Spettacoli

Il teatro puro di Jean Cocteau: una donna straziata "appesa" al filo del telefono

Il teatro puro di Jean Cocteau: una donna straziata "appesa" al filo del telefono
0

La voce trattenuta, come a contenere un dolore compresso: le parole che escono con fatica, stancamente, spezzate e interrotte come quella linea telefonica che «è caduta» e che scandisce con i suoi capricci il ritmo a singhiozzo del dramma. E’ «La voce umana» di una dolente Mascia Musy, nella sua lunga camicia da notte bianca priva di sensualità sulla quale indossa in fretta un cappotto, a ingaggiare questo match di sofferenza al telefono, con un interlocutore mai vivo e presente, che amplifica la sua immensa solitudine. In cinquantacinque minuti il feroce atto unico di Jean Cocteau, diretto da Walter Le Moli in questa nuova produzione di Fondazione Teatro Due che ha debuttato giovedì sera in occasione dell’8 marzo, affida al telefono il compito di straziare la sua protagonista, che si presenta già stesa a terra nella scena iniziale, di farla «perdere sangue come una bestia ferita» come indica l’autore stesso in didascalia, fino a strozzarla con quel filo a cui tiene appesa tutta la sua esistenza. La fine di un amore al telefono, «teatro puro» di Cocteau ieri come oggi attuale, come sottolinea la regia in un continuo gioco di rimandi dal filo della cornetta a quello più moderno dell’auricolare del cellulare, è lo specchio di un’esasperazione della solitudine nella vita sempre più tecnologica e mediatica, dove non ci si vede più direttamente e non c’è più «lo sguardo che può cambiare tutto». L’allestimento ci mostra una camera da letto in bianco e nero, dove l’ombra della protagonista (o del suo interlocutore, che è poi sempre se stessa) giganteggia su una parete. Ma siamo anche in una sala teatrale, oggi, come ci ricorda la quinta sfondata che mostra il retro della scena,  o il divieto di fumare imposto alla protagonista, o quel trillo di cellulare tutto contemporaneo che gioca inizialmente con l’equivoco che qualcuno dal pubblico abbia davvero dimenticato di spegnere il proprio telefono. E Mascia Musy, nella sua intensa prova d’attrice, è nel finale vittima e regista del proprio dolore, gridando quel «Taglia!» che è sia un invito al boia a ucciderla col filo del telefono divenuto ghigliottina che ad abbassare le luci su quel dramma in cui tutti possiamo riconoscerci.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)