-4°

Spettacoli

Genio ribelle e "contestatore": si sente l'assenza di Carmelo Bene

Genio ribelle e "contestatore": si sente l'assenza di Carmelo Bene
0

Paolo Petroni
Parafrasando Attilio Bertolucci, l'idea dell’assenza come più forte presenza era una di quelle che Carmelo Bene aveva sempre teorizzato: tanto più all'insorgere dei gravi problemi al cuore e in vista della sua scomparsa (il 16 marzo 2002, domani ricorre il decennale), mentre lavorava a quel capolavoro che è l'«Otello» cinetelevisivo, considerato il suo testamento artistico e proiettato per la prima volta ai suoi funerali. Aveva ragione: in tempi come questi, di cultura svillaneggiata, di crisi di idee, di povertà e mancanza di coraggio, l’assenza delle provocazioni e del genio inventivo di Bene si avverte eccome.
Un’assenza di dieci anni, durante la quale la sua figura è cresciuta, o meglio è andata depurandosi di tutta quella parte di cronaca, colore, curiosità piccolo-borghese per l'eccentricità e gli sberleffi che spesso avevano la meglio sul senso e la forza della sua arte. Perchè è vero, Bene per anni è rimasto solo quello che, nel 1963, dal palcoscenico del Beat 82, aveva fatto pipì in platea (tra l’altro, non fu lui!) o lo strano tipo che affermava di essere «apparso alla Madonna», senza che la forza di questo ribaltamento, il mettersi in gioco dell’artista contro ogni convenzione, venisse davvero colta.
 Oggi, in prospettiva, tutto appare più chiaro, restaurati i suoi film e video, raccolti e pubblicati nei Classici Bompiani tutti i suoi testi, che hanno rivelato uno scrittore spesso di gran qualità, anche se non facile nella ridondanza verbale e espressiva del suo essere figlio del barocco pugliese. Nel suo essere contestatore naturale, ribelle a convenzioni e tradizioni quando acquistano valore vincolante, negli anni della neoavanguardia letteraria, delle novità nell’arte e nello spettacolo che arrivavano dall’Europa e dall’America, Bene si oppose a suo modo al teatro ben fatto (molto ben fatto), di Visconti e Strehler, all’eleganza didattica e ideologica dei migliori spettacoli del tempo, in nome della parola, spesso di grandi autori classici, del verbo e della sua forza dirompente, capace di farsi corpo e vita in scena.
«Non è che si possa scrivere quel che ho sentito, nè cosa precisamente lui faccia con la sua voce e quelle sue parole non sue - scrisse a suo tempo Alessandro Baricco uscendo da un suo recital di versi di Dino Campana - Dire che legge è ridicolo. Lui diventa quelle parole, e quelle non sono più parole, ma voce, e la voce non è più voce, ma è suono che accade, e quel suono che accade diventa ciò che accade, e dunque tutto, il resto non è più niente». A ogni testo, a ogni personaggio, che fosse di Dante, Shakespeare, Cervantes («Don Chisciotte con Leo De Berardinis) o di Sem Benelli («La cena delle beffe» con Proietti), sapeva così dare una nuova profondità, rivelarne tutti i doppi fondi, le possibilità espressive, come un lampo che poi, come vuole la legge del vero teatro, subito sparisce, non è più, ma forse ha lasciato un bagliore, un attimo di illuminazione, che sbalordiva, commuoveva, ma poteva anche irritare per la sua «crudeltà», per una ricerca di verità  al di là delle consuetudini, senza pietà per nessuno, a cominciare da se stesso. Non a caso Pinocchio, dalla prima messinscena del 1961, è stato uno dei suoi personaggi simbolo.
Nato a Campi Salentina (Lecce) il 1° settembre 1937, uscì «indenne», come amava dire, nel 1959 dall’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, che gli dette comunque i fondamenti su cui lavorare, i punti di appoggio da abbattere o rivoluzionare, cominciando con l’usare un autore «eversivo» come Majakovskij. Dopo viene il «Caligola» e inizia la fama di provocatore di Carmelo Bene, estremamente critico nei confronti del degrado culturale e sociale del mondo che lo circonda, che, per una quarantina d’anni, sarà protagonista delle nostre scene, parametro inevitabile in positivo e in negativo, creatore prolifico di spettacoli storici, autore di romanzi, creatore di film con la voglia, anche lì, di reinventare il cinema, fascinatore di pubblico con i suoi recital poetici.
Sono cose di cui avvertiamo oggi fortemente l’assenza. E per rendersene conto basterà andare al Festival di Carmelo Bene, organizzato dal Bari International Film Festival dal 24 al 31 marzo: incontri, discussioni, ma soprattutto la proiezione di decine di suoi video, spettacoli, film.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

7commenti

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Il Soccorso Alpino di Parma opera sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

6commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

4commenti

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta