Spettacoli

SempreVerdi - Trovatore a Bologna

SempreVerdi - Trovatore a Bologna
0

Elena Formica
 "Aquiloni solitari", secondo Alberto Savinio, i canti del Trovatore. O meglio: nel Trovatore. Canti, li chiamava. Non arie, bensì "canti di una specie singolare, che aprono una finestra improvvisa per la quale l’anima salpa violentemente, e dolcissimamente assieme, nella sconfinata libertà dei cieli". Canti "verticali", dunque, che "in un cielo senza vento salgono diritti nella notte infinita".

Ma dov’erano questi canti nell’ultimo Trovatore al Teatro Comunale di Bologna? Dov’era questo Verdi che, complici i versi di Cammarano, ha ordito fascinose melodie per (in)cantare il cuore,  disseminando d’irresistibili seduzioni poetiche un’assurda trama di fatti, misfatti, antefatti?
Nell’opera appena andata in scena a Bologna, con regia di Paul Curran  ripresa da Oscar Cecchi, i canti <verticali>  descritti da Savinio risultavano purtroppo  orizzontali. “Tacea la notte placida”, “Deserto sulla terra”, “Il balen del suo sorriso”, “Ah sì, ben mio”, “D’amor sull’ali rosee” – stelle di sconcertante bellezza nel buio universo della vicenda- inanellati come in un semplice concerto, eseguiti all’insegna di un efficientismo scenico-vocale che parecchio dista dall’essere teatro. La delicatissima atmosfera del Trovatore, siderale e incandescente come la prima notte sulla Terra, trapanata dalla banalità di una regia che ha spostato in un Ottocento risorgimentale (ma senza il fuoco e l’anima del Risorgimento) la nera storia del Trovador di Gutiérrez, ambientata all’inizio del XV secolo.
Per fortuna dirigeva Renato Palumbo, volitivo e al pari accorto, con esiti estremamente pregevoli sul fronte orchestrale, nel tentare di condurre verso una sintesi ispirata, cioè verdiana, gli elementi vuoti e sparsi d’una messa in scena ambiziosa, ma di fatto ineloquente e avara nei confronti dei protagonisti, che davano l’impressione di occupare (non di vivere) lo spazio scenico sulla base di un’automatica successione di numeri con relativa attesa di applausi. Da qui, ad onta della musica, un’orizzontalità senza voli, senza emozioni.
Al debutto nel ruolo del titolo, Roberto Aronica: un Manrico di veritiero slancio tenorile e istintivamente sensibile, pure, a più intime e necessarie trepidazioni, credibile alfine. Onesta la prova di Maria José Siri (Leonora), fatta eccezione per un paio d’incontrollati strilli; crudele con stile Roberto Frontali nel ruolo del Conte. Animalesca e ululante, inappropriatamente carica e caricata l’Azucena di Andrea Ulbrich. Bene Luca Tittoto (Ferrando), ottimