Spettacoli

La "Norvegia felix" di Bonati: "Politiche culturali vincenti"

La "Norvegia felix" di Bonati: "Politiche culturali vincenti"
1

 Alessandro Rigolli

Il rapporto con la Norvegia di Roberto Bonati - compositore, contrabbassista, direttore d’orchestra e docente di Jazz al Conservatorio «Boito», nonché fondatore e direttore artistico del festival Parma Jazz Frontiere -  nasce da una lunga frequentazione che gli ha permesso di instaurare un solido e proficuo confronto con una delle «terre musicali» più vivaci della scena contemporanea. Tra i diversi scambi precedenti ricordiamo, ad esempio, la presenza di Bonati a Bergen nella primavera 2010, unico rappresentante italiano invitato nell’ambito di Jazz Norway in a Nutshell, organizzato da West Norway Jazz Centre e Natt Jazz - quest’ultimo, nato nel 1973, uno dei festival e meeting point più importanti in Europa - in collaborazione con il Norwegian Jazz Forum e il Ministero degli  Esteri norvegese.
 A distanza di poco più di due anni, l’invito stavolta è arrivato dalla Norwegian Academy of Music dove è attivo Misha Alperin, che ha chiamato l'amico Bonati a tenere un workshop, tra il 21 e il 27 ottobre scorsi, dedicato alla sua suite «Fiori di Neve» composta per il ParmaJazz Frontiere nel 2007 e ispirata dalla tradizione giapponese degli Haiku. Un’occasione per  tracciare un bilancio di questa esperienza e non solo.
 Questo viaggio ad Oslo l'ha visto impegnato sia come compositore sia come docente: cosa ha riportato a casa da questa esperienza artistica e umana?
«E’ stata un'esperienza molto intensa e credo si siano poste buone basi per future collaborazioni tra le scuole. Il livello degli studenti è molto alto ma ciò che mi ha più colpito è stata la qualità del lavoro affrontato sempre con estrema concentrazione e serietà. I miei 'Fiori di Neve' non sono una partitura semplice, abbiamo avuto una settimana di lavoro per preparare il concerto e il risultato finale è stato molto positivo. In generale c’è da parte di studenti e musicisti un’attenzione verso i nuovi repertori, verso un linguaggio attuale della musica che è molto trasversale. Non c'è asservimento nei confronti della tradizione e degli stili ma si cerca nelle tradizioni ciò che serve alla ricerca dei nuovi linguaggi, un’idea che perseguo e cerco di diffondere da molti anni. Dal punto di vista umano, sempre difficile da separare da quello artistico, si è creato un clima di grande collaborazione e, come sempre succede, partendo dal lavoro si sono affrontati molti argomenti che ne costituiscono anche l’essenza più intima. A proposito del senso di responsabilità degli studenti, voglio sottolineare il fatto che nell'Accademia di Oslo non c’è personale ausiliario, ci sono addetti alle pulizie e alla portineria ma gli studenti sono responsabili del trasporto degli strumenti, della pubblicità dei concerti, dell’allestimento dei palchi. Un bel senso di civiltà».
Sappiamo quanto paesi come la Norvegia - e il Nord Europa in generale – rappresentino una sorta di «Eden» culturale: come legge questa settimana il direttore artistico di un Festival jazz sicuramente longevo (dal 1 al 16 dicembre si terrà la XVII edizione), ma che affronta la difficile contingenza italiana, e parmigiana in particolare?
«La Norvegia ha una disponibilità finanziaria molto diversa dalla nostra ma soprattutto ci sono a monte scelte di politica culturale molto orientate alla creazione di nuovi linguaggi e alla contemporaneità. C’è una grande proliferazione di proposte, un orientamento di grande apertura verso i nuovi repertori e le nuove tecnologie. Io credo che con il nostro festival abbiamo finora indicato alcuni percorsi che reputo importanti e al di fuori dell’omologazione imperante. Le difficoltà sono molte. In primo luogo credo si debba ripensare il rapporto tra l’attività artistica e le politiche culturali per andare verso un sistema di collaborazione che preveda da parte dei responsabili istituzionali una presa di coscienza e una consapevolezza sulla qualità del lavoro. Inoltre negli ultimi anni il festival ha subito tagli finanziari molto pesanti e questo è un anno particolarmente crudele per le scellerate gestioni politiche precedenti che hanno causato un'ulteriore diminuzione dei contributi. Spero che si potrà rilanciare un discorso più ampio sul sistema culturale Parma». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giuseppe

    13 Novembre @ 14.31

    Eh magari! Ma qui siamo fermi al non considerare persino un vecchietto come Sakamoto come "iniziativa culturale". E si tagliano quindi le gambe sul nascere a progetti di grande rilievo contemporaneo imponendo costi spropositati. La "cultura" musicale a Parma sarà ancora per un po' solo i riciclati Nucci e compagnia, ad un passo dal baratro quindi si spera di risollevarci tra una ventina d'anni!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia