Spettacoli

Ascanio Celestini: "Queste carceri sono come i lager"

Ascanio Celestini: "Queste carceri sono come i lager"
Ricevi gratis le news
0

 Mara Pedrabissi

Alla soglia dei 40 anni, mentre tanti coetanei vengono considerati “emergenti”, Ascanio Celestini, “romano de Roma”,  sta nell'empireo dei più titolati rappresentanti del teatro civile. Con i suoi monologhi dal retrogusto aspro, dove la vena narrativa fiabesca è condita di umorismo nero, calca i palcoscenici d'Italia e d'Europa. «La pecora nera», riuscitissimo spettacolo teatrale, uno squarcio di luce sul cono d'ombra della realtà manicomiale (visto anche a Parma, al Teatro al Parco), è diventato un film, passato a Venezia.  Torna da noi ora Celestini, con il suo pensiero non omologato, con il suo affabulare capace di lanciare un sasso nello stagno della normalità apparente, con il suo teatro mai ruffiano, scomodo sempre. Sarà all'Arena del Sole di Roccabianca martedì prossimo con «Pro Patria - Senza prigioni, senza processi». Una riflessione sul nostro Risorgimento fuori dalla retorica, dove l'invenzione scenica di un detenuto dei giorni nostri che parla con Giuseppe Mazzini diventa occasione per portare in primo piano la questione delle carceri.
  Dopo il manicomio, la fabbrica, adesso il carcere...
«Sì, sono luoghi molto simili in verità. Mi sembra che siano interessanti da raccontare. Il carcere in particolare - a differenza del manicomio e della fabbrica - è un'istituzione che non è mai stata messa in discussione. Anzi ultimamente c'è un pensiero che lo giustifica due volte. Uno perché si pensa  che ci dovrebbe finire un mucchio di gente, governanti, ex governanti, ma anche le categorie “deboli”, tossici, stranieri. E giustificato perché c'è un pericoloso rispetto, quasi amore, per il giustizialismo che sta alla base del carcere. Antonucci, lo psicanalista, diceva che non possiamo essere contro il manicomio e non contro la psichiatria che lo legittimava perché sarebbe come essere contro Auschwitz ma non contro il nazismo. Insomma, è la giustizia italiana che produce questo inferno che è il carcere, non sono due mondi svincolati».
Che lei sia contrario al manicomio, al carcere, lo abbiamo capito. Ma cosa immagina «al posto di»?
«Io non sarei tenuto a dirlo, perchè io faccio spettacoli. Quello che penso, come cittadino, è che l'alternativa al carcere già esiste. Comunque già il non-lager è meglio del lager. Se noi stipiamo le persone nelle carceri, le costringiamo a una violenza quotidiana, le teniamo sedate con gli psicofarmaci - perché oggi il carcere è questo - qualsiasi alternativa è meglio. E in alternativa c'è il ciclico svuotamento delle carceri. Il carcere è un'istituzione violenta che tende a gonfiarsi e ogni tanto bisogna sgonfiarla». 
Lei quest'anno compie 40 anni. I numeri pieni sono sempre occasioni di bilancio.
«Sono contento, sì sì, nel senso che in Italia è difficile fare teatro o attività culturali, scrivere e noi comunque ci riusciamo. Il meglio della produzione culturale qui passa a una certa distanza dalle grandi istituzioni, a differenza che in Europa. Forse quando ci mettono paura e dicono che tagliano il Fus, forse è una cosa buona... che anche queste istituzioni pesanti e autoreferenziali vengano un po' svuotate»
Accidenti, proprio ce l'ha nel sangue di provocare. Così non si fa degli amici...
«No, io penso ai meccanismi. Quando ad esempio  lavoriamo col Teatro Stabile dell'Umbria, dobbiamo lavorare come compagnia privata perchè non rientriamo nei parametri, sennò troppi paletti. Voglio dire che anche quelli che provano ad aiutarci fanno fatica. Qualche giorno fa stavo a Losanna, una delle più forti realtà produttive europee, e lì i nomi dei grandi direttori dei teatri italiani non li conoscono. All'estero pensano che il grande teatro italiano sia Emma Dante, Pippo Delbono, Societas Raffaello Sanzio.  Ma lasciamo perdere, questo sistema fa rabbia. Ci sono direttori che guadagnano due, trecentomila euro, hanno la casa pagata. Fa rabbia. Non per me che lavoro, da privato ma lavoro. Ma per tante compagnie che fanno i salti mortali eppure lavorano bene ma non sono rispettate da questo sistema»
Va bene, allora se dobbiamo farle un augurio per questi 40 anni, cosa le facciamo?
«Ma, va bene uno qualunque, non sono superstizioso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

3commenti

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande