16°

Spettacoli

Immigrazione, arriva il docu-choc sui respingimenti italiani

Immigrazione, arriva il docu-choc sui respingimenti italiani
3

ROMA,–  (di Francesco Gallo)

"Mare chiuso", il documentario di Stefano Liberti e Andrea Segre, presentato oggi alla Stampa estera e che sarà in poche sale da domani distribuito da Zalab, inizia non a caso con una sentenza, quella della Corte Europea dei Diritti dell’uomo di Strasburgo, che ha condannato il nostro Paese il 23 febbraio scorso per aver violato la Convenzione Europea per i respingimenti dei clandestini in acque internazionali tra il maggio 2009 e il 2010.  E questo in seguito agli accordi tra Gheddafi e Berlusconi che prevedevano che tutte le barche dei migranti intercettate in acque internazionali fossero ricondotte in territorio libico. Peccato che in Libia non esisteva alcun diritto di protezione e la polizia poteva, come sembra fece, esercitare indisturbata varie forme di abusi e violenze. Senza dimenticare che molti dei respinti erano richiedenti asilo.  Un documentario per certi versi shock, quello presentato stamani, non tanto per alcune immagini originali con i migranti in preghiera ed esultanti alla vista di una nave italiana (era capitata in quell'occasione una troupe tv straniera che raccontò e testimoniò di quel primo respingimento anche con alcune suggestive sequenze), ma per le testimonianze di alcune delle vittime dei respingimenti. Voci di migranti più che delusi verso un’Italia solo inizialmente amata.  In "Mare chiuso", che domani sarà presentato in anteprima al Cinema Farnese di Roma e di cui è prevista una proiezione alla Camera, anche alcune immagini di repertorio dell’allora ministro Roberto Maroni che indica come primo compito «di impedire l’ingresso degli immigrati» e di quelle del premier Berlusconi che dichiara come i boat people sono in genere non delle persone in fuga dai loro paesi, ma solo persone «reclutate da organizzazioni criminali».  Di fatto i respinti dalla Libia grazie a questa legge sono stati circa 2000 persone. Invece più difficile accertare quante persone siano scomparse durante la traversata.  «Volevo andare in Europa, in Italia, per avere protezione e cercare lavoro, stavamo andando in un Paese migliore, poi sono arrivati gli italiani: dalla posizione del sole ho capito che stavamo tornando a Tripoli» dice un immigrato nel documentario presentato stamani oltre che dai due registi, anche, tra gli altri, da uno degli avvocati Anton Giulio Lana vincitori dell’appello a Strasburgo, da Laura Boldrini, portavoce dell’alto commissariato Onu per i rifugiati, dall’onorevole del Pd, Jean-Leonard Touadi, dal rappresentante di Amnesty International Serafino Murri.  «Il cosiddetto pacchetto-sicurezza è stato solo una grande sconfitta della cultura democratica del nostro paese» ha detto Touadi che poi non ha mancato di rinnovare l’impegno che vada rivisto quel vergognoso accordo italo-libico. Un appello all’attuale premier Mario Monti, «che non stipuli o permetta alcun accordo che vada contro la sentenza di Strasburgo».  Il film, prodotto da ZaLab e realizzato con il sostegno di Open Society Foundation, è stato in gran parte fatto con interviste realizzate al confine libico-tunisino, ovvero al campo profughi di Shousha.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ELISABETTA

    15 Marzo @ 09.33

    Beh mi sembra giusto, noi siamo dei delinquenti se li rimandiamo indietro mentre loro sono liberi di delinquere e fare i propri comodii nel nostro Paese....che schifo!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Giuio

    14 Marzo @ 18.46

    E vi pareva che da Bruxelles e da strasburgo ci dovessero imporre questa gente. Le sorti dell'Italia vengono decise là, non dagli italiani o dai politici scelti da loro. Sono gli allegri menefreghisti di Bruxelles che da anni ci impongono questa società degradata e questa Italia pattumiera. Nessuno però che si senta in colpa per i reati che gran parte di questi delinquenti compiono ai danni degli italiani. NESSUNO ! Si vergognino questi euro fanatici della iper migrazione. Li insulterei a dovere se sapessi che giunge a loro la mia voce, e se non fossi censurato. Questa è la più orrenda epoca fatta di distorsioni della verità, di demagogia e nauseante buonismo. Tutto deciso e pianificato. E noi impotenti a lamentarci !!!

    Rispondi

  • cristina

    14 Marzo @ 18.16

    INSOMMA NOI ITALIANI CI DOBBIAMO SENTIRE SEMPRE IN COLPA!!!! MA FATEMI IL PIACERE !!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia