15°

28°

Spettacoli

Scala: successo per un Lohengrin fuori dalla tradizione

Scala: successo per un Lohengrin fuori dalla tradizione
Ricevi gratis le news
4

Le polemiche Verdi/Wagner sono veramente cose d’altri tempi: Wagner piace ai milanesi, almeno al pubblico che questa sera ha riempito il Teatro alla Scala per l' inaugurazione della stagione. Lo dimostra l’intensità e il calore dei 15 minuti di applausi che hanno accolto 'Lohengrin' al chiudersi del sipario, dopo quasi cinque ore di spettacolo.  La parte del leone l’ha fatta la musica di questa 'opera romanticà, la più 'italiana' fra quelle del compositore tedesco. Grandi applausi infatti a Daniel Barenboim e all’ orchestra scaligera ma anche tanti consensi al formidabile coro della Scala diretto da Bruno Casoni, protagonista al pari dei personaggi in scena, che ha entusiasmato l’intera sala del Piermarini al termine dello spettacolo quando, schierato al completo ha intonato l’Inno di Mameli, che è stato cantato da tutti gli spettatori in piedi.  Consensi anche per il regista Claus Guth e l’autore delle scene Christian Schmidt che hanno proposto un Lohengrin fuori dagli schemi della tradizione, ambientando una vicenda della prima metà del decimo secolo in luoghi, architetture e costumi dei tempi di Wagner, a metà dell’Ottocento.  Applausi fragorosi e fiori lanciati dal loggione invece agli interpreti delle due coppie contrapposte che hanno stregato il pubblico dalla prima all’ultima scena: l’una spirituale e pura con Annette Dasch (subentrata all’ultimo momento alle influenzate Anja Harteros e Ann Petersen nel ruolo di Elsa) e Jonas Kaufmann (Lohengrin); l’altra demoniaca e perversa con Evelyn Herlitzius (Ortrud) e Tomas Tomasson (Telramund). Applausi anche a Renè Pape e a Zeljko Lucic.  Uno spettacolo nel complesso molto apprezzato in una serata all’altezza delle attese del 7 dicembre, a cui hanno partecipato personalità quali il Presidente del Consiglio Mario Monti accompagnato dalla consorte che porta lo stesso nome della protagonista wagneriana; i ministri Corrado Passera, Piero Giarda, Giulio Terzi, la ministra francese della cultura Aurelie Filippetti, la presidente dell’Unione Africana Nikosazana Dlamini-Zuma, la sovrana del Qatar e proprietaria della 'Maison Valentinò Sheikha Mozar, oltre ai più noti nomi milanesi da Umberto Veronesi a Cesare Romiti, da Carla Fracci all’architetto Vittorio Gregotti al sindaco Pisapia, sul palco insieme a Monti.  Quello che ha stupito e coinvolto il pubblico è la lettura che il regista Claus Guth ha dato di questo Lohengrin, un personaggio assai lontano dall’eroe tutto d’un pezzo della tradizione, che in questa versione risulta assai fragile, un eroe divino che resta estraneo al mondo in cui è inviato dal santo Graal e in cui non riesce a trovare la propria identità.  L'unica via d’uscita è l’amore puro e assoluto di Elsa, la fanciulla che salva dall’ingiusta, infamante accusa di aver soppresso il fratello minore Gottfried. Ma quando la malefica e diabolica azione di Ortrud semina il dubbio nella mente di lei fino a farle dubitare della vera identità di Lohengrin tanto da porgli la domanda proibita (Elsa aveva giurato di non chiedergli mai della sua identità), egli si rivela, ma la sua natura divina riprende il sopravvento e non gli resta che abbandonare le vicende terrene, tornandosene da dove è venuto.  Guth e Schmidt hanno realizzato per questo Lohengrin una scena fissa per tutto lo spettacolo, «una sorta di gabbia pesante così Guth stesso la descrive – che pare una fabbrica o una caserma, in cui si iscrivono i riferimenti alla natura e alla fantasia». Un tavolo e un lampadario ne fanno un ambiente chiuso, alti muri tutt'intorno con ballatoi e un albero centrale ne fanno un cortile dove il re arringa il popolo di Brabant. In un angolo della scena un pianoforte simboleggia forse un luogo dove a turno i personaggi si rifugiano.  Il cigno bianco non trasporta la barca con Lohengrin, che compare invece a terra, rannicchiato in posizione fetale, quasi fosse partorito dalla mente di un’Elsa che, accusata d’infamia da Telramund, chiede l’aiuto di un eroico cavaliere che la salvi. Lohengrin appare debole, fragile, impacciato, tremante in una dimensione magica, un pò morbosa, perchè è un eroe divino ancora non compiutamente umano. Ma tutti vedono ugualmente in lui, vincitore nel 'giudizio di Diò contro Telramond, un salvatore, un uomo del destino che salverà la terra di Brabant.  Le ali del cigno appaiono a tratti nel braccio di un bambino, poi di un giovane, infine di un adulto morente trasportato a braccia. E Guth avverte: «L'opera di Wagner contiene elementi psicoanalitici molto forti, soprattutto nel rapporto tra i due protagonisti, Lohengrin ed Elsa, che vivono di proiezioni e non di sentimenti reali».  Nel secondo atto le pareti del cortile si incupiscono nella notte in cui Ortrud confida a Telramund le trame del complotto ai danni di Elsa e Lohengrin. Nel terzo, il gioco di luci rende i muri trasparenti e azzurrini, simili alle acque di un lago, mentre al centro, una boscaglia e un pontile fanno da cornice all’amore fra i due giovani, prima che Elsa, ponga all’eroe la domanda fatale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    08 Dicembre @ 15.28

    L'articolo è d'agenzia Ansa. Sulla Gazzetta di Parma di domani potrà leggere la recensione del nostri critico Gian Paolo Minardi

    Rispondi

  • patrizia

    08 Dicembre @ 13.53

    Perché il pezzo non è firmato? Chi è andato alla Scala per la Gazzetta?

    Rispondi

  • strajè

    08 Dicembre @ 12.11

    Il capo del governo ed i suoi ministri forse avrebbero fatto meglio a disertare .il teatro alla Scala. Anzicchè loro ed il codazzo che li ha seguiti,naturalmente a spese nostre , dovevano mettersi a stecca come il popolo italiano comune. Elogio al grande direttore ed ottimi interpreti,ma solenne bocciatura alle scene e costumi è indecente vedere storpiata la scena con scempio genetrale pensando ad un modernità che non ha senso alcuno. L'opera viene traviata nel suo senso e ciò vale per Wgner,Verdi,Bellini,Mozart a tanti altri.

    Rispondi

  • Giovanni T

    08 Dicembre @ 11.41

    Ecco per fortuna qualcuno si accorge che sono d'altri tempi :)

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Il caffè? Lo pago con la carta

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti