19°

Spettacoli

Battistoni entusiasma il Regio: è partito con lo "spirito" giusto

Battistoni entusiasma il Regio: è partito con lo "spirito" giusto
0

L'entusiasmo con cui il pubblico ha salutato l’esordio del ciclo beethoveniano intrapreso da Andrea Battistoni costituisce un viatico certamente importante ad un’impresa così ardua come l’esecuzione dell’intero ciclo delle Sinfonie.
Occasione oltretutto rara anche per chi ha familiarità con le singole opere; osservarle prospetticamente, una dopo l’altra, consente infatti di ricomporre, nella complessità dei rapporti, quella straordinaria scorciatoia verso il presente tracciata dal musicista, comprendere quindi la forza premente di un linguaggio quale va affiorando con sconcertante originalità già dalle prime due Sinfonie ponendo all’interprete sempre nuovi interrogativi; quelli che, come confessava Gavazzeni con il suo impagabile umor nero nel saggio «Non eseguire Beethoven», lo mettevano non poco a disagio.
L’idea del ciclo mancava del resto da tempo dalla nostra città: lo aveva avviato agli inizi degli anni novanta col suo entusiasmante fervore il grande Delman, iniziando emblematicamente dalla Nona, senza tuttavia che giungesse a compimento. Ora questa nuova proposta, sostenuta integralmente dal giovane direttore dell'Orchestra del Regio, sembra rimandarci ad un anello più lontano della nostra storia musicale, legato al progetto chiesto con lungimiranza da Maria Luigia a Paganini per ridare un assetto più efficiente all’orchestra Ducale, progetto - rimasto poi sulla carta, insabbiato tra le secche intriganti della Corte - che prevedeva, appunto, l’esecuzione di tutte le Sinfonie di Beethoven quale terreno fondamentale di rinsaldamento e di crescita della compagine.
Un significato che è parso mantenere una sua precisa incidenza anche attraverso l’ascolto di questa prima «tranche» offerta da Battistoni, centrata sulle due Sinfonie centrali, la Quinta e la Sesta, nonché complementari nel carattere, «stringata» l’una, «poetica» l’altra. Con quel tratto deciso che si è avuto già occasione di sottolineare, Battistoni ha infatti più che mai serrato le briglie nel guidare l’orchestra con una determinazione ben riconoscibile e con una tensione che si coglieva soprattutto nei contrasti dinamici e nel deciso spicco ritmico.
Un’evidenza di profili che trovava una sua indubbia efficacia nella Quinta sinfonia, per la prospettiva scorciata di quest’opera che muove dalla primarietà della fatidica provocazione tematica per giungere, quasi senza respiro, alla apoteosi finale, così eroicamente rivelata e come rabbiosamente ribadita dal ribattere degli accordi conclusivi; prospettiva che Battistoni ha «bruciato» con totale coinvolgimento emotivo, lo stesso con cui ha ricreato l’episodio «tempestoso» della Sesta, confermando quella sua visione fortemente contrastata che sembra talora lasciare in ombra certi aspetti meno esposti della trama, non meno significativi tuttavia nella definizione di quella eloquenza con cui Beethoven esplora le zone più segrete, sospinto da un passo regolato su una pulsazione sotterranea che attraversa come nervatura impalpabile il tessuto, illuminandone le screziature timbriche e alimentandone la tensione, senza che questa mai diventi enfasi. Nel segno dell’entusiasmo che ha salutato questo felice decollo ci avviamo verso il prossimo appuntamento. g.p.m.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri 1988 - Taglio del nastro al Centro Torri Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Incidente mortale a San Secondo: muore un automobilista

parmense

Incidente a San Secondo: muore un automobilista

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

4commenti

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

CALCIO

Buffon a quota 1000

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CONCERTO

Mario Biondi, voce e ricordi

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

dopo l'attacco

Il terrore e la città bloccata: il video del nostro Matteo Scipioni a Londra

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

2commenti

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

8commenti

Via Cavagnari

Ragazzino morsicato da un cane: scoppia una lite violenta

2commenti

il fatto del giorno

"Bisogna salvare il quartiere San Leonardo" Video

1commento

foto dei lettori

"Scene di ordinaria... stazione: la sosta che blocca decine di bus" Foto

20commenti

Parma

Nel Piano mobilità il pezzo mancante della tangenziale

Opera da 12 milioni a est della città

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

LONDRA

Attacco a Westminster: 4 morti. Smentita l'identità dell'assalitore Video

LONDRA

Ventottenne bolognese ferita ma già dimessa

SOCIETA'

Concorso

La Grande Bellezza dell'Oltretorrente: i video dei ragazzi e le interviste

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

SPORT

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano