10°

20°

Spettacoli

"Traiettorie 2012", avvio significativo nel segno di Mahler

"Traiettorie 2012", avvio significativo nel segno di Mahler
Ricevi gratis le news
1

Non c'è che da rallegrarsi che, coi tempi che corrono, «Traiettorie» abbia trovato il coraggio e le forze per superare la tante difficoltà presenti lungo il percorso di ogni organizzazione musicale per proseguire con la determinazione che per oltre un ventennio ha contrassegnato la lunga sequenza di appuntamenti grazie ai quali si è potuto leggere il termometro della contemporaneità.
Un avvio deciso, ricco di significati quello dell’altra sera che vedeva sul palcoscenico dell’Auditorium i giovani componenti dell’Ensemble da camera dell’Accademia della Scala guidati da Marco Angius, tutti decisamente coinvolti nella proposta della Quarta Sinfonia di Mahler. Una curiosità per molti quella di ascoltare questa Sinfonia, forse la più “affabile” del musicista, in una versione cameristica, apparentemente contrastante con lo spessore oltremodo variegato e tormentato dell’orchestra mahleriana, benché proprio nella Quarta il musicista avesse mirato a ritrovare l’aurea misura dell’economia haydniana: pur sempre in una visione dilatata, difficilmente riducibile a pochi strumenti. E tuttavia da sempre nella pratica musicale ha operato il principio di fare “di necessità virtù”, con esiti che hanno trovato poi una sedimentazione consolidata, fino a divenire principi guida (anche se si sa come Mozart e Beethoven sognassero organici ben più ampi, resi improbabili solo da ragioni economiche). Da ciò la pratica della trascrizione, in tutte le salse, al fine di far ascoltare ad un pubblico, che poteva essere anche solo quello di una famiglia, opere che diversamente sarebbero rimaste sulla carta. Le stesse necessità che in tempi meno remoti inducevano i compositori a ricorrere al duttile surrogato di una o due tastiere, Debussy che affida ad esse la sognante strumentazione del «Prélude à l’après-midi d’un faune», Stravinski il suo «Sacre» e così via. Condizione indispensabile per farsi ascoltare, che fu la ragione per cui Schoenberg, nella Vienna un po' sorniona dei primi decenni del secolo, diede vita a quella «Associazione per le esecuzioni private» i cui programmi vivevano soprattutto di trascrizioni. Tra queste anche quella della Quarta di Mahler, commissionata da Schoenberg al suo allievo Erwin Stein. Una pratica che è divenuta storia e che oggi noi osserviamo con rinnovata curiosità, documento di un costume non poco stimolante, ma che pure non è esente dagli stessi condizionamenti pratici che ne erano alla base, come è avvenuto di recente a Berlino dove si è concepita l’idea di un «mini-Mahler», un modo insomma per avvicinarsi a questo autore al di là dei vincoli economici imposti dal grandioso strumentale mahleriano. Di questa iniziativa è stato attivo propugnatore il musicista tedesco Klaus Simon che ha realizzato una versione cameristica di ben tre Sinfonie di Mahler, la Prima, la Quarta e la Nona. Il riferimento alla versione Stein non poteva mancare anche se l’intendimento era diverso sulle scelte strumentali, rivolte ad una più coerente messa a fuoco di certi caratteri timbrici, come quelli del corno e del fagotto, così incidenti sulla fisionomia di questa Sinfonia. Fin troppo ovvio cogliere il taglio sghembo dell’operazione; come osservare la Sinfonia attraverso uno specchio deformante che nei diversi equilibri imposti dalla riduttività esalta certi tratti, in particolare il “grottesco” che affiora con un’evidenza decisa rispetto alla più decantata ambiguità mahleriana. L’interesse è un po' quello di smontare il giocattolo, guardare com'è fatto dentro, scoprire così linee sottopelle significative di quel tormento creativo che accompagnava il sempre insoddisfatto autore, ai nostri occhi, meglio alle nostre orecchie, presagio di modernità; la stessa stupefazione che proviamo osservando da vicino la pennellata grassa, irruente dell’ultimo Tiziano. Un gioco di cui Marco Angius possiede le chiavi che maneggia con l'acutezza con cui è solito esplorare le più intricate partiture contemporanee, sorretto sempre da una felice musicalità, ed è in tale prospettiva che è parso gestire con autorevolezza l’impegnatissimo gruppo dei giovani accademici scaligeri, ottenendone una risposta molto sicura, insieme a quella del soprano Susanne Braunsteffer che ha intonato con bella misura la conclusiva «vita celestiale». Tra gli applausi del pubblico, assai numeroso, ripagati dalla replica del movimento finale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mischa Maisky

    19 Settembre @ 12.46

    Davvero un gran concerto!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro