21°

31°

Spettacoli

Piero Pretti: "Rigoletto? È l'opera perfetta"

Piero Pretti: "Rigoletto? È l'opera perfetta"
Ricevi gratis le news
0

Elena Formica
Il Duca di Leo Nucci (non è una svista) è «giovin, giocondo»: come da manuale. L’ha voluto lui, il baritonissimo, per il Rigoletto del primo ottobre al Teatro Regio di Parma. Una garanzia, non ci piove. Mica l’ha scelto un assessore! Questo per dire che – siccome è cosa fatta la nomina di Carlo Fontana ad amministratore esecutivo del Teatro Regio di Parma - il cartellone e i cast del Bicentenario Verdiano torneranno ad essere decisi, per la dignità, l’efficienza e il futuro del teatro, da soggetti istituzionalmente preposti. Era ora. Ma torniamo al Duca, c’intriga di più. Per 5 recite il ruolo sarà interpretato da Piero Pretti, un ragazzo agile e svelto, faccia italiana, vivaddio con un approccio non «melodrammatico» a se stesso, alle interviste. Si può parlare di tutto con lui. Anche dei gravi problemi della Sardegna, la terra dove è nato. «Sì – conferma l’artista -, è stato Leo Nucci a chiamarmi per questa produzione di Rigoletto e io mi sono subito attivato per poter dare la mia disponibilità. Avrei fatto carte false per esserci, per interpretare il personaggio del Duca a fianco di Nucci, il grande Rigoletto che mi ha affascinato fin da bambino». Per chi ama l’opera e viaggia per teatri, Piero Pretti è un nome noto. Si tratta di uno dei tenori più interessanti emersi negli ultimi anni. Il «suo»  Duca ha fatto faville al Regio di Torino; di recente s’è fatto apprezzare anche in Luisa Miller alla Scala (in alternanza con Álvarez che, nel primo cast, affiancava l’acclamato Leo Nucci). Pretti è stato Manrico nel Trovatore a Ravenna con regia di Cristina Mazzavillani, previo «nihil obstat» di Riccardo Muti che, per tale ruolo, lo aveva promosso a pieni voti durante un’audizione a Salisburgo. Ha interpretato il Poliuto di Donizetti a Sassari e non si è fatto spaventare dai Vespri Siciliani (sia nella versione italiana che francese) al Regio di Torino e al San Carlo di Napoli. Nella capitale sabauda ha debuttato felicemente come Edgardo in Lucia di Lammermoor e tra breve, a Palermo, esordirà nei Due Foscari con il mitico Leo Nucci. Il 2013 si prospetta verdiano: Nabucco, La Traviata e Un ballo in maschera alla Scala. «Non posso definirmi un tenore verdiano – dice Pretti –, anche se è notevole la presenza di alcune opere di Verdi nella mia carriera. Mi sembra una definizione rischiosa, fraintendibile. All’inizio studiavo e cantavo tutt’altro repertorio, affrontavo ruoli da “lirico leggero” come nel Barbiere di Siviglia. Poi la voce è cambiata e mi sono affidato al maestro Mastino, debuttando nella Bohème di Puccini e proseguendo su questa strada. Io sono stato artista del Coro del Teatro Lirico di Cagliari, un’esperienza importante. In tutta sincerità devo dire che, nell’intraprendere la carriera da solista, non aspiravo alla Scala, ai grandi teatri; non m’importava arrivare là con qualsiasi ruolo, magari con parti che a me non dicevano nulla. Il mio obiettivo iniziale era un altro: affrontare ruoli interessanti e portarli davanti a un pubblico - benissimo anche se in teatri di provincia – perché fondamentalmente io desideravo misurarmi con parti a me congeniali, stimolanti, e proporle all’ascolto. Così, quando più tardi ho debuttato alla Scala, non dico di non aver provato emozione (questo è impossibile), ma mi sono accorto di essere, tutto sommato, sereno. Mi sono quasi stupito di me stesso». E Rigoletto? « E’ l’opera perfetta – risponde il tenore -. Non ti stanchi mai di ascoltarla, di cantarla. Rigoletto è specchio della società. I caratteri, le dinamiche umane, i meccanismi del privilegio, del cinismo, ma anche quelli dell’amore e del sacrificio, sono gli stessi che muovono la realtà di oggi e di ieri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti