17°

32°

Spettacoli

Martone: "La mia battaglia vinta"

Martone: "La mia battaglia vinta"
Ricevi gratis le news
0

Lisa Oppici
Dagli Ubu ricevuti qualche giorno fa a Milano, al premio Trecentosessanta a Parma. Tempo di riconoscimenti per Mario Martone, cui l’altra sera al Cinema Edison è andato il premio istituto da Solares Fondazione delle arti in collaborazione con il Comune: un premio al lavoro di uno dei migliori registi italiani, perfettamente a suo agio tra cinema e teatro. La scultura del designer Denis Santachiara (che rappresenta la proiezione tridimensionale del profilo dell’artista) è stata consegnata a Martone dal responsabile dell’Ufficio cinema del Comune Matteo Barbacini, in una breve cerimonia aperta da Andrea Gambetta di Solares. Poi spazio alle immagini con la proiezione di «Noi credevamo», l’ultimo premiatissimo film del regista napoletano.
«'Noi credevamo' è stato una battaglia: un film storico, fondato soprattutto sui dialoghi, senza sentimentalismi e senza scorciatoie, e con un tema così non è facile da far 'passare'. Non è un film sul Risorgimento italiano, per il quale non basterebbe forse un 'Heimat', ma un lavoro che racconta pagine completamente oscure, che nel senso comune degli italiani non ci sono: ad esempio, chi ha mai sentito che Mazzini abbia voluto far assassinare Carlo Alberto?», ha detto il regista nell’incontro col pubblico, condotto dal critico Tullio Masoni. Tanto teatro, dentro «Noi credevamo», che pure è cinema potente: per la matrice culturale di Martone, «per la sua capacità - ha osservato Masoni - di tenere vivo uno scambio che ritroviamo in molti suoi film». «Sì, è stato un principio di lavoro nell’avvicinarmi a un film come questo, un film storico per il quale dovevo pormi il problema di come ricostruire il passato. Sono partito da un lato da Rossellini, che amo molto, e dall’altro da Renoir: ho cercato di avere delle coordinate, che è importante avere. Abbiamo un grande cinema alle spalle, e in un momento in cui tutto sembra esplodere non mancano strade maestre cui guardare», ha spiegato il regista, che ha aggiunto: «Il teatro lo pratico, ed è stato un riferimento certo fin dall’inizio. C’è stato un momento di difficoltà in cui sembrava che il film non si potesse più fare, e in quel momento io ho addirittura proposto di farlo come 'Dogville' di Von Trier, cioè in un teatro. Questo vuol dire che dentro c’era un nucleo teatrale forte».
A «Noi credevamo» è dedicata anche una mostra fotografica nella Galleria delle colonne del Cinema Edison. La mostra, realizzata da Solares Fondazione delle Arti e dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, resterà aperta fino al 26 gennaio a ingresso gratuito negli orari di programmazione dei film.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti