10°

Spettacoli

Mina: "Stavolta mi sono proprio abbandonata"

Mina: "Stavolta mi sono proprio abbandonata"
Ricevi gratis le news
0

Elisabetta Malvagna

«Questa volta mi sono proprio abbandonata completamente. Senza pensare al prima o al dopo. Mi sono messa in sala e ho liberato la mente, l’anima, il cuore e la passione ignorando l’armatura stretta che ti obbliga a dover usare i tuoi strumenti naturali in modo commerciale»: così Mina, in una delle sue rarissime dichiarazioni, spiega '12
(american song book)', in uscita domani. La Signora della canzone italiana, rivela Massimiliano Pani all’ANSA, ha impiegato solo tre giorni per realizzarlo («ma non è un vezzo», sottolinea). Mina ha cantato in studio, dal vivo, 12
brani reinterpretati alla sua maniera, spaziando fra gli anni Trenta e gli anni Settanta, da Presley a Porter, da Kurt Weill a James Taylor, accompagnata dal trio jazz composto da Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino.
«Non avevo dischi italiani – spiega la signora Mazzini -. Se si esclude Non illuderti di Marino Barreto, che poi era cubano. Solo Americani. E fino alla rivoluzione Elvis, che ha 'sparecchiatò, esclusivamente Frank Sinatra, Ella Fitzgerald, Sarah Vaughn, Nat King Cole e anche i minori di quel periodo. Niente di francese. Niente di inglese. Niente di niente. Un pochino di flamenco che gli amici non sopportavano e che mi ha preso da subito e ancora adesso non so attraverso quale strada. Forse per ricordarmi che sono mediterranea, tutto sommato». Per Mina, «la memoria è un motore potente» e per quanto riguarda la musica è «lunga, corretta, affidabile, onesta». Racconta che quei pezzi le sono «rimasti nel sangue, perfettamente intatti. Non sono mai impalliditi, non mi hanno mai lasciato. E non ho mai cambiato opinione sul loro everlasting incanto. E non sono per niente evocativi. È strano – osserva – , ma non li collego ad alcuna sensazione bella o brutta che sia. Me li godo e basta. Ogni tanto, ogni mai, mi permetto di avvicinarli».
Con l’aiuto («squisito, più che prezioso») dei suoi «adorati» Rea, Moriconi, Golino e Gianni Ferrio («senza discussione tra i migliori al mondo», ci tiene a precisare), Mina si è lasciata «sommergere dalla bellezza» di pezzi come September Song di Kurt Weill, I've Got You Under My Skin di Cole Porter, Love Me Tender di Presley, Over The Rainbow e Just A Gigolo. Cantando questi classici «con circospezione, con cautela. Non dimenticando che sono stati nella gola dei più grandi maestri del passato dai quali ho imparato tutto». E aggiunge: «Detesto quelli che, intervistati alla fine di un lavoro dicono 'Ah, come mi sono divertitò. Questa volta anch’io devo dirlo. Mi sono proprio divertita. Eh, sì».
«E' un disco che ti mette in pace col mondo, e un esempio di cosa vuol dire cantare», dice Pani, figlio della cantante e produttore. «E' un disco di progetto, si è divertita molto a farlo. Se lo facesse per denaro farebbe la televisione, ma Mina lo fa per amore della musica e del suo pubblico. Cerca sempre un’idea nuova da proporre». Pani (convinto che «la musica in tv la usino, non la amino» e che i talent «siano finalizzati alla drammaturgia televisiva») sottolinea la scelta della madre di usare «un filo di voce. Se hai tanta voce non devi usarla tutta, ma saperla usare. È una scelta artistica. I grandi cantanti devono dare l’emozione. Ora sembrano tutte cose da circo, senza nessun colore».
'12 (american song book)' darà il via ad altri progetti di questo tipo: «Mina ha sempre amato mischiare pezzi inediti con una bossa nova, o uno standard o un brano napoletano. Con la crisi discografica riceviamo pezzi di tanti autori, c'è molto materiale interessante», dice Pani. L’intenzione ora è «alternare dischi di inediti e songbook, cofanetti dedicati a un genere musicale o a un musicista. Ci sarà insomma anche una Mina che ti spiega un repertorio e che te lo porge, più interprete e meno talent scout». Il prossimo progetto? «Ne potresti avere 10 di questi dischi. Ci sono tanti grandi, da Cole Porter a Gerswhin a Bernstein: ce n'è di roba...».
Una curiosità: 12 è anche il numero delle diverse copertine di Mauro Balletti e Gianni Ronco con le quali sarà disponibile la prima tiratura del cd. Copertine d’autore con Mina in varie pose e versioni ispirate alla discografia jazz dagli anni Trenta.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareporter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

orrore a BANGKOK

Italiano ucciso e bruciato in Thailandia, caccia alla ex e all'amante

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video