15°

Spettacoli

"Traiettorie 2012", avvio significativo nel segno di Mahler

"Traiettorie 2012", avvio significativo nel segno di Mahler
1

Non c'è che da rallegrarsi che, coi tempi che corrono, «Traiettorie» abbia trovato il coraggio e le forze per superare la tante difficoltà presenti lungo il percorso di ogni organizzazione musicale per proseguire con la determinazione che per oltre un ventennio ha contrassegnato la lunga sequenza di appuntamenti grazie ai quali si è potuto leggere il termometro della contemporaneità.
Un avvio deciso, ricco di significati quello dell’altra sera che vedeva sul palcoscenico dell’Auditorium i giovani componenti dell’Ensemble da camera dell’Accademia della Scala guidati da Marco Angius, tutti decisamente coinvolti nella proposta della Quarta Sinfonia di Mahler. Una curiosità per molti quella di ascoltare questa Sinfonia, forse la più “affabile” del musicista, in una versione cameristica, apparentemente contrastante con lo spessore oltremodo variegato e tormentato dell’orchestra mahleriana, benché proprio nella Quarta il musicista avesse mirato a ritrovare l’aurea misura dell’economia haydniana: pur sempre in una visione dilatata, difficilmente riducibile a pochi strumenti. E tuttavia da sempre nella pratica musicale ha operato il principio di fare “di necessità virtù”, con esiti che hanno trovato poi una sedimentazione consolidata, fino a divenire principi guida (anche se si sa come Mozart e Beethoven sognassero organici ben più ampi, resi improbabili solo da ragioni economiche). Da ciò la pratica della trascrizione, in tutte le salse, al fine di far ascoltare ad un pubblico, che poteva essere anche solo quello di una famiglia, opere che diversamente sarebbero rimaste sulla carta. Le stesse necessità che in tempi meno remoti inducevano i compositori a ricorrere al duttile surrogato di una o due tastiere, Debussy che affida ad esse la sognante strumentazione del «Prélude à l’après-midi d’un faune», Stravinski il suo «Sacre» e così via. Condizione indispensabile per farsi ascoltare, che fu la ragione per cui Schoenberg, nella Vienna un po' sorniona dei primi decenni del secolo, diede vita a quella «Associazione per le esecuzioni private» i cui programmi vivevano soprattutto di trascrizioni. Tra queste anche quella della Quarta di Mahler, commissionata da Schoenberg al suo allievo Erwin Stein. Una pratica che è divenuta storia e che oggi noi osserviamo con rinnovata curiosità, documento di un costume non poco stimolante, ma che pure non è esente dagli stessi condizionamenti pratici che ne erano alla base, come è avvenuto di recente a Berlino dove si è concepita l’idea di un «mini-Mahler», un modo insomma per avvicinarsi a questo autore al di là dei vincoli economici imposti dal grandioso strumentale mahleriano. Di questa iniziativa è stato attivo propugnatore il musicista tedesco Klaus Simon che ha realizzato una versione cameristica di ben tre Sinfonie di Mahler, la Prima, la Quarta e la Nona. Il riferimento alla versione Stein non poteva mancare anche se l’intendimento era diverso sulle scelte strumentali, rivolte ad una più coerente messa a fuoco di certi caratteri timbrici, come quelli del corno e del fagotto, così incidenti sulla fisionomia di questa Sinfonia. Fin troppo ovvio cogliere il taglio sghembo dell’operazione; come osservare la Sinfonia attraverso uno specchio deformante che nei diversi equilibri imposti dalla riduttività esalta certi tratti, in particolare il “grottesco” che affiora con un’evidenza decisa rispetto alla più decantata ambiguità mahleriana. L’interesse è un po' quello di smontare il giocattolo, guardare com'è fatto dentro, scoprire così linee sottopelle significative di quel tormento creativo che accompagnava il sempre insoddisfatto autore, ai nostri occhi, meglio alle nostre orecchie, presagio di modernità; la stessa stupefazione che proviamo osservando da vicino la pennellata grassa, irruente dell’ultimo Tiziano. Un gioco di cui Marco Angius possiede le chiavi che maneggia con l'acutezza con cui è solito esplorare le più intricate partiture contemporanee, sorretto sempre da una felice musicalità, ed è in tale prospettiva che è parso gestire con autorevolezza l’impegnatissimo gruppo dei giovani accademici scaligeri, ottenendone una risposta molto sicura, insieme a quella del soprano Susanne Braunsteffer che ha intonato con bella misura la conclusiva «vita celestiale». Tra gli applausi del pubblico, assai numeroso, ripagati dalla replica del movimento finale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mischa Maisky

    19 Settembre @ 12.46

    Davvero un gran concerto!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa