-5°

Spettacoli

Celentano "bombarda" Sanremo. Il dibattito si infiamma anche a Parma

Celentano "bombarda" Sanremo. Il dibattito si infiamma anche a Parma
44

«Giornali come Avvenire e Famiglia Cristiana andrebbero chiusi, si occupano delle beghe della politica e non parlano del Paradiso, un discorso che per loro occupa poco spazio, lo spazio delle loro testate ipocrite come le critiche che fanno a Don Gallo che ha dedicato la vita ad aiutare gli ultimi». Strali feroci sulla Consulta che ha bocciato il referendum sulla legge elettorale «buttando nel cestino un milione 200 mila voti». Critiche al direttore generale della Rai Lorenza Lei che «ha distanziato Santoro». Un insulto ad Aldo Grasso, critico televisivo del Corriere della Sera, accenni al referendum sulla privatizzazione della Rai, riferimenti religiosi, il governo Monti definito «materiale di ottima resistenza, apparentemente indipendente, facile all’ossido dei partiti». La denuncia, citando il Corriere della Sera e il Wall Street Journal, che la Germania e la Francia hanno imposto l’acquisto di armamenti alla Grecia per concedere gli aiuti. Non resterà senza conseguenze l’intervento fiume di Adriano Celentano, quasi un’ora di performance tra il messianico e l’invettiva con quattro momenti musicali, incursioni nel rock'n'roll e il ripescaggio di una rarità, Il Forestiero, eseguita per sottolineare un passaggio dedicato al martirio di Gesù.

E le prime reazioni non si fanno attendere. «Davvero un bello spettacolo. Bravo, viva Sanremo e viva la Rao», replica dal sito il direttore di Avvenire Marco Tarquinio. «Tutto questo, perchè abbiamo scritto che con quel che costa lui alla Rai per una serata si potevano non chiudere le sedi giornalistiche Rai nel Sud del mondo e farle funzionare per un anno intero». E il segretario della Fnsi Franco Siddi parla di «battute senza senso sui giornali» da parte di Celentano.Già l’inizio è stato violento, scene di guerra, bombardamenti, ragazzi che crollavano sul palco. Celentano è partito attaccando «preti e frati che non parlano mai del motivo per cui siamo nati, non parlano mai del Paradiso, come so fossimo nati per morire». Poi l’attacco all’Avvenire e Famiglia Cristiana, prima di una citazione degli operai che dall’otto dicembre sono sulla torre della stazione di Milano per protestare contro la cancellazione di vagoni letto. Il momento più teatrale è stato quello dedicato alla bocciatura del referendum sulla legge elettorale: Pupo dalla platea, Gianni Morandi e Rocco Papaleo hanno inscenato un dialogo a quattro sul concetto del popolo sovrano, un diritto sancito dalla Costituzione, che nel testo di Celentano, è stato calpestato dalla decisione della Consulta. Anche Morandi ha pronunciato parole di critica contro la bocciatura e contro l’allontanamento dalla Rai di Santoro.

Elisabetta Canalis ha fatto una pallida apparizione, come incerta materializzazione dell’Italia. Prima dell’attacco alla Germania e alla Francia, un riferimento al martirio di Gesù, prologo a una denuncia dell’inutilità delle preoccupazioni terrene, l’insulto ad Aldo Grasso, le critiche alla Merkel e Sarkozy. Un momento molto lungo, concepito come se le canzoni fossero un premio per chi ascoltava il sermone. Certo quando canta il rock, Prisencolinensinainciusol, Il Forestiero, Celentano è irragiungibile ma la musica in un contesto messianico di questo genere non è l’elemento determinante, nè sembra la sua principale preoccupazione che, come da collaudato copione, è quella di entrare a piedi uniti sulle convenzioni, comprese quelle della narrazione televisiva. 

