-4°

Spettacoli

Martone: "La mia battaglia vinta"

Martone: "La mia battaglia vinta"
0

Lisa Oppici
Dagli Ubu ricevuti qualche giorno fa a Milano, al premio Trecentosessanta a Parma. Tempo di riconoscimenti per Mario Martone, cui l’altra sera al Cinema Edison è andato il premio istituto da Solares Fondazione delle arti in collaborazione con il Comune: un premio al lavoro di uno dei migliori registi italiani, perfettamente a suo agio tra cinema e teatro. La scultura del designer Denis Santachiara (che rappresenta la proiezione tridimensionale del profilo dell’artista) è stata consegnata a Martone dal responsabile dell’Ufficio cinema del Comune Matteo Barbacini, in una breve cerimonia aperta da Andrea Gambetta di Solares. Poi spazio alle immagini con la proiezione di «Noi credevamo», l’ultimo premiatissimo film del regista napoletano.
«'Noi credevamo' è stato una battaglia: un film storico, fondato soprattutto sui dialoghi, senza sentimentalismi e senza scorciatoie, e con un tema così non è facile da far 'passare'. Non è un film sul Risorgimento italiano, per il quale non basterebbe forse un 'Heimat', ma un lavoro che racconta pagine completamente oscure, che nel senso comune degli italiani non ci sono: ad esempio, chi ha mai sentito che Mazzini abbia voluto far assassinare Carlo Alberto?», ha detto il regista nell’incontro col pubblico, condotto dal critico Tullio Masoni. Tanto teatro, dentro «Noi credevamo», che pure è cinema potente: per la matrice culturale di Martone, «per la sua capacità - ha osservato Masoni - di tenere vivo uno scambio che ritroviamo in molti suoi film». «Sì, è stato un principio di lavoro nell’avvicinarmi a un film come questo, un film storico per il quale dovevo pormi il problema di come ricostruire il passato. Sono partito da un lato da Rossellini, che amo molto, e dall’altro da Renoir: ho cercato di avere delle coordinate, che è importante avere. Abbiamo un grande cinema alle spalle, e in un momento in cui tutto sembra esplodere non mancano strade maestre cui guardare», ha spiegato il regista, che ha aggiunto: «Il teatro lo pratico, ed è stato un riferimento certo fin dall’inizio. C’è stato un momento di difficoltà in cui sembrava che il film non si potesse più fare, e in quel momento io ho addirittura proposto di farlo come 'Dogville' di Von Trier, cioè in un teatro. Questo vuol dire che dentro c’era un nucleo teatrale forte».
A «Noi credevamo» è dedicata anche una mostra fotografica nella Galleria delle colonne del Cinema Edison. La mostra, realizzata da Solares Fondazione delle Arti e dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, resterà aperta fino al 26 gennaio a ingresso gratuito negli orari di programmazione dei film.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

2commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta