15°

28°

Spettacoli

SempreVerdi - Otello a Venezia

SempreVerdi - Otello a Venezia
Ricevi gratis le news
0

Elena Formica

Da ascoltare, da vedere, da ricordare l’Otello di Verdi alla Fenice di Venezia. Sul podio Myung-Whun Chung, regia di Francesco Micheli.
Tremenda ma vinta la tempesta - “Esultate!” - all’inizio del primo atto. Una nave in miniatura passa di mano in mano, fragile e assurda come l’umana sorte, mentre la musica scolpisce potente l’uragano. L’alfa e l’omega: alla fine, dopo aver strangolato Desdemona con la catena del rosario, Otello s’ammazza. Il ricordo di un ultimo bacio e lei – muta – ritorna da crudele morte per raggiungere, abbracciata a lui, l’eternità. La tempesta, leopardianamente, si placa. Ed ecco venirci in mente l’Infinito: “Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare”. E’ liquida la catarsi. Specie quella di Otello che andava per mare. Essa appartiene alla morte, non è un lieto fine. Ma la doppia morte scioglie, dissolve, risolve: come nella regia di Francesco Micheli, astronomia di dolore e psiche, dannatamente liberatoria, quasi serena. La volta celeste, con il suo bestiario di costellazioni care ai naviganti, tutto vede e prevede. Cassandre d’una tragedia annunciata, le stelle appaiono in questo Otello notturno come veggenti e testimoni d’una rotta senza scampo. Non a caso, proprio all’inizio dell’opera, viene proiettata una frase di Jago tratta dal primo atto dell’originale shakespeariano. Comincia così: “Io odio Otello”.  Noi, frattanto, si pensa all’Amleto: “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”. Le stelle, anche per questo, stanno a guardare. 
Al centro della scena ruota un cubo d’oro. Scrigno traforato di ossessivi decori,  prigione con tappeti d’oriente per il sogno d’amore del Moro e Desdemona, così diversi, così soli. Magnete nefasto d’ogni impossibile gioia, d’ogni possibile inganno. Geometria del potere, della preghiera, della vendetta. Un dado nelle mani del destino. E il dado è tratto: Otello crede alla menzogna di Jago, crede che Desdemona lo abbia tradito e la uccide. Lei era innocente, “nata sotto maligna stella”.
Scorre come il sangue nelle vene la direzione di Chung, che istiga e ammansisce il dramma con appassionata precisione. Una lettura, la sua, epica e poetica senza falsi pudori, decisa e suadente, favolosa e operosa nel pensiero, nell’azione. Ottimi l’Orchestra e il Coro della Fenice, quest’ultimo forgiato da Claudio Marino Moretti. Belli i costumi ottocenteschi di Silvia Aymonino, di grande effetto le scene di Edoardo Sanchi.
Magnifico l’Otello di Gregory Kunde. Nient’altro da aggiungere a un aggettivo così, l’Artista è totale. Vocalità di assoluto pregio quella di Leah Crocetto (Desdemona), che se da un lato deve impadronirsi di uno stile o della “parola scenica”,  dall’altro persuade sia per l’importanza del mezzo che per la coerenza morale, quindi anche interpretativa, con cui  ha affrontato un così arduo debutto. Funzionale ma spiccatamente esteriore,  perché modellato su uno standard sovraccarico di retoriche , il personaggio di Jago disegnato da Lucio Gallo. Bene Francesco Marsiglia (Cassio) ed Elisabetta Martorana (Emilia). Valido il resto del cast.

(Foto Crosera)

SempreVerdi - Recensioni dall'Italia e dal mondo
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

15commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti