20°

Spettacoli

"La voce umana": se l'amore è appeso a un filo. Del telefono

"La voce umana": se l'amore è appeso a un filo. Del telefono
0

Debutterà  giovedì 8 marzo alle 21, in occasione della Festa della Donna, e proseguirà fino all'11 (sempre alle  21,  la domenica alle 16) il nuovo spettacolo prodotto da Fondazione Teatro Due, «La voce umana», testo di culto di Jean Cocteau del 1929, diretto da Walter Le Moli e interpretato da Mascia Musy (info 0521 230242, biglietteria@teatrodue.org). Uno dei ritratti femminili più intensi della storia del teatro, che ne celebra la complessità nella giornata dedicata alle donne.
Il celebre ed intenso monologo- dialogo andò in scena per la prima volta al Théâtre de la Comédie-Française nel febbraio del 1930, con protagonista Berthe Bovy. Divenuto un classico, negli anni è stato interpretato dalle più grandi attrici del Novecento, da Anna Magnani (ne «L’amore» di Rossellini), a Ingrid Bergman, da Simone Signoret a Gaby Morlay, Judith Anderson, Susanna York, Liv Ullman. Un atto unico “dissanguante”, che dipana lo strazio dell’abbandono affidandolo ad una lunga telefonata. Qui il telefono diviene un mezzo d’incomunicabilità e inganno, in contrasto con la “voce umana”, strumento raffinato e sensibile, capace di trasmettere tutto il dolore e la solitudine della donna.
In scena due protagonisti, ma solo uno, Lei, visibile; Lui è un ruolo non scritto, un tempo di risposta e reazione, un serie di puntini di sospensione, un personaggio immaginato (forse persino immaginario) ma sempre presente, che si nega allo sguardo dell’amata e del pubblico pur conducendo la conversazione. La banalità dell’occasione, una semplice telefonata, è il fulcro di una forte tensione poetica ed emotiva e il “teatro puro” di Cocteau si dispiega in una serie di parole mozzate, frementi, incalzanti, che  srotolano in scena il filo di un amore finito, la matassa del dramma amoroso nella sua qualità originaria, sincera, nella sua assoluta prevedibilità.
«Una volta ci si vedeva. Si poteva perdere la testa, dimenticarsi le proprie promesse, rischiare l’impossibile, convincere chi s’adorava coi baci, aggrappati a loro. Uno sguardo poteva cambiare tutto. Ma con questo apparecchio, quello che è finito è finito», dice la protagonista alla cornetta. E in poche righe di una battuta, Cocteau condensa tutta la complessità e la novità delle relazioni nell’era della comunicazione mediatica.
Un testo che dopo più di 80 anni rimane intatto nella sua folgorante e poetica attualità anche al tempo degli smartphone. Una tragedia epica, un classico appunto, nella sua purezza e lucidità, nella sua violenza compressa e intima. Dice Cocteau nella prima didascalia alla scena: «L’autore vorrebbe che l’attrice desse l’impressione di sanguinare, di perdere il sangue come una bestia ferita, di terminare l’atto in una camera piena di sangue».  L’amore è appeso a un filo. Come la vita. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ai David trionfa «La pazza gioia»

CINEMA

Ai David trionfa «La pazza gioia»

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

Lavoro

Agricoltori contro l'abolizione dei voucher

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Fontanellato

L'ultimo saluto a Fernando Virgili, decano dei geometri

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

NUORO

Sgominata banda: progettava il furto della salma di Enzo Ferrari

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017