Spettacoli

Sotto le stelle del jazz. Gino Paoli ritrova la sua vena poetica

Sotto le stelle del jazz. Gino Paoli ritrova la sua vena poetica
0

Claudia Cattani
Gino Paoli e Danilo Rea, saliti sul palco della Magnani Rocca per «divertirsi insieme» e accompagnare il pubblico tra ricordi ed emozioni in due ore di concerto per voce e piano, hanno raccontato, a loro modo, cos'è il jazz: «non uno stile o una performance, ma un’attitudine». Un modo di interpretare il mondo, una cadenza del tutto personale che si posa su temi, parole e note, qualsiasi sia la loro natura: per questo, per l’assoluta libertà che si sono concessi nella scelta del loro repertorio, hanno portato in scena uno spettacolo completo e cucito perfettamente addosso a due grandi personalità. A vederlo sul palco, seduto, riflessivo, incallito fumatore con la sigaretta in bocca anche in pieno concerto, si direbbe che il jazz di Gino Paoli sia un mood lento, un balsamo emolliente, un’unità di misura che consente il grande privilegio di perdersi nei silenzi e calibrare le parole. E che parole indimenticabili, quelle scritte in cinquant'anni di carriera, cantate con voce roca e la delicatezza di sempre, da «La gatta» a «Il cielo in una stanza». «Che cosa c'è» e «Ti lascio una canzone» a «Senza fine», che la leggenda dice essere stata scritta dopo il primo incontro con Ornella Vanoni. Nelle note di Danilo Rea, invece, il jazz si è fatto mobile e vibrante, a tratti sincopato, e il suo compito sembra essere quello di mettere il ritmo accanto alla poesia, per aggiungere uno spirito ribelle alle maniere pausate e placide del cantautore. Senza dubbio «due come loro» non si incontrano tutti i giorni, ma quando si uniscono possono permettersi di ripercorrere non solo la carriera di Paoli, ma tutta la grande musica italiana attraversata di sbieco: da un ricordo intenso di Fabrizio De André, con «Campo dei Fiori» interpretata con il solo piano di Rea e la «Canzone dell’amore perduto». Importante l’omaggio a Massimo Ranieri e alla musica napoletana resa con stile non convenzionale, con «Reginella», «O' sole mio», «Una furtiva lacrima», così come le incursioni nella musica internazionale, fino all’incontro con una «strana signora», la poesia, che può nascondersi nella nebbia di «Albergo a ore», splendido brano francese tradotto da Herbert Pagani e inciso da Paoli nel 1969. Proprio la poesia sembra essere l’ingrediente aggiunto che Paoli cerca da tutta la vita, e che si scioglie nell’incontro con la musica in un linguaggio emozionante capace di raggiungere il cuore del pubblico che ancora cerca la qualità, la professionalità e l’anima di grandi professionisti come loro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La mischia che salva l'ambulanza

Sport

Rugby: tutti in mischia per... l'ambulanza Video

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

NOSTRE INIZIATIVE

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

4commenti

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

tg parma

Università, aumentano gli iscritti: +12,7% Video

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

tribunale

Sparò all'amico in via Europa: condannato a 6 anni

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

27commenti

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

torino

Sale sulle scale mobili della metro. Ma col Suv Foto

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

CURIOSITA'

viaggi

Madrid coi bambini: 8 buone ragioni per partire Foto

tg parma

All'Annunziata 40 presepi in mostra da tutta Italia Video