17°

30°

Spettacoli

Film recensioni - Bella addormentata

Film recensioni - Bella addormentata
1

Filiberto Molossi

La vita al tempo di Eluana: il caso Englaro? Ora per tutti è diventato il caso Bellocchio: e il dibattito che infiammò un intero Paese - ipnotizzato dal sorriso di una ragazza che non sorrideva più da 17 anni - si è trasferito al cinema. Dove la verità chiede spazio, ma di certo non fa meno male.
E' un film sulla libertà (e sul libero arbitrio), sulla crisi di coscienza e sul declino morale (individuale e collettivo), sul senso stesso dell'etica, quello che il regista de «I pugni in tasca» ha girato con passione non riconciliata: ed è, soprattutto, un film - critico, sofferto e disilluso -, su un'Italia bella addormentata, sul nostro presente confuso e maldestro, su un'epoca senza lampi dominata dalla violenza anti illuminista di imporre agli altri il proprio pensiero, la propria idea, le proprie ragioni. 
Un fermo immagine impietoso (eppure non privo, paradossalmente, di pietas) scandito come una litania dal respiro artificiale di un'intera nazione: una pellicola pubblica e insieme privata, non priva di speranza, in cui il reale entra prepotentemente nella fiction e la morte di Eluana diventa il mezzo e la scossa per pretendere - tra l'ipocrisia della religione, il culto dell'immagine e lo smarrimento della politica («i parlamentari sono degli infelici e dei disperati: la tv li fa sentire importanti anche se non contano un cazzo») - la riscoperta di una seppure faticosa umanità.  
Importante, forte, sentito, anche se a volte l'eccessiva teatralità disturba e alcuni personaggi si rivelano sopra le righe, «Bella addormentata» - storia corale di alcuni uomini e donne di varie età che, in un modo o nell'altro, sono coinvolti in prima persona da ciò che sta accadendo a Eluana - fotografa la lacerante eutanasia di un Paese in coma da anni, con scarse possibilità di risvegliarsi: apparentemente incapace di salvare se stesso, di scuotersi dal suo torpore, dal suo stato vegetativo, là dove «la sofferenza non nobilita l'uomo, ma lo umilia» e il fanatismo, di ogni segno e credo, agita i dogmi furiosi di chi crede  di avere il monopolio del dolore.
Interpretato da una lunga lista di volti noti (tra cui Toni Servillo, Maya Sansa e uno splendido Roberto Herlitzka), il film è l'emblema di un cinema del dubbio che tiene conto di tutte le parti in causa, interrogando non solo la morale cattolica ma quella di ognuno: affidato al personaggio del parlamentare uno splendido monologo condannato al silenzio, Bellocchio racconta la crudele assurdità di una vita ad ogni costo: tra il lungo addio di chi è già morto e l'inatteso di risveglio di chi invece può ancora decidere di vivere.
Giudizio: 3/5
 
SCHEDA
REGIA:  MARCO BELLOCCHIO
SCENEGGIATURA:  MARCO BELLOCCHIO, VERONICA RAIMO, STEFANO RULLI
FOTOGRAFIA: DANIELE CIPRÌ 
INTERPRETI:   TONI SERVILLO, ISABELLE HUPPERT, ALBA ROHRWACHER, MICHELE RIONDINO, MAYA SANSA, ROBERTO HERLITZKA, PIERGIORGIO BELLOCCHIO, GIANMARCO TOGNAZZI.
GENERE:  DRAMMATICO
Italia/Francia 2012, colore, 1 h e 55’
DOVE: ASTRA, THE SPACE CINECITY
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sara

    10 Settembre @ 11.13

    Complimenti a Filiberto Molossi per l'esaustiva, competente e dettagliata recensione di questo film!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

2commenti

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

1commento

tg parma

I tifosi crociati moderatamente ottimisti per il passaggio del turno Video

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

4commenti

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

8commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

1commento

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Garlasco

Omicidio di Chiara Poggi, Stasi fa ricorso straordinario in Cassazione

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

4commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare