17°

Spettacoli

La "Costituzione" di Benigni: 12,6 milioni di spettatori

La "Costituzione" di Benigni: 12,6 milioni di spettatori
23

Era stata pensata come una serata «unificatrice»: Roberto Benigni che legge e spiega la Costituzione Italiana in diretta su RaiUno con un monologo di oltre due ore. Ma ancora una volta l'artista toscano non ha saputo resistere alla tentazione di snocciolare battute su Berlusconi, e inevitabilmente monteranno le polemiche destinate ad avvelenare una campagna elettorale che di fatto è già iniziata.
Si sapeva che la prima parte dello show sarebbe stata destinata dal «toscanaccio» alla satira sull'attualità, ma mai come stavolta è stato il Cavaliere il bersaglio quasi unico dei suoi strali. Lanciati fin dall'inizio: «Volevo ringraziare tutti per avermi concesso questa serata - ha esordito Benigni dallo Studio 5 di Cinecittà - e sono andato dai dirigenti della Rai (presenti tra il pubblico, ndr), i quali mi hanno detto: 'devi ringraziare chi è più in alto di noi'. Allora sono andato dal Presidente della Repubblica, ma lui mi ha fatto capire che più in alto di lui c'era il Papa. Vado da Sua Santità per ringraziarlo e lui mi indica il Signore. Ringrazio il Signore ma ancora una volta c'è qualcuno più in alto. Allora ho capito: grazie Silvio».
La ri-discesa in campo di Berlusconi («tanti italiani vorrebbero poter andare in pensione e non possono, lui potrebbe ma non ci vuole andare») è stata sbertucciata da Benigni al grido di «Non siamo noi ad avercela con lui, ma è lui che ce l'ha con noi! La sua candidatura è stata una delle due notizie brutte di dicembre, più dell'annunciata fine del mondo. E' la sesta volta che scende in campo, la settima si riposerà».
Poi ha ironizzato sulle primarie del Pdl («Si fanno, non si fanno, alla fine Alfano è diventato matto ed è passato dalle primarie al primario...») e sull'intervista concessa domenica da Berlusconi a Barbara D'Urso: «Su Canale 5 hanno trasmesso una vecchia intervista di Silvio del 1994, quando parlava di abbassare le tasse e del pericolo dei comunisti». E ha aggiunto: «Prima dell'intervista a Berlusconi, domenica su Canale 5 c'erano una pornostar e lo zio di Avetrana: praticamente hanno messo insieme i moderati». E ancora: «Lui non ha più nulla da perdere, ma scheletri nell'armadio sì: nel suo armadio Michael Jackson ha girato il video di 'Thriller'».

«Mario - ha quindi proseguito Benigni rivolgendosi idealmente a Monti - t'abbiamo dato tutto, per pagare l'Imu la gente si vende la casa, ora vieni qui a dire che ti candidi, così magari lui si ferma. Poi tra due giorni smentisci».
Ma anche quando Benigni ha 'provato' a spostare il tiro, ha finito per ricadere sullo stesso bersaglio: «Bersani dopo aver vinto le primarie contro Renzi ora deve affrontare un altro di destra». Già, Renzi: «Il suo scheletro nell'armadio è la cena ad Arcore e il Pd gliel'ha fatta pagare. E pensare che quando Renzi è andato a quella cena, c'erano solo uomini: Verdini, Cicchitto...».
Quindi il lungo avvicinamento al tema della serata, la Costituzione, ma con un satirico accenno al Medioevo «quando i corrotti stavano nei Parlamenti e se un potente andava in minoranza comprava gli avversari. E per votare avevano inventato un Porcellum e gli andava anche bene. E usavano soldi pubblici per spese personali. Finchè da Milano, allora Mediolanum, arrivò un cavaliere che prese il potere. E si alleò con i Barbari del Nord, che avevano come slogan «Noi ce l'abbiamo duro» e facevano strani riti con le ampolle, Facevano addirittura l'amore con il Po, e infatti nacque il Trota...».
Quindi un'ultima premessa prima di passare in rassegna gli articoli della Costituzione («che è come una mamma che ti protegge e ti sprona, non come la Legge o i Dieci Comandamenti che sono tutto un divieto, è come 'Imagine' di John Lennon») sottoforma di due appelli agli italiani: «La Carta ha due nemici: l'indifferenza alla politica e l'astensione al voto. Non amare la politica è come non amare la vita: non bisogna confondere la politica con i cattivi i politici. Dire 'tutti i politici sono uguali' è terribile. Così come è terribile chiamarsi fuori: il voto è l'unico strumento che abbiamo. E per dare a noi la possibilità di votare, milioni di italiani - uomini e donne - sono morti».

Boom di ascolti - Oltre 12,6 milioni di telespettatori (12 milioni 619 mila) hanno seguito ieri sera su Rai1 'La più bella del mondò, la serata evento di Roberto Benigni che si è giocata tra la satira su Berlusconi e l’esegesi della Costituzione. Lo show ha raccolto in media il 43,94% di share.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pesce rosa

    19 Dicembre @ 11.29

    Dopo aver vomitato un'ora sopra Berlusconi ha il coraggio di venirci ad insegnare cosa è la costituzione. Al caro e amato giullare sapete cosa piace??? La pila! Intesa come 8 milioni di € che incassa con la sua recita. E se non vi dispiace se Berlusconi si ricandida io lo voto!!!

    Rispondi

  • LUCA

    19 Dicembre @ 10.18

    certo che per benigni è la più bella del mondo.. gli permette di prendere quasi 6milioni di euro dalle tasche degli italiani grazie al canone per andare in tv a fare politica mascherata da comicità!!! quasi 2 per l'altra sera + 4 anticipati per un'ipotetica trasmissione su dante l'anno prossimo! ...e io paaaaagoooooo

    Rispondi

  • stefano

    19 Dicembre @ 01.50

    ma perche'la maggioranza di chi commenta deve cedere sempre al vezzo di distruggere superficialmente,senza avere quel coraggio che il benigni ha positivamente descritto nella elaborazione della costituzione ed in una commovente e fanciullescamente eroica difesa a spada tratta di una carta che,finche' non verra' rispettata,saremo sempre piu'in situazioni eticamente ed economicamente allo sbando?chi lo condanna cosi' superficialmente finisce irrimediabilmente a far quella figura del coglione disimpegnato ed irresponsabile che cosi' bene lui ha descritto ieri.tra l'elenco telefonico e dante e la costituzione passa il mare degli imbecilli

    Rispondi

  • Shunkakan

    19 Dicembre @ 00.23

    Un comico dovrebbe fare il comico e non il politico. E poi basta attaccare sempre e solo una parte politica! Sembrava messo li, in prima serata, guarda caso in questo periodo che la gente si è letteralmente stufata dei politici, nel vano tentativo di indorare la pillola e calmare gli animi delle persone. Pagato, essendo in rai, con i nostri soldi! Ha letto la Costituzione citandone i creatori: non una parola contro chi la sta calpestando ( monti e fornero) togliendoci il lavoro, la dignità ed il futuro. Non una parola contro chi pretende salassi estremi e altissimi da persone che non hanno un soldo perchè hanno perso il lavoro e non riescono nemmeno più a pagare il mutuo della casa, figurarsi l'imu. Oppure pensionati, anche loro eroi di guerra e della libertà, che non arrivano a fine mese per le sempre più misere pensioni e le sempre più alte tasse! Comodo parlare di Repubblica fondata sul lavoro quando si è pieni zeppi di soldi senza avere un callo sulle mani! Ma non si vergogna a parlare così davanti ad un popolo ridotto allo stremo dai tutta la politica, anche da quella che lui evita di citare? Era molto meglio se continuava a recitare la Divina Commedia

    Rispondi

  • Giovanni

    18 Dicembre @ 23.34

    Che la TV di Stato in bancarotta dia un compenso di1,5 milioni di Euro lo ritengo offensivo e fuori luogo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105: è morto Leone Di Lernia - VIDEO

1commento

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

L'INDISCRETO

Le nipotine d'arte...

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Un altro incidente in A1: auto contro il jersey, grave una giovane

autostrada

Un altro incidente in A1: auto contro il jersey, grave una giovane

lega pro

Parma incerottato, è emergenza: 4-4-2 o 4-2-3-1? Video

La lunga lista degli infortunati e i tempi di recupero. Due note positive: rientra Baraye e la verve realizzativa di Calaiò

Consiglio comunale

Pizzarotti: "Tep: il Cda non ha seguito le indicazioni del Comune" Diretta

parma

Evade dai domiciliari: arrestato

1commento

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

1commento

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

7commenti

soragna

Camion si ribalta a Diolo: ferito il conducente Video

tradizione

Cella di Noceto, troppo vento: falò di carnevale rinviato a domani

Prezzi

Inflazione a febbraio sale all'1,5%, al top da 4 anni

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

5commenti

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

17commenti

LAVORO

Venti nuovi annunci per chi cerca un posto

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

4commenti

PIACENZA

Investe un cinghiale e finisce contro un muro: muore 75enne

SOCIETA'

la foto

Raro: arco circumzenitale nei cieli della Bassa

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia