-1°

Spettacoli

La "Certosa di Parma" Rai? Meglio Panariello

La "Certosa di Parma" Rai? Meglio Panariello
17

SECONDA SERATA: VINCE PANARIELLO - Con 6.581.000 spettatori pari al 27.29% di share, il nuovo show di Giorgio Panariello 'Panariello non esistè al suo debutto su Canale 5 vince la gara degli ascolti battendo La Certosa di Parma, che su Rai1 è stata vista da 5.660.000 spettatori, pari al 20.27% di share.

 In prima serata Canale 5 totalizza il 25.81 di share, rispetto al 18.8 di Rai1. Complessivamente le reti Mediaset vincono il prime time con il 42.86 di share e 12.716.000
spettatori (Rai 35.41 e 10.508.000 spettatori); la seconda serata con il 41.96 e 5.040.000 spettatori (Rai 30.79 e 3.698.000) e 24 ore con il 41.96 e 5.050.000 spettatori (Rai 38.63 e 4.363.000 spettatori).

 Striscia la notizia ha avuto 7.813.000 spettatori pari al 25.94% di share; su Rai1 Affari Tuoi 5.659.000 spettatori con il 18.86% di share.

PRIMA SERATA VITTORIOSA - La Certosa di Parma si prsenta con un buon risultato. Soddisfacenti gli ascolti, in linea con questo periodo dell'anno: 5 milioni e 130 mila spettatori, con uno share del 19,6% per la prima parte andata in onda domenica su RaiUno (ieri sera la seconda puntata). Certo, non sono numeri da Montalbano (quello «vero»), ma la fiction di Cinzia Th Torrini tratta dal celeberrimo romanzo di Stendhal ha comunque strappato la vittoria nella fascia della prima serata, battendo agevolmente il Grande Fratello 12, che Canale 5 ha riposizionato senza apparenti benefici (3 milioni e mezzo, 17,3% di share). 
Ma i parmigiani come hanno vissuto l'appuntamento «nostrano» davanti al piccolo schermo? Elisabetta Rastelli è una guida turistica abituata a raccontare i luoghi della città: «In questa fiction è Parma la protagonista assoluta. Città e parmigiani (...)».
Costante Di Rienzo, coordinatore dei sistemi informativi della Prefettura, ha tolto gli abiti da funzionario e in diversi set ha indossato quelli di comparsa, con tanto di basette e marsina. (...) «Le riprese sono state lunghe, ripetute infinite volte, curate nei minimi particolari. Tutte le comparse, me compreso, avevamo aspettative alte rispetto alla resa televisiva della Certosa, ma che sono andate deluse. Lo sceneggiato è troppo rapido, con tagli repentini da una situazione all’altra (...)».
Stessa impressione per Carla They, arpista di Parma che per due set è stata un’affascinante dama nei ricevimenti della corte del Principe.  (...)

L'articolo completo è sulla Gazzetta di Parma in edicola oggi

 

Se Clelia arriva da Roma... - Mettiamola così: ben vengano anche le fiction, se possono servire ad avvicinare le persone alla Cultura, e magari fanno venir voglia di leggere un libro, o di visitare le nostre bellezze artistiche e monumentali. Poi, naturalmente, ci sono le fiction più riuscite e quelle meno. La Certosa di queste due  serate, ahinoi, sembra più vicina alla seconda categoria: approccio un po' di superficie, attori da far maturare (e quella Clelia con accento  simil-romano...). Insomma, forse si poteva fare di meglio, anche se noi parmigiani possiamo almeno consolarci con qualche scorcio fra piazza Duomo, San Giovanni, Colorno e Torrechiara.

Ma forse, la vera consolazione sarebbe - dopo la fine della fiction - immergersi nelle pagine di Stendhal, e scoprire lì il vero fascino della Certosa di Parma...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • medioman

    08 Marzo @ 18.14

    Dubito che si possa fare un raffronto serio con lo sceneggiato andato in onda 30 anni fa'; allora i televisori erano bianco/nero, 18 pollici, 320 linee... audio "che si sentiva"... Niente a che vedere con l'HD e qualità di fotografia di quello attuale. Che, poi, allora le spettatrici ammirassero Occhipinti, era ovvio... come è ovvio che le spettatrici attuali apprezzino Rodrigo Guirao...

    Rispondi

  • manuela

    08 Marzo @ 13.50

    che pena questa fiction, che livelli bassi di interpretazione degli attori protagonisti, dialoghi inesistenti, che livello miserevole, vi consiglio di vedere il sceneggiato che andò in onda negli anni \'70 per vedere cosa vuol dire \"arte\"

    Rispondi

  • LUIGI CURTI

    07 Marzo @ 22.31

    Il libro è un'altra cosa;e poi il Duca Farnese non risiedeva sempre a Colorno,come invece è fatto credere dalla fiction,la quale Colorno mi sembra ,abbia avuto,e di ciò me ne compiaccio,un ruolo di primo piano nelle due serate;infine il duello avvenne nella zona tra Sacca e Sangugna e Torrechiara utilizzata come Prigione di collina c'entra come i cavoli a merenda:si poteva trovare edifici più adatti in città.

    Rispondi

  • Elisa

    06 Marzo @ 19.55

    Mamma mia ma quanto siete pesi!!! A me invece questa fiction è piaciuta molto e mi ha tenuta incollata davanti alla tv sia domenica che ieri sera (nonostante dall'altra parte ci fosse Panariello che seguo sempre e che apprezzo tanto). Clelia mi è piaciuta tantissimo e anche Fabrizio sia come uomo che come attore non era niente male. Se volevate vedere un'opera di altissimo spessore artistico allora dovevate andare a teatro!! O all'opera!! Questo è il mio pensiero. Saluti.

    Rispondi

  • simo

    06 Marzo @ 17.56

    Un fotoromanzo, niente a che vedere col libro. Davvero tremenda la recitazione di Clelia. E anche Fabrizio: bellissimo, sì, ma quanto a intensità di espressione... Bravi, invece, la zia e Mosca.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria