16°

Spettacoli

Scala: successo per un Lohengrin fuori dalla tradizione

Scala: successo per un Lohengrin fuori dalla tradizione
4

Le polemiche Verdi/Wagner sono veramente cose d’altri tempi: Wagner piace ai milanesi, almeno al pubblico che questa sera ha riempito il Teatro alla Scala per l' inaugurazione della stagione. Lo dimostra l’intensità e il calore dei 15 minuti di applausi che hanno accolto 'Lohengrin' al chiudersi del sipario, dopo quasi cinque ore di spettacolo.  La parte del leone l’ha fatta la musica di questa 'opera romanticà, la più 'italiana' fra quelle del compositore tedesco. Grandi applausi infatti a Daniel Barenboim e all’ orchestra scaligera ma anche tanti consensi al formidabile coro della Scala diretto da Bruno Casoni, protagonista al pari dei personaggi in scena, che ha entusiasmato l’intera sala del Piermarini al termine dello spettacolo quando, schierato al completo ha intonato l’Inno di Mameli, che è stato cantato da tutti gli spettatori in piedi.  Consensi anche per il regista Claus Guth e l’autore delle scene Christian Schmidt che hanno proposto un Lohengrin fuori dagli schemi della tradizione, ambientando una vicenda della prima metà del decimo secolo in luoghi, architetture e costumi dei tempi di Wagner, a metà dell’Ottocento.  Applausi fragorosi e fiori lanciati dal loggione invece agli interpreti delle due coppie contrapposte che hanno stregato il pubblico dalla prima all’ultima scena: l’una spirituale e pura con Annette Dasch (subentrata all’ultimo momento alle influenzate Anja Harteros e Ann Petersen nel ruolo di Elsa) e Jonas Kaufmann (Lohengrin); l’altra demoniaca e perversa con Evelyn Herlitzius (Ortrud) e Tomas Tomasson (Telramund). Applausi anche a Renè Pape e a Zeljko Lucic.  Uno spettacolo nel complesso molto apprezzato in una serata all’altezza delle attese del 7 dicembre, a cui hanno partecipato personalità quali il Presidente del Consiglio Mario Monti accompagnato dalla consorte che porta lo stesso nome della protagonista wagneriana; i ministri Corrado Passera, Piero Giarda, Giulio Terzi, la ministra francese della cultura Aurelie Filippetti, la presidente dell’Unione Africana Nikosazana Dlamini-Zuma, la sovrana del Qatar e proprietaria della 'Maison Valentinò Sheikha Mozar, oltre ai più noti nomi milanesi da Umberto Veronesi a Cesare Romiti, da Carla Fracci all’architetto Vittorio Gregotti al sindaco Pisapia, sul palco insieme a Monti.  Quello che ha stupito e coinvolto il pubblico è la lettura che il regista Claus Guth ha dato di questo Lohengrin, un personaggio assai lontano dall’eroe tutto d’un pezzo della tradizione, che in questa versione risulta assai fragile, un eroe divino che resta estraneo al mondo in cui è inviato dal santo Graal e in cui non riesce a trovare la propria identità.  L'unica via d’uscita è l’amore puro e assoluto di Elsa, la fanciulla che salva dall’ingiusta, infamante accusa di aver soppresso il fratello minore Gottfried. Ma quando la malefica e diabolica azione di Ortrud semina il dubbio nella mente di lei fino a farle dubitare della vera identità di Lohengrin tanto da porgli la domanda proibita (Elsa aveva giurato di non chiedergli mai della sua identità), egli si rivela, ma la sua natura divina riprende il sopravvento e non gli resta che abbandonare le vicende terrene, tornandosene da dove è venuto.  Guth e Schmidt hanno realizzato per questo Lohengrin una scena fissa per tutto lo spettacolo, «una sorta di gabbia pesante così Guth stesso la descrive – che pare una fabbrica o una caserma, in cui si iscrivono i riferimenti alla natura e alla fantasia». Un tavolo e un lampadario ne fanno un ambiente chiuso, alti muri tutt'intorno con ballatoi e un albero centrale ne fanno un cortile dove il re arringa il popolo di Brabant. In un angolo della scena un pianoforte simboleggia forse un luogo dove a turno i personaggi si rifugiano.  Il cigno bianco non trasporta la barca con Lohengrin, che compare invece a terra, rannicchiato in posizione fetale, quasi fosse partorito dalla mente di un’Elsa che, accusata d’infamia da Telramund, chiede l’aiuto di un eroico cavaliere che la salvi. Lohengrin appare debole, fragile, impacciato, tremante in una dimensione magica, un pò morbosa, perchè è un eroe divino ancora non compiutamente umano. Ma tutti vedono ugualmente in lui, vincitore nel 'giudizio di Diò contro Telramond, un salvatore, un uomo del destino che salverà la terra di Brabant.  Le ali del cigno appaiono a tratti nel braccio di un bambino, poi di un giovane, infine di un adulto morente trasportato a braccia. E Guth avverte: «L'opera di Wagner contiene elementi psicoanalitici molto forti, soprattutto nel rapporto tra i due protagonisti, Lohengrin ed Elsa, che vivono di proiezioni e non di sentimenti reali».  Nel secondo atto le pareti del cortile si incupiscono nella notte in cui Ortrud confida a Telramund le trame del complotto ai danni di Elsa e Lohengrin. Nel terzo, il gioco di luci rende i muri trasparenti e azzurrini, simili alle acque di un lago, mentre al centro, una boscaglia e un pontile fanno da cornice all’amore fra i due giovani, prima che Elsa, ponga all’eroe la domanda fatale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    08 Dicembre @ 15.28

    L'articolo è d'agenzia Ansa. Sulla Gazzetta di Parma di domani potrà leggere la recensione del nostri critico Gian Paolo Minardi

    Rispondi

  • patrizia

    08 Dicembre @ 13.53

    Perché il pezzo non è firmato? Chi è andato alla Scala per la Gazzetta?

    Rispondi

  • strajè

    08 Dicembre @ 12.11

    Il capo del governo ed i suoi ministri forse avrebbero fatto meglio a disertare .il teatro alla Scala. Anzicchè loro ed il codazzo che li ha seguiti,naturalmente a spese nostre , dovevano mettersi a stecca come il popolo italiano comune. Elogio al grande direttore ed ottimi interpreti,ma solenne bocciatura alle scene e costumi è indecente vedere storpiata la scena con scempio genetrale pensando ad un modernità che non ha senso alcuno. L'opera viene traviata nel suo senso e ciò vale per Wgner,Verdi,Bellini,Mozart a tanti altri.

    Rispondi

  • Giovanni T

    08 Dicembre @ 11.41

    Ecco per fortuna qualcuno si accorge che sono d'altri tempi :)

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling