22°

Spettacoli

Uno vince ma nessuno si salva

Uno vince ma nessuno si salva
0

Filiberto Molossi

«Senza lealtà non sei più nessuno». Ci voleva un regista coraggioso - uno che invece di parlare della Canalis agita lo spettro della Lewinsky -, per celebrare degnamente il funerale dell’innocenza: ci voleva uno che non avesse paura di andare dietro le quinte del grande gioco (sporco...) e affrontare le falle del presente (a costo di metter in dubbio, o almeno in discussione, anche le proprie convinzioni) per raccontare un Paese più indulgente a perdonare un bombardamento che una scappatella. Ci voleva uno come George Clooney, divo liberal senza paraocchi, per dare un’impronta, una traccia, a quella Hollywood che sceglie l’impegno e non ha paura di affrontare la questione etica. Che poi è cosa grossa e che riguarda tutti, in ogni settore, di qui e di là dall’Oceano: e passa dagli stipendi dei parlamentari come dal bunga bunga, dalla lotta all’evasione quanto dal calcioscommesse. E si arrampica fino in alto: lassù, dove si gioca la partita del potere. Giustamente candidato, nonostante in patria sia stato stupidamente sottovalutato, a quattro Golden Globe nelle categorie principali (film, regista, interprete maschile e sceneggiatura),  «Le idi di marzo» è il solidissimo e scomodo film (non solo) politico con cui Clooney mette spalle al muro l’amoralità di un sistema che si fonda sul compromesso e flirta col ricatto, là dove l’individuo è manipolatore e a sua volta, fatalmente, manipolato.
Primarie dell’Ohio, in ballo c'è la candidatura dei democratici alla presidenza: a tirare la volata al governatore Morris (Clooney), ateo di bella presenza, è uno staff agguerritissimo. Una squadra di «cervelloni» la cui punta di diamante è il giovane e brillante Stephen Meyers (Ryan Gosling, lanciatissimo), guru idealista della comunicazione... L'America? Non è un Paese per «buoni»: in un film dove qualcuno vince ma nessuno si salva, Clooney, alla quarta prova da regista, rimette in moto la macchina del fango. E lascia che dalla finestra entri una bella aria da cinema anni '70 (ricordate «Il candidato»?), quello che amava le domande più delle risposte, quello che non spolverava l’involucro ma osservava l’ingranaggio. «Le idi di marzo» è così: un film maturo, scritto benissimo e recitato anche meglio (grazie a un super cast che gioca a memoria come il Barcellona), che cammina su una linea - quella della rettitudine - continuamente spostata in avanti. Sondaggi, nodi della cravatta lasciati molli sul collo, stagiste bionde: chi manovra chi? Tra mezzo punto di percentuale in più e in meno, Clooney gira un thriller d’autore critico e amaro che coglie l’aspetto seducente (e a volte irresistibile) della politica, rimanendo sempre molto sui volti dei suoi protagonisti, deciso a conferire così una dimensione intima, privata, a una storia di respiro «pubblico», universale. Nella cinica consapevolezza che nessuno (nemmeno l’Obama per cui ha votato e comunque sostiene) è perfetto: e che non esiste purezza né fede nel sogno, troppo spesso vile, del potere.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

elezioni 2017

Salvini torna a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

2commenti

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

8commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon