12°

23°

Spettacoli

Giuseppe Bertolucci, l'uomo che inventò Benigni

Giuseppe Bertolucci, l'uomo che inventò Benigni
Ricevi gratis le news
1

 Filiberto Molossi

Adesso, che lo diranno tutti, è sin troppo facile - e comodo - ricordarsene: e spiegare alla gente, che forse non lo sa, che se ne è andato l'uomo che ha inventato Roberto Benigni, il regista che per primo ha visto una luce in quello spettinato  comico toscano da teatrini off e ne ha fatto un fenomeno da culto. Sarebbe facile però e profondamente ingiusto non rammentarsi che quel signore alto e grande e gentile era per prima cosa un intellettuale a tutto tondo (uno degli ultimi, se preferite), capace di conservare uno sguardo ironico e sornione su una realtà davanti a cui sapeva ancora  (con eleganza, senza lanciare crociate né anatemi) indignarsi.
Uno dei nostri, un artista vero, assorto con pudore nelle imprevedibili aritmie dell'espressione, alla ricerca del filo smarrito delle cose, tra un sentimento sospeso e un ricordo presente: lui,  cresciuto all'ombra del padre Attilio, vate del Novecento, e del fratello primogenito Bernardo, imperatore del cinema, eppure bravissimo sin da subito a smarcarsi senza traumi, a trovare, da solo, una sua cifra stilistica ed emotiva tenera e paradossale, ispirata e spiazzante. Giuseppe Bertolucci, morto troppo presto a Diso, in quel Salento dove aveva deciso di passare gli ultimi mesi, ci piace ricordarlo così: bimbo della Parma del dopoguerra, che gioca nella casa di Baccanelli mentre il padre detta al telefono (e a braccio) le sue recensioni cinematografiche alla Gazzetta. Lampi improvvisi e geometrie visionarie che seducono  il piccolo Giuseppe, già al fianco del fratello Bernardo - che ora si dice «incredulo e senza parole» - come aiuto regista ne «La strategia del ragno».
E' l'inizio di una carriera che toccherà molteplici settori, autenticando la personalità complessa di un regista con molte - come recita il titolo di quella che è la sua «autobiografia intellettuale» - «Cose da dire». A metà degli anni '70 collabora alla sceneggiatura del monumentale «Novecento» poi scrive un monologo teatrale, «Cioni Mario», per uno sconosciuto e anarchico comico toscano: un tipo imprevedibile che all'anagrafe si chiama Roberto Benigni. E' il successo, tanto che il personaggio di Cioni diventa protagonista anche dell'opera prima dell'autore parmigiano, «Berlinguer ti voglio bene», commedia anomala che battezza la vena anticonvenzionale di un regista in seguito capace di raccontare come pochi il lato femminile dell'esistenza (splendide e vere le sue figure di donne, che escono con timida ma determinata forza sia nei film drammatici che in quelli più lievi), passando dal grottesco «Oggetti smarriti», al più doloroso «Segreti segreti» (uno dei primi film sul terrorismo), dal curioso «Strana la vita» al tenero e ispiratissimo «Amori in corso», un film di vetro soffiato (vincitore del Festival di Salso) che è la prova più luminosa del regista parmigiano.
L'ultimo set cinematografico è del 2001 («L'amore probabilmente»), che è anche l'anno della sua «Traviata» con allestimento anni '50 al Regio, per il Verdi Festival. E' l'opera dalle «poltrone rosse», come qualcuno la ribattezza: abbassato il sipario sono applausi. La lirica, i documentari  (con l'attenta e minuziosa ricerca su Pasolini), gli spettacoli teatrali - da «A mio padre» con cui va in scena al Due celebrando il centenario della nascita del padre al sodalizio con Gifuni che lo porta anche al Teatro al Parco -, i lavori televisivi: instancabile, Giuseppe,  generoso, vitale. Sempre vicino alla sua Parma, che guardava senza alcun piedistallo da Bologna, dove negli ultimi anni ha ridato vigore alla Cineteca. Sempre pronto a «tornare a casa», dove, giustamente, non risparmiava critiche a quella sua città che - come ebbe a dire nel novembre dell'anno scorso intervenendo all'intitolazione del liceo Bertolucci a suo padre - «ha perso i tratti della sua identità: Parma è investita da quella che Pasolini chiamerebbe un'ondata di omologazione culturale e politica. Si è perso un certo senso della moralità». Quello che a Giuseppe, invece, non è mai venuto meno.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • paola

    17 Giugno @ 21.02

    Bellissime parole... Ho avuto il privilegio di conoscerlo tardi, lavorando con lui in una produzione Rai che l' ha mortificato e disconosciuto. Gli ho voluto bene. Ciao, Giu.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel