20°

31°

Spettacoli

Cinema recensioni - Tropic Thunder - Una guerra che ammazza dal ridere

Cinema recensioni - Tropic Thunder - Una guerra che ammazza dal ridere
0

di Lisa Oppici


Spesso si dice: non perdete i titoli di coda. Qui addirittura si raddoppia: non perdete quelli, sì, ma nemmeno i trailer che aprono «Tropic Thunder». I pochi minuti in cui ci vengono presentati i protagonisti del film (anch’esso intitolato naturalmente «Tropic Thunder») del quale la pellicola di Ben Stiller racconta la lavorazione: tre attori in cerca di rilancio affiancati da un giovane rapper. Non perdeteli, perché lì comincerete a ridere: e praticamente non finirete più. Già, perché il tratto saliente di questa nuova demenziale incursione di Ben Stiller nella regia (ma è anche co-autore di soggetto e sceneggiatura) è che fa ridere. Tanto. Certo, è umorismo spesso di grana grossa, qua e là anche oltre i limiti dell’irriverenza, ma mette in fila una tale serie di trovate azzeccate, di caricature e di battute riuscite, da farsi perdonare le imperfezioni. Un film nel film, dunque: i nostri quattro, cui si aggiunge un quinto giovanissimo (alla fine fondamentale per risolvere la situazione) stanno girando «Tropic Thunder», pellicola sulla guerra in Vietnam tratta dal best seller di un «veterano». E per una serie di circostanze si trovano a combattere una «guerra» vera: dal cinema alla realtà, da attori a soldati, non senza qualche problema. Parodia dei film di guerra (citazioni esplicite di «Apocalypse Now», «Platoon», «Il cacciatore» e altri) ma anche di quelli d’avventura e della Hollywood di oggi tutta, la pellicola di Stiller non risparmia praticamente nessuno, mettendo sulla graticola un intero sistema. Le mega produzioni super truculente e ad alto tasso di sangue, certo, ma anche le persone del cinema: a partire dagli attori, dalle loro nevrosi e dai loro vizi, dalle loro manie e dalle loro crisi (esilarante il dialogo Stiller-Downey Jr. sull'identità). Ce n'è anche per gli agenti, che saranno anche amici dei loro «assistiti» ma di fronte a carrettate di denaro potrebbero pure lasciarli crepare. E ce n'è anche, forse soprattutto, per i produttori: qui il boss del film che si sta girando, Les Grossman (un irriconoscibile Tom Cruise in una delle performances più riuscite della carriera), è squalo come pochi. Last but not least, ce n'è anche per l’Academy, ed è forse una delle trovate più belle: il momento in cui Downey Jr. spiega a Stiller perché con l’interpretazione di un disabile (che di solito «funziona sempre» e significa Oscar) ha clamorosamente mancato anche la nomination è uno dei più comici di tutta la pellicola. Perché ha «toppato»? Perché «non si fa mai il completo ritardato»: non si esagera mai, insomma, altrimenti l’Academy non ci casca.di Lisa Oppici
Spesso si dice: non perdete i titoli di coda. Qui addirittura si raddoppia: non perdete quelli, sì, ma nemmeno i trailer che aprono «Tropic Thunder». I pochi minuti in cui ci vengono presentati i protagonisti del film (anch’esso intitolato naturalmente «Tropic Thunder») del quale la pellicola di Ben Stiller racconta la lavorazione: tre attori in cerca di rilancio affiancati da un giovane rapper. Non perdeteli, perché lì comincerete a ridere: e praticamente non finirete più. Già, perché il tratto saliente di questa nuova demenziale incursione di Ben Stiller nella regia (ma è anche co-autore di soggetto e sceneggiatura) è che fa ridere. Tanto. Certo, è umorismo spesso di grana grossa, qua e là anche oltre i limiti dell’irriverenza, ma mette in fila una tale serie di trovate azzeccate, di caricature e di battute riuscite, da farsi perdonare le imperfezioni. Un film nel film, dunque: i nostri quattro, cui si aggiunge un quinto giovanissimo (alla fine fondamentale per risolvere la situazione) stanno girando «Tropic Thunder», pellicola sulla guerra in Vietnam tratta dal best seller di un «veterano». E per una serie di circostanze si trovano a combattere una «guerra» vera: dal cinema alla realtà, da attori a soldati, non senza qualche problema. Parodia dei film di guerra (citazioni esplicite di «Apocalypse Now», «Platoon», «Il cacciatore» e altri) ma anche di quelli d’avventura e della Hollywood di oggi tutta, la pellicola di Stiller non risparmia praticamente nessuno, mettendo sulla graticola un intero sistema. Le mega produzioni super truculente e ad alto tasso di sangue, certo, ma anche le persone del cinema: a partire dagli attori, dalle loro nevrosi e dai loro vizi, dalle loro manie e dalle loro crisi (esilarante il dialogo Stiller-Downey Jr. sull'identità). Ce n'è anche per gli agenti, che saranno anche amici dei loro «assistiti» ma di fronte a carrettate di denaro potrebbero pure lasciarli crepare. E ce n'è anche, forse soprattutto, per i produttori: qui il boss del film che si sta girando, Les Grossman (un irriconoscibile Tom Cruise in una delle performances più riuscite della carriera), è squalo come pochi. Last but not least, ce n'è anche per l’Academy, ed è forse una delle trovate più belle: il momento in cui Downey Jr. spiega a Stiller perché con l’interpretazione di un disabile (che di solito «funziona sempre» e significa Oscar) ha clamorosamente mancato anche la nomination è uno dei più comici di tutta la pellicola. Perché ha «toppato»? Perché «non si fa mai il completo ritardato»: non si esagera mai, insomma, altrimenti l’Academy non ci casca.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

7commenti

Crisi pd?

Bonaccini: "Peccato, Parma poteva essere un laboratorio nazionale"

1commento

autostrada

Pomeriggio di code e traffico intenso tra Fiorenzuola e Parma in A1

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

29commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

15commenti

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

1commento

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

12commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

1commento

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

4commenti

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

2commenti

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

6commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

3commenti

ITALIA/MONDO

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

lutto

E' morto Paolo Limiti: conduttore e paroliere. Scrisse per Mina - Gallery - Video

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse