Spettacoli

Film recensioni - La regola del silenzio

Film recensioni - La regola del silenzio
1

Lara Ampollini

«Trent’anni fa un ragazzo sveglio come te sarebbe stato sensibile alla nostra causa». E’ tutto in una frase il senso di uno sguardo: quello che vede il nostro presente attraverso il filtro di un’altra epoca, fatta di ideali che oggi sembrano fanatismi, di giovani che lottavano contro il sistema mentre oggi combattono gli altri per entrarci, di attenzione per le verità nascoste contro un giornalismo tutto scoop e cinismo.
La compagnia che ti scegli, il titolo originale, rendeva meglio l’idea. Perché per Robert Redford, ogni film è una dichiarazione di campo, sempre la stessa che noi ritroviamo con somma delizia, come la sua zazzera color grano, sopra il viso sempre più stropicciato.
Redford ha 76 anni ma è sempre buono, bravo, bello, giusto. Un regista che crede nell’impegno civile, nel cinema di Sidney Pollack, negli ideali degli anni Settanta. Qui, in più, si serve dello schema del thriller, per intrappolarci con lui in una lunga fuga e ricerca di quegli ideali, una lotta per la vita, non solo quella fisica, ma fatta di tutte le sue scelte e conseguenze. Ecco allora un passato che ritorna, un futuro da difendere con il cuore di un papà affettuoso, la passione di un vero democratico e la scaltrezza di chi ha già vissuto tre giorni da condor. Robert Redford è di nuovo un uomo braccato da un sistema che tenta inutilmente di scalfire la sua integrità (che poi ricalca il credo del regista in fatto di politica, di rapporto con gli altri esseri umani, e qui, anche di cinema).
Thriller classico, ben impostato sulle prove di attori come Susan Sarandon, Shia LaBeouf, Julie Christie, Nick Nolte, il film è tratto da un romanzo di Neil Gordon che offre a Redford regista molti spunti che gli sono congeniali. Il suo personaggio, Jim Grant, è un avvocato vedovo con una bambina che viene smascherato da un cronista locale (LaBeouf): nel suo passato c’è l’appartenenza al gruppo di sinistra radicale dei Weather Underground, impegnati nei primi anni Settanta nelle proteste anti-Vietnam, e forse coinvolti in un omicidio. Anticipando l’Fbi, Grant organizza un ingegnoso piano di fuga grazie alle sue capacità logiche e alle esperienze del passato. L’unico che sembra intuirne le intenzioni è il giovane cronista. Appoggiandosi alla rete silente degli ex militanti del movimento (un’occasione per far luce sulle loro vite e sui loro ideali quarant’anni dopo), Grant persegue un obiettivo, il vero motivo per cui l’uomo non cerca semplicemente di fuggire. Sta in quel motivo il colpo di scena del film e l’insegnamento che farà crescere umanamente il cronista aspirante cinico LaBoeuf.
C’è una parte giusta da cui stare, afferma senza incertezze il film, la parte della pace, della giustizia, degli affetti (l’«american dream» politicamente corretto che Redford ha messo a disposizione anche di Obama). In una parola, della verità. Niente di nuovo, forse, ma non lo puoi chiedere a un’icona.

LA REGOLA DEL SILENZIO
REGIA: ROBERT REDFORD
SCENEGGIATURA: LEM DOBBS, dal romanzo di Neil Gordon
FOTOGRAFIA: ADRIANO GOLDMAN
MONTAGGIO: MARK DAY
MUSICHE: CLIFF MARTINEZ
INTERPRETI: ROBERT REDFORD, SHIA LABEOUF, NICK NOLTE, CHRIS COOPER, JULIE CHRISTIE, BRENDAN GLEESON, RICHARD JENKINS, STANLEY TUCCI
GENERE: THRILLER
Usa 2012, colore, 1 h e 57'
DOVE: D'AZEGLIO  E THE SPACE CINECITY
GIUDIZIO: ●●●●●

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Claudio

    23 Dicembre @ 09.53

    Francamente deludente. Il film ha una sceneggiatura inverosimile in molti punti : l'arrivo di tutti alla baita nei boschi fa sorridere, come pure la storiella dell'adozione e della mamma che si ricorda dopo trent'anni della figlia e di nascosto la va a vedere... I dialoghi sono scontati, gli attori mettono tristezza, dovrebbero essere cinquantenni (sono trascorsi trent' anni da quando erano ventenni non cinquanta!) Per non parlare della notte brava dei due vecchietti (questo ci fa capire il regista birichino inquadrando i suoi ex pettorali sotto un lenzuolo che deve aver trascorso una notte impegnativa poverino. La conclusione buonista con repentino pentimento in mezzo al lago, confessione lampo e scarcerazione istantanea, beh siamo alle favole. Ridicolo il non dialogo finale tra padre (78 anni..) e figlia di nove. Insomma una buona occasione persa per stare fermi ed evitare di rovinare l'immagine di tanti grandi attori del passato ormai remoto. Si salvano solo la Sherandon e l'ossidato Nolte, oltre alle quattro note d'organo che melanconicamente ci ricordano l' autentico involontario messaggio del film: che e' proprio brutto invecchiare male.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti