19°

34°

Spettacoli

La "Norvegia felix" di Bonati: "Politiche culturali vincenti"

La "Norvegia felix" di Bonati: "Politiche culturali vincenti"
Ricevi gratis le news
1

 Alessandro Rigolli

Il rapporto con la Norvegia di Roberto Bonati - compositore, contrabbassista, direttore d’orchestra e docente di Jazz al Conservatorio «Boito», nonché fondatore e direttore artistico del festival Parma Jazz Frontiere -  nasce da una lunga frequentazione che gli ha permesso di instaurare un solido e proficuo confronto con una delle «terre musicali» più vivaci della scena contemporanea. Tra i diversi scambi precedenti ricordiamo, ad esempio, la presenza di Bonati a Bergen nella primavera 2010, unico rappresentante italiano invitato nell’ambito di Jazz Norway in a Nutshell, organizzato da West Norway Jazz Centre e Natt Jazz - quest’ultimo, nato nel 1973, uno dei festival e meeting point più importanti in Europa - in collaborazione con il Norwegian Jazz Forum e il Ministero degli  Esteri norvegese.
 A distanza di poco più di due anni, l’invito stavolta è arrivato dalla Norwegian Academy of Music dove è attivo Misha Alperin, che ha chiamato l'amico Bonati a tenere un workshop, tra il 21 e il 27 ottobre scorsi, dedicato alla sua suite «Fiori di Neve» composta per il ParmaJazz Frontiere nel 2007 e ispirata dalla tradizione giapponese degli Haiku. Un’occasione per  tracciare un bilancio di questa esperienza e non solo.
 Questo viaggio ad Oslo l'ha visto impegnato sia come compositore sia come docente: cosa ha riportato a casa da questa esperienza artistica e umana?
«E’ stata un'esperienza molto intensa e credo si siano poste buone basi per future collaborazioni tra le scuole. Il livello degli studenti è molto alto ma ciò che mi ha più colpito è stata la qualità del lavoro affrontato sempre con estrema concentrazione e serietà. I miei 'Fiori di Neve' non sono una partitura semplice, abbiamo avuto una settimana di lavoro per preparare il concerto e il risultato finale è stato molto positivo. In generale c’è da parte di studenti e musicisti un’attenzione verso i nuovi repertori, verso un linguaggio attuale della musica che è molto trasversale. Non c'è asservimento nei confronti della tradizione e degli stili ma si cerca nelle tradizioni ciò che serve alla ricerca dei nuovi linguaggi, un’idea che perseguo e cerco di diffondere da molti anni. Dal punto di vista umano, sempre difficile da separare da quello artistico, si è creato un clima di grande collaborazione e, come sempre succede, partendo dal lavoro si sono affrontati molti argomenti che ne costituiscono anche l’essenza più intima. A proposito del senso di responsabilità degli studenti, voglio sottolineare il fatto che nell'Accademia di Oslo non c’è personale ausiliario, ci sono addetti alle pulizie e alla portineria ma gli studenti sono responsabili del trasporto degli strumenti, della pubblicità dei concerti, dell’allestimento dei palchi. Un bel senso di civiltà».
Sappiamo quanto paesi come la Norvegia - e il Nord Europa in generale – rappresentino una sorta di «Eden» culturale: come legge questa settimana il direttore artistico di un Festival jazz sicuramente longevo (dal 1 al 16 dicembre si terrà la XVII edizione), ma che affronta la difficile contingenza italiana, e parmigiana in particolare?
«La Norvegia ha una disponibilità finanziaria molto diversa dalla nostra ma soprattutto ci sono a monte scelte di politica culturale molto orientate alla creazione di nuovi linguaggi e alla contemporaneità. C’è una grande proliferazione di proposte, un orientamento di grande apertura verso i nuovi repertori e le nuove tecnologie. Io credo che con il nostro festival abbiamo finora indicato alcuni percorsi che reputo importanti e al di fuori dell’omologazione imperante. Le difficoltà sono molte. In primo luogo credo si debba ripensare il rapporto tra l’attività artistica e le politiche culturali per andare verso un sistema di collaborazione che preveda da parte dei responsabili istituzionali una presa di coscienza e una consapevolezza sulla qualità del lavoro. Inoltre negli ultimi anni il festival ha subito tagli finanziari molto pesanti e questo è un anno particolarmente crudele per le scellerate gestioni politiche precedenti che hanno causato un'ulteriore diminuzione dei contributi. Spero che si potrà rilanciare un discorso più ampio sul sistema culturale Parma». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giuseppe

    13 Novembre @ 14.31

    Eh magari! Ma qui siamo fermi al non considerare persino un vecchietto come Sakamoto come "iniziativa culturale". E si tagliano quindi le gambe sul nascere a progetti di grande rilievo contemporaneo imponendo costi spropositati. La "cultura" musicale a Parma sarà ancora per un po' solo i riciclati Nucci e compagnia, ad un passo dal baratro quindi si spera di risollevarci tra una ventina d'anni!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

BUSSETO

Auto fuori strada a Roncole: paura per una bimba di 4 mesi

La piccola non è grave

CALCIO

Parma, domani amichevole con l'Empoli: Gagliolo, Dezi e Insigne osservati speciali Video

Il TgParma fa il punto sulla preparazione della squadra

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

NOCETO

Incendio vicino ai binari: vigili del fuoco al lavoro fino alle 5 di questa mattina

Disagi sulla ferrovia Fidenza-Fornovo. Le foto dei nostri lettori

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

PARMA

L'«altro» Ferragosto all'insegna della solidarietà

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

3commenti

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

Lutto

Addio a Giovanni Mori, il medico filosofo

1commento

Appello

«Parma aiuti la Sierra Leone»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Bassa reggiana

Violenta brutalmente un minorenne: arrestato 21enne richiedente asilo

2commenti

MIGRANTI

L'Austria invia i militari al Brennero, ira dell'Italia

3commenti

SPORT

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

YOUTUBE

Totti passa la palla a un tifoso... da una barca all'altra

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

1commento

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti