-2°

Spettacoli

"Simon Boccanegra", trionfo per Muti, debuttante di lusso

"Simon Boccanegra", trionfo per Muti, debuttante di lusso
0

Flaminia Bussotti

Un vero trionfo martedì per l’”esordiente” Riccardo Muti alla prima  all’Opera di Roma di Simon Boccanegra, il capolavoro del Verdi maturo con cui il maestro non si era mai misurato finora: un “debutto” strepitoso per Muti, una inaugurazione folgorante per il Teatro, che apre così alla grande le celebrazioni in Italia per l’anno verdiano 2013. Parterre delle grandi prime, con i vertici istituzionali al completo: il Presidente Giorgio Napolitano, il Premier Mario Monti, cinque ministri, il Sindaco Gianni Alemanno. E tanti vip.
Opera fosca al maschile, dall’intreccio complicato (per questo Muti ha voluto, per la prima volta per un’opera in italiano, un display col testo in alto) e atmosfere gotiche. Vicenda cupa e musica, per contrasto, soave, rarefatta. Privato e pubblico si incrociano. Una invocazione al mare, un inno alla pace e all’amore: il Simon Boccanegra l'altra sera ha consegnato una sintesi perfetta dei tanti piani che si intersecano in quest’ opera scritta e riscritta da Verdi due volte (1857 e 1881). Per questa prima, che segna anche l’apertura della stagione al Costanzi, un cast d’eccezione con grandi nomi e Premi Oscar: regia dell’inglese Adrian Noble, per anni direttore della Royal Shakespeare Company, scene di Dante Ferretti (tre Oscar), arredamento della moglie Francesca Lo Schiavo (un Oscar col marito), costumi di Maurizio Millenotti (due nomination), luci di Alan Burrett. Top anche i cantanti: il baritono George Petean (Simon Boccanegra), il soprano Maria Agresta (la figlia Maria), il basso Dmitri Beloselskiy (Jacopo Fiesco), il tenore Francesco Meli (Gabriele Adorno), il basso Quinn Kelsey (Paolo Albiani). Fra le tante opere di Verdi dirette, questa, Muti, per una forma di timoroso rispetto, ancora non l’aveva diretta. Un “esordio” dunque a lungo maturato, e debitamente premiato dal pubblico. Diluvio di applausi alla fine per maestro, cast, regia, coro (direttore Roberto Gabbiani) e l’Orchestra del Teatro dell’ Opera. Un formidabile viatico mutiano per l’anno verdiano.
Sobrio e classico l’impianto della regia. D’epoca (siamo nel XIV secolo) e fedeli le scene (cinque quadri) dove dominano i colori del romanico genovese (marmo bianco e verde scuro) con archi, colonne, e una scalinata sovrastata da un leone davanti al Palazzo ducale. Sullo sfondo, una lingua di mare cangiante ricorda che siamo a Genova. La prima scena incornicia i protagonisti in un ampio arco affiancato da colonne. Nella seconda è il mare lontano a dominare: davanti un filare di alberi da giardino italiano, due torri rotonde di lato e delle catene, sospese, che fendono la scena dall’alto. Nella terza siamo alla corte del Doge di Genova (Simone) con la grande statua del leone. La quarta è la camera del Doge: un enorme portale, una dormeuse e una parete tappezzata di quadri di maestri del colore. Nel quinto e ultimo quadro, quello della morte di Simone, ritroviamo il leone al centro con ai lati le colonne e un fondale blu notte marino, cupo crepuscolare. Esecuzione mirabile dell’orchestra presa per mano da Muti. Momenti di vera magia in tutta l’opera. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto via Doberdò

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

3commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

12commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

9commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria