-1°

14°

Spettacoli

Ascolti, il Tg5 supera il Tg1. Minzolini: "Non mi dimetto"

Ascolti, il Tg5 supera il Tg1. Minzolini: "Non mi dimetto"
0

Elisabetta Malvagna/Ansa

E' di nuovo bufera sul Tg1. Ma il direttore Augusto Minzolini rimanda al mittente le critiche sul calo degli ascolti del suo tg – che domenica  ha avuto un record negativo con il 16,07% di share contro il 20,39% del Tg5 – e dice «io non lascio». «C'è un grado di  elevato nei commenti negativi – sottolinea Minzolini – che puntano a creare le condizioni per rimuovere il sottoscritto per ragioni squisitamente politiche. Se vogliono, e pensano di riuscirci, lo facciano pure, io non me ne vado. Ma non accampino alibi che sono un’offesa al buon senso». Minzolini spiega le sue ragioni: «Sono anni che il giorno in cui Rai1 trasmette il gran premio del Brasile, con annesso l'inutile programma di commenti fine gara, il Tg1 perde con il Tg5 perché al posto del traino pre-serale l’Eredità, ha un handicap pre-serale. È successo nel 2009, nel 2010, si è ripetuto quest’anno». Aggiunge di aver quindi, due giorni fa, «posto il problema alla direzione palinsesto. Ho insistito, ma non c'è stato niente da fare per cui ho avvertito i dirigenti che andavamo incontro a una sconfitta annunciata di cui non mi sento responsabile ma semmai vittima». Per il cdr della testata «è un delitto annunciato» ed «è ora che l’azienda ci ascolti e non nasconda più la testa sotto la sabbia. Quella del Tg1 è un’emergenza dovuta certo a una linea politica, più che editoriale, faziosa e schierata, impressa dal direttore Minzolini che ha fatto perdere al nostro Tg1 una credibilità che deve essere assolutamente recuperata. Facciamo di nuovo appello al presidente e al direttore generale perché prendano provvedimenti immediati».

Sono in molti a chiedere la sostituzione del «direttorissimo» Minzolini: come i membri della Vigilanza Pancho Pardi (Italia dei Valori) e Riccardo Milana (Alleanza per l’Italia), per il quale «è necessario e urgente l’intervento dei vertici Rai: in caso contrario, le responsabilità non saranno soltanto del Direttore». A chiedere l’intervento dei vertici Rai anche  Flavia Perina, della Commissione di Vigilanza (Futuro e Libertà) e Carlo Verna, segretario dell’Usigrai: «Intervenire da parte dei vertici aziendali è un dovere d’ufficio – dice Verna –  ulteriori omissioni di iniziativa delegittimerebbero chi le compie». «Se il direttore non c'entra quando gli ascolti vanno male – rileva Carlo Rognoni del Pd – forse non c'entra neppure quando vanno benino».  A difendere Minzolini il consigliere d’amministrazione Rai Alessio Gorla, secondo il quale «ancora una volta si strumentalizza un dato indiscutibilmente negativo per attaccare la linea politica del Tg1 e ciò indipendentemente dalle cause che hanno prodotto questa caduta di share».
«Dopo l’equazione “spread sale,  fuori Berlusconi”, oggi è di moda “share scende,  fuori Minzolini”. È sempre più chiaro che in Italia è avvenuto un ribaltone. Ci risparmino i pretesti per i loro regolamenti di conti», sostiene Gianfranco Rotondi dell’Ufficio politico del Pdl. Per Enzo Fasano (Pdl) «Il centrosinistra orfano di Berlusconi continua la sua campagna di odio e ha individuato nel direttore del Tg1 il suo nuovo bersaglio preferito». E Maurizio Lupi, vice presidente Pdl della Camera e componente della Vigilanza: «L'obiettivo è mettere le mani sul principale tg italiano piegando la realtà dei numeri a proprio uso e consumo».  Il portavoce Pdl Daniele Capezzone, infine, parla di «assalto finale a Minzolini», il cui tg «è stato tra le poche voci estranee al cartello dell’informazione politically-correct di questi anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia