-2°

Spettacoli

Film recensioni - Molto forte, incredibilmente vicino

Film recensioni - Molto forte, incredibilmente vicino
0

di Lisa Oppici

C’è una voce in segreteria: sei messaggi. Il primo è tranquillizzante, l’ultimo più concitato: dice tante volte «Ci sei?» e poi più niente. Niente. Perché subito dopo crolla tutto. Il bambino quella voce l’ascolta e la riascolta, la tiene per sé senza condividerla, l’impara a memoria in ogni accento. E muore un poco dentro anche lui. È l’11 settembre 2001. La voce era di suo padre, che dal World Trade Center non è più tornato. La nuova sfida di Stephen Daldry, l’autore di «Billy Elliot» e «The Hours», comincia con gli abiti svolazzanti di un uomo che cade nel vuoto. Parte da lì, Daldry, mostrando fin da subito il taglio di questa trasposizione del notevole - e complesso, e stratificato - romanzo di Jonathan Safran Foer: la scelta dell’11 settembre come direttrice di una storia tutta concentrata (più del libro) su Oskar e sul suo itinerario di elaborazione del lutto. Lui, bambino «strano», un sospetto di sindrome di Asperger, alle Torri Gemelle ha perso il compagno di avventure: quel padre che un anno dopo vuol provare a «ritrovare» seguendo un oggetto, una chiave, raccolto per caso nel suo guardaroba. La chiave diventa una zattera cui aggrapparsi: e cercare la «sua» serratura, in una New York battuta palmo a palmo, significa tornare a «giocare» con il padre, in una quête che nasce per riempire l’incolmabile e che è in primis viaggio interiore, appunto nell’elaborazione del lutto e nell’accettazione della vita anche «orfana», percorso di formazione in più stazioni.
L’11 settembre è un fil rouge, ma la storia è più grande: è storia sulle paure (di esser figli e trovarsi davanti al mondo, ma anche di esser padri: il nonno muto di Oskar) e sulla necessità di affrontarle, sul dolore accecante della perdita, sulla vita e sulla morte, sulla fatica di cercarsi e di attrezzarsi per affrontar l’oceano: a nove come a ottant’anni, bambini o adulti, figli o genitori. Per raccontarla Daldry sta molto - moltissimo - sui volti, soprattutto sugli occhi: e li fa parlare. Spinge sul pedale della commozione, talvolta abbonda in retorica, ma nonostante tutto sa confezionare un film che (av)vince per intensità e forza non solo emotiva, complice uno straordinario protagonista (attenzione ai suoi occhi, ma anche a come sa reggere il dialogo-confessione con il vero proprietario della chiave): i suoi duetti con lo splendido Max Von Sydow, Virgilio sui generis a sua volta (auto)mutilato da un dolore troppo grande, valgono da soli il biglietto.
Giudizio: 3/5

SCHEDA
REGIA:  STEPHEN DALDRY 
SCENEGGIATURA:  ERIC ROTH 
(dal romanzo di Jonathan Safran Foer) 
FOTOGRAFIA: CHRIS MENGES 
MUSICHE: ALEXANDRE DESPLAT 
INTERPRETI:  THOMAS HORN, SANDRA BULLOCK, TOM HANKS, MAX VON SYDOW, VIOLA DAVIS
GENERE:  DRAMMATICO
Usa 2011, colore, 2 h e 9'
DOVE:  THE SPACE CINECITY

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

2commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

2commenti

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

5commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

11commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Calcio

LegaPro: Pareggio del Bassano; Venezia primo

Parma Calcio

Trasferta, Saporetti ci sarà. D'Aversa: "Nessun alibi anche nelle difficoltà"

CULTURA 

Archeologia

Restaurati 50mila metri quadrati di città a Pompei

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco