10°

20°

Spettacoli

Giuseppe Bertolucci, l'uomo che inventò Benigni

Giuseppe Bertolucci, l'uomo che inventò Benigni
1

 Filiberto Molossi

Adesso, che lo diranno tutti, è sin troppo facile - e comodo - ricordarsene: e spiegare alla gente, che forse non lo sa, che se ne è andato l'uomo che ha inventato Roberto Benigni, il regista che per primo ha visto una luce in quello spettinato  comico toscano da teatrini off e ne ha fatto un fenomeno da culto. Sarebbe facile però e profondamente ingiusto non rammentarsi che quel signore alto e grande e gentile era per prima cosa un intellettuale a tutto tondo (uno degli ultimi, se preferite), capace di conservare uno sguardo ironico e sornione su una realtà davanti a cui sapeva ancora  (con eleganza, senza lanciare crociate né anatemi) indignarsi.
Uno dei nostri, un artista vero, assorto con pudore nelle imprevedibili aritmie dell'espressione, alla ricerca del filo smarrito delle cose, tra un sentimento sospeso e un ricordo presente: lui,  cresciuto all'ombra del padre Attilio, vate del Novecento, e del fratello primogenito Bernardo, imperatore del cinema, eppure bravissimo sin da subito a smarcarsi senza traumi, a trovare, da solo, una sua cifra stilistica ed emotiva tenera e paradossale, ispirata e spiazzante. Giuseppe Bertolucci, morto troppo presto a Diso, in quel Salento dove aveva deciso di passare gli ultimi mesi, ci piace ricordarlo così: bimbo della Parma del dopoguerra, che gioca nella casa di Baccanelli mentre il padre detta al telefono (e a braccio) le sue recensioni cinematografiche alla Gazzetta. Lampi improvvisi e geometrie visionarie che seducono  il piccolo Giuseppe, già al fianco del fratello Bernardo - che ora si dice «incredulo e senza parole» - come aiuto regista ne «La strategia del ragno».
E' l'inizio di una carriera che toccherà molteplici settori, autenticando la personalità complessa di un regista con molte - come recita il titolo di quella che è la sua «autobiografia intellettuale» - «Cose da dire». A metà degli anni '70 collabora alla sceneggiatura del monumentale «Novecento» poi scrive un monologo teatrale, «Cioni Mario», per uno sconosciuto e anarchico comico toscano: un tipo imprevedibile che all'anagrafe si chiama Roberto Benigni. E' il successo, tanto che il personaggio di Cioni diventa protagonista anche dell'opera prima dell'autore parmigiano, «Berlinguer ti voglio bene», commedia anomala che battezza la vena anticonvenzionale di un regista in seguito capace di raccontare come pochi il lato femminile dell'esistenza (splendide e vere le sue figure di donne, che escono con timida ma determinata forza sia nei film drammatici che in quelli più lievi), passando dal grottesco «Oggetti smarriti», al più doloroso «Segreti segreti» (uno dei primi film sul terrorismo), dal curioso «Strana la vita» al tenero e ispiratissimo «Amori in corso», un film di vetro soffiato (vincitore del Festival di Salso) che è la prova più luminosa del regista parmigiano.
L'ultimo set cinematografico è del 2001 («L'amore probabilmente»), che è anche l'anno della sua «Traviata» con allestimento anni '50 al Regio, per il Verdi Festival. E' l'opera dalle «poltrone rosse», come qualcuno la ribattezza: abbassato il sipario sono applausi. La lirica, i documentari  (con l'attenta e minuziosa ricerca su Pasolini), gli spettacoli teatrali - da «A mio padre» con cui va in scena al Due celebrando il centenario della nascita del padre al sodalizio con Gifuni che lo porta anche al Teatro al Parco -, i lavori televisivi: instancabile, Giuseppe,  generoso, vitale. Sempre vicino alla sua Parma, che guardava senza alcun piedistallo da Bologna, dove negli ultimi anni ha ridato vigore alla Cineteca. Sempre pronto a «tornare a casa», dove, giustamente, non risparmiava critiche a quella sua città che - come ebbe a dire nel novembre dell'anno scorso intervenendo all'intitolazione del liceo Bertolucci a suo padre - «ha perso i tratti della sua identità: Parma è investita da quella che Pasolini chiamerebbe un'ondata di omologazione culturale e politica. Si è perso un certo senso della moralità». Quello che a Giuseppe, invece, non è mai venuto meno.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • paola

    17 Giugno @ 21.02

    Bellissime parole... Ho avuto il privilegio di conoscerlo tardi, lavorando con lui in una produzione Rai che l' ha mortificato e disconosciuto. Gli ho voluto bene. Ciao, Giu.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport