22°

32°

Spettacoli

Film recensioni - Molto forte, incredibilmente vicino

Film recensioni - Molto forte, incredibilmente vicino
Ricevi gratis le news
0

di Lisa Oppici

C’è una voce in segreteria: sei messaggi. Il primo è tranquillizzante, l’ultimo più concitato: dice tante volte «Ci sei?» e poi più niente. Niente. Perché subito dopo crolla tutto. Il bambino quella voce l’ascolta e la riascolta, la tiene per sé senza condividerla, l’impara a memoria in ogni accento. E muore un poco dentro anche lui. È l’11 settembre 2001. La voce era di suo padre, che dal World Trade Center non è più tornato. La nuova sfida di Stephen Daldry, l’autore di «Billy Elliot» e «The Hours», comincia con gli abiti svolazzanti di un uomo che cade nel vuoto. Parte da lì, Daldry, mostrando fin da subito il taglio di questa trasposizione del notevole - e complesso, e stratificato - romanzo di Jonathan Safran Foer: la scelta dell’11 settembre come direttrice di una storia tutta concentrata (più del libro) su Oskar e sul suo itinerario di elaborazione del lutto. Lui, bambino «strano», un sospetto di sindrome di Asperger, alle Torri Gemelle ha perso il compagno di avventure: quel padre che un anno dopo vuol provare a «ritrovare» seguendo un oggetto, una chiave, raccolto per caso nel suo guardaroba. La chiave diventa una zattera cui aggrapparsi: e cercare la «sua» serratura, in una New York battuta palmo a palmo, significa tornare a «giocare» con il padre, in una quête che nasce per riempire l’incolmabile e che è in primis viaggio interiore, appunto nell’elaborazione del lutto e nell’accettazione della vita anche «orfana», percorso di formazione in più stazioni.
L’11 settembre è un fil rouge, ma la storia è più grande: è storia sulle paure (di esser figli e trovarsi davanti al mondo, ma anche di esser padri: il nonno muto di Oskar) e sulla necessità di affrontarle, sul dolore accecante della perdita, sulla vita e sulla morte, sulla fatica di cercarsi e di attrezzarsi per affrontar l’oceano: a nove come a ottant’anni, bambini o adulti, figli o genitori. Per raccontarla Daldry sta molto - moltissimo - sui volti, soprattutto sugli occhi: e li fa parlare. Spinge sul pedale della commozione, talvolta abbonda in retorica, ma nonostante tutto sa confezionare un film che (av)vince per intensità e forza non solo emotiva, complice uno straordinario protagonista (attenzione ai suoi occhi, ma anche a come sa reggere il dialogo-confessione con il vero proprietario della chiave): i suoi duetti con lo splendido Max Von Sydow, Virgilio sui generis a sua volta (auto)mutilato da un dolore troppo grande, valgono da soli il biglietto.
Giudizio: 3/5

SCHEDA
REGIA:  STEPHEN DALDRY 
SCENEGGIATURA:  ERIC ROTH 
(dal romanzo di Jonathan Safran Foer) 
FOTOGRAFIA: CHRIS MENGES 
MUSICHE: ALEXANDRE DESPLAT 
INTERPRETI:  THOMAS HORN, SANDRA BULLOCK, TOM HANKS, MAX VON SYDOW, VIOLA DAVIS
GENERE:  DRAMMATICO
Usa 2011, colore, 2 h e 9'
DOVE:  THE SPACE CINECITY

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti