Spettacoli

"Non siamo come certi dehors": i lavoratori del Regio contro la rimozione del loro striscione

Ricevi gratis le news
2

Reagiscono alla rimozione del loro striscione dalla facciata del Regio, i lavoratori del Teatro.

E lo fanno attraverso un comunicato.  "La segreteria SLC Cgil e l'assemblea dei lavoratori segnalano che l'azione di rimozione dello striscione con la scritta “Il Regio è patrimonio di tutti non un affare di pochi” dai fornici del Teatro Regio operata nei giorni scorsi dalla Fondazione su indicazione del Commissario Straordinario ha trovato la ferma e piena opposizione delle maestranze. Lo striscione è stato rimosso da una cooperativa di facchini e la segretaria provinciale SLC CGIL, Silvia Avanzini, ha avuto mandato dall'assemblea di inoltrare formale richiesta di chiarimenti al segretario generale della Fondazione. La rimozione dello striscione compare inoltre con evidenza nei comunicati stampa del Comune di Parma quale azione di ripristino di ordine e decoro pubblico. I lavoratori e le lavoratrici della Fondazione – in stato d'agitazione permanente dal maggio 2011 e promotori di una protesta dal basso di rimozione dei vertici della Fondazione – non ci stanno ad essere equiparati alle rimozioni di déhors che in questi giorni segnano l'attività - in ossequio alla legge - del Commissario Straordinario. Giova ricordare che la mobilitazione del Regio di Parma – patrimonio della parte sana di una città umiliata – parte da lontano, con la contestazione di abusi, privilegi, eccessi a discapito di quella parte seria, professionale e di qualità di lavoratori stabili e precari che da anni operano in Teatro. Se poi la rimozione dello striscione di denuncia - esposto nell'ottobre 2011 durante l'ultimo Festival Verdi sotto l'allora presidenza dell'ex sindaco Vignali - avviene a pochi giorni dalla pubblicazione di foto che tendono a colpevolizzare impropriamente la generalità dei lavoratori del Teatro Regio, gli stessi reagiscono.

L'assemblea valuta infatti corretta e propria l'indagine interna richiesta dal Commissario (ci si riferisce a fatti segnalati ironicamente da una testata locale a proposito del “lato agreste del Regio”) per definire le reali responsabilità di chi ha sbagliato ma soprattutto permesso che certi comportamenti avessero luogo, evitando però improprie generalizzazioni. L'assemblea dei lavoratori del Teatro Regio ribadisce, come già dichiarato in incontri sindacali, che lo striscione sarebbe stato deposto e consegnato al Commissario alla risoluzione delle questioni aperte.

Si apprende sempre dalla stampa la positiva ed imminente uscita del bando per selezione pubblica per la sovrintendenza, ma nulla si conosce di definitivo su precari e soci. L'assemblea dei lavoratori chiede quindi con forza che venga convocata al più presto la rappresentanza sindacale al tavolo di confronto, affinché si completi in modo positivo e definitivo quanto impostato nell'ultimo incontro del 10 febbraio con il subcommissario Pomponio. Cosi che il lavoro del teatro torni ad essere valore della città: mani che danno voce".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • betti

    18 Marzo @ 08.06

    E' una vergogna che per un problema di immagine il potere tratti gli ultimi in modo così le persone che più avrebbero bisogno di ascolto e di aiuto. Questa è la dimostrazione di quanto chi governa sia lontano dai problemi quotidiani della gente, Che tristezza!

    Rispondi

  • Partito Comunista dei Lavoratori Parma

    17 Marzo @ 23.56

    Liliana Spaggiari ed il Partito Comunista dei Lavoratori di Parma intendono esprimere Solidarietà e vicinanza ai Lavoratori in lotta del Teatro Regio, oltre al proprio disgusto per l'atto vergognoso di rimozione dello Striscione di protesta affisso all'esterno del Teatro stesso, operato su decisione del Commissario Ciclosi. Tale rimozione viene dal Comune giustificata "per ripristinare una situazione di ordine e di decoro urbano", mentre nella realtà appare semplicemente il vile tentativo di occultamento di una battaglia sindacale complicata, nella quale più che mai la precarizzazione si rivela per ciò che è: la diretta conseguenza di Amministrazioni sedicentemente capaci, e sperperatrici dei nostri soldi. Crediamo non sia casuale che tale rimozione, che ricorda ai Parmigiani nomi e volti dei colpevoli della situazione, avvenga alla presentazione delle Candidature di quelle forze che un maggior senso del pudore avrebbe consigliato di scomparire dalla scena politica. Come si è permesso il Commissario Ciclosi di agire in modo cosi partigiano e violento in una vertenza sindacale? Si ricordi che è chiamato pro-tempore alla gestione dell'ordinario, e per il tempo strettamente necessario a che i Parmigiani si esprimano: sotto quei Portici egli è ospite, che provveda a comportarsi come tale. Se considera il Sindacalismo e le Lotte dei Lavoratori come questioni di "decoro urbano" valuti piuttosto seriamente di trasferirsi in città e luoghi dove queste battaglie siano meno sentite e meno significative per il tessuto sociale tutto. Il Partito Comunista dei Lavoratori si augura che lo Striscione torni nella disponibilità dei Lavoratori, e che la Lotta che conducono unitamente alle loro Rappresentanze Sindacali, non subisca più attacchi di questo genere, peraltro operati in un silenzio complice e colluso di tutte le altre forze politiche, che invitiamo a schierarsi da un lato o dall'altro della Barricata. Perchè Parma resta ciò che era: una città di Barricate. Comitato Liliana Spaggiari Sindaco Partito Comunista dei Lavoratori di Parma

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

2commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

10commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day