiure, era stata mille volte l’habitat naturale della storia privata - e veramente centrale - di giovani amanti e contrastati cuori. Qui però accade qualcosa di diverso: la vicenda amorosa viene traslata su un altro piano, meno in vista, e il personaggio di Abigaille, potente e definito, si staglia fin dalla prima entrata come la tragica e non casuale miccia del dramma. Se Nabucco non è solo un feroce pagano, un sovrano assoluto poi delirante e penoso, è perché Abigaille gli contende, con oplitico desiderio e dall’interno della famiglia, un ruolo di comando, un primato, uno spazio vitale. La coppia degli amanti è defilata e il potere, che è passione delle passioni, annienta Abigaille, mentre Nabucco è costretto a un percorso che gli frutta il senno di un possibile «padre verdiano». Il «Nabucco» del Festival andrà in scena al Teatro Valli di Reggio Emilia. Protagonisti Anthony Michaels Moore (Nabucco) e Dimitra Theodossiou (Abigaille). Sul podio Michele Mariotti. Regia di Daniele Abbado.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

2commenti

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

milano

Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese. Il convivente confessa l'omicidio

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5