(Ansa - di Paolo Biamonte)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • monika galli

    24 Febbraio @ 05.22

    ho sentito dire che celentano fatica a pagare i suoi dipendenti... mah ! celentano è un fantastico cantante, veramente unico anche per simpatia e allora che la smetta di dire cose incomprensibili! canta adriano , canta che ti passa !!!!!!!!!

    Rispondi

  • Geronimo

    16 Febbraio @ 10.49

    William, io le tasse le pago tutte, anzi a causa di un patronato distratto ho pagato tasse non dovute alcuni anni fa e mi da fastidio chi non le paga. Per quanto riguarda le altre emittenti non chiederanno nulla ma pochi sanno che i soldi del canone non vanno per i programmi televisivi ma per altro, tra l’altro la sua affermazione sulla stessa quota di pubblicità non corrisponde al vero perché ad esempio sulle due ore di film sulla rai ci sono 3 spazi pubblicitari che non superano i 12 minuti mentre sulle altre reti sulla stessa durata ci sono ben 5 spazi pubblicitari della durata di circa 30 minuti (a questo è servita l’abolizione del tetto massimo della pubblicità in televisione del 20% del precedente governo). Comunque se non si vogliono guardare programmi tipo Sanremo o l’isola dei famosi che io personalmente non guardo, ci sono tanti documentari e film interessanti, anche nei canali meno noti del digitale terrestre. Comunque tornando a Celentano io non capisco le critiche al suo compenso, lui ha fatto casino, ha portato denaro all’azienda tramite la pubblicità e viene criticato (non discuto di quello che ha detto anche se mi trova d’accordo in alcune cose, ma liti sul suo compenso) mentre nessuno si lamenta per gli ospiti che prendono più di Celentano tra l’altro per fare magari 10 minuti di apparizione invece dell’ora fatta da Adriano. Alla fine mi convinco sempre di più che le cose che dice danno fastidio e le polemiche sono strumentali, solo poche entrano nel merito di quello che dice o non dice

    Rispondi

  • grazia

    15 Febbraio @ 22.52

    Sanremo è una manfestazione canora seguita persino in eurovisione dovrebbe rimanere "solo" un gara canora lontana da polemiche varie di partito non mi è mai piaciuto celentano ieri sera ha esagerato spettacolo di cattivo gusto inadatto per una rappresentazione canora patetico datato che si ritiri da qualsiasi manifestazione il suo farneticare non porta a nulla.

    Rispondi

  • CLAUDIO

    15 Febbraio @ 22.27

    Credo che il RE degli ignoranti si stia divertendo, e riuscito .....forse in modo un tantino esagerato a far parlare di se, suscitando le ire di molta gente Io penso che sia più furbo di quanto si pensi,l'apostrofo di RE degli ignoranti gli serve proprio per fare e dire quello che vuole sparando a zero su tutto quello che non gli piace. Forse e discutibile quello che ha detto e probabilmente ha esagerato un po,ma il fatto che i giornali della chiesa parlino un po troppo di cose che non la riguardano e verissimo Dovrebbero parlare solo di problemi riguardanti dio e la religione cristiana,invece come molti altri quotidiani nazionali parlano, di politica ed altre cose che non hanno nulla a che fare con la chiesa. Non sottovalutatelo non e cosi stupido. CLAUDIO LIBERO OPINIONISTA OPINIONABILE

    Rispondi

  • concetta

    15 Febbraio @ 22.21

    Sanremo non lo guardo più, basterebbero 3 serate come una volta, 3 serate di canzoni e non spettacoli da baraccone come quello di ieri sera, veramente orribile!!!! Celentano dovrebbe solo cantare perchè canta bene e le sue canzoni sono molto belle, ma si fermi lì per carità, non apra bocca per dire cazzate pagate fior di quattrini con i soldi dei contribuenti. LA RAI SI DEVE VERGOGNARE DI BUTTARE COSI I NOSTRI SOLDI!!! VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Bertolucci

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto