19°

30°

Spettacoli

In campo "La battaglia di Legnano"

In campo "La battaglia di Legnano"
0

 L'attesa per il «Rigoletto», che lunedì 1° ottobre inaugura al Regio il Festival Verdi 2012, non deve far passare il secondo piano la seconda opera verdiana in cartellone, «La battaglia di Legnano, che debutterà sabato 6 (repliche il 9, 13, 20 e 27 ottobre), nel nuovo allestimento firmato da Pier Luigi Pizzi e diretto dal maestro Boris Brott, chiamato a sostituire, come ricordato nei giorni scorsi, il direttore Andrea Battistoni che ha annunciato il suo forfait per indisposizione.

In scena, con le luci di Vincenzo Raponi e i movimenti scenici di Roberto Maria Pizzuto, si cimenteranno William Corrò, Emanuele Cordaro, Gezim Myshketa, Aurelia Florian, Alejandro Roy, Valeriu Caradja, Erika Beretti, Cosimo Vassallo,  giovani talenti chiamati a interpretare l’opera verdiana che viene rappresentata per la quarta volta nella storia del Teatro Regio (l'ultima nel febbraio 1999).  A interpretare la partitura saranno la Filarmonica  Toscanini e il Coro del Teatro Regio di Parma. Maestro del coro Martino Faggiani.
«Ritorno con molto interesse - scrive il regista Pizzi - a questa intensa opera verdiana dopo averla messa in scena a Roma, al Teatro dell’Opera per l’inaugurazione della Stagione 1983-84. Tanti anni sono passati da allora, ma non ho cambiato opinione su quest’opera che Verdi ha composto su libretto di Salvatore Cammarano in pieno clima risorgimentale nel 1849, privilegiando l’aspetto patriottico a scapito di una continuità drammaturgica per quanto riguarda la narrazione della vicenda privata dei tre protagonisti, che peraltro mi è parso lo spunto più stimolante e originale per un progetto registico. È proprio a questo dramma intimo che cerco di dare il maggior risalto in questa nuova proposta per il Regio di Parma. Mi piace tenere conto della raccomandazione che Verdi fece al suo librettista: “brevità e fuoco”. Cerco di trasmettere questo concetto alle immagini e al lavoro con gli interpreti. Le immagini sono scarne, essenziali nella ricerca del clima disperato di una città assediata, minacciata. Ai cantanti chiedo quel fuoco che Verdi pretende attraverso la passione che la sua musica ispira». 
Composta in breve tempo da un giovane Verdi, «La battaglia di Legnano» contribuì a farne un simbolo vivente della lotta per la liberazione e per l’unificazione nazionale. La prima al Teatro Argentina di Roma il 27 gennaio 1849, alla vigilia della proclamazione della Repubblica Romana, fu accolta da manifestazioni di entusiasmo irrefrenabile (l’ultimo atto fu bissato interamente), grazie alle forti tinte patriottiche della trama che intreccia al classico triangolo passionale la vicenda storica dei Comuni dell’Italia settentrionale, uniti nella Lega Lombarda, in lotta contro Federico Barbarossa. All’infuocato successo del debutto, ristabilitasi nel Lombardo-Veneto la dominazione austriaca e ripiombata con essa la scure della censura, seguirono per l’opera anni difficili, tanto da far pensare a Verdi, che all’opera teneva, di trovarle “un soggetto affatto nuovo, e ugualmente interessante e dello stesso carattere”, cosapevole che “conservare tutto l’entusiasmo di patria, libertà, senza mai parlare di patria e libertà, è cosa ben ardua”, tanto che il progetto non fu mai realizzato. Vero cuore del dramma tuttavia non è tanto la vicenda politica, quanto il conflitto tra onore e sentimento che si consuma nel triangolo passionale dei protagonisti. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Incidente

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: ferita una donna

tg parma

Sicurezza e scuole fra le priorità di Pizzarotti: video-intervista

Nascerà un partito dei sindaci? Pizzarotti è concentrato su Parma ma da Napoli arrivano gli elogi di de Magistris

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

20commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

2commenti

Medesano

Picchia e violenta la ex moglie: 30enne in carcere

1commento

polizia

Blitz dei ladri nella notte al Palacampus

parma

Furto da "Amor di Patata", all'ombra del duomo: è sparita la cassa

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

1commento

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

2commenti

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

scuola

Maturità: oggi la terza e ultima prova scritta

industriali

Upi, oggi l'assemblea al Regio con il ministro Delrio. Diretta Tv Parma (16:45)

Poggio di Sant'Ilario

Dà fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

elezioni 2017

Il trionfo-ritorno del centrodestra: 16 capoluoghi, presa Genova. Crollo del Pd

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

SOCIETA'

colombia

La nave barcolla poi affonda: 6 morti

LA PEPPA

Budino di due colori

SPORT

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande