10°

22°

Spettacoli

Pertusi, un Oberto a Parigi

Pertusi, un Oberto a Parigi
0

Elena Formica
Parigi val bene un Oberto: il Verdi novello, quello che aspro, ingenuo ed elettrico ha acceso una luce in più - così italiana - nel «Triangle d’Or» che scintilla tra Avenue Montaigne, Champs Elysées e George V. Un successo, nelle recenti notti lungo la Senna, l’Oberto conte di San Bonifacio al Théâtre des Champs Elysées.
Nel ruolo del titolo Michele Pertusi: acclamato, ça va sans dire. Un Oberto dai fieri accenti, elegante, inderogabile. Magnifico, il basso parmigiano, nel declamato ritmico e maestoso. Una lezione di stile verdiano, autenticamente tale, quella che Pertusi ha reso nell’interpretare il recitativo e l’aria di Oberto nel II atto. Il pubblico? Conquistato. Applausi incessanti per Michele Pertusi, sfreccianti «Bravo» in sala. Nel cast Maria Guleghina (Leonora), Ekaterina Gubanova (Cuniza) e Valter Borin (Riccardo), quest’ultimo giunto in fretta e furia alla vigilia della «prima» per sostituire il tenore Fabio Sartori, indisposto. Nel ruolo di Imelda il mezzosoprano Sophie Pondjiclis. Spettacolo in forma di concerto, teatro gremito. L’Orchestre National de France e il Coro di Radio France diretti da Carlo Rizzi. La musica di Verdi ventiseienne, tutt’altro che arresa alle pur evidenti convenzioni, anzi già pronta a migrare oltre il presente, oltre questo stesso Oberto che nutre – chissà «se» e «quanto» inconsciamente – agitate, coraggiose ambizioni: in attesa di ciò che verrà, una primitiva ansia di teatro scuote l’opera d’esordio. Irresistibile l’ «effetto Verdi» sull’uditorio parigino. E anche su Sarah Nemtanu, splendido primo violino di spalla dell’Orchestre National de France, che se la suona e se la danza (quasi) la musica vitale, sovente materica ma a tratti felicemente melodica, dell’Oberto conte di San Bonifacio. A dirla tutta, l’opera è iniziata con un imbarazzante inciampo delle trombe nella Sinfonia, episodio comunque incistato nell’ambito di un’ottima esecuzione orchestrale. Temprata e sicura la direzione di Carlo Rizzi. Bene Sophie Pondjiclis e il coro forgiato da Kalman Strausz. Il tenore Valter Borin ha ingranato a freddo, come da libretto, la non facile aria del I atto, dando il meglio nella romanza «Ciel, che feci!» (II atto), efficacemente interpretata. Eccellente la Gubanova, mezzosoprano di valore, grande classe nell’interpretazione dell’aria di Cuniza (II atto). Entusiastici gli applausi. Diva inossidabile e soprano glorioso, Maria Guleghina ha come « turandotizzato» il personaggio di Leonora; le ha impresso artificiali, non previste «acutaggini», in queste penalizzando inutilmente se stessa e il ruolo, giacché per il resto - cioè per qualità e colore della pasta vocale, per l’opulenza del canto - Maria Guleghina s’è confermata, ancora una volta, artista di rango. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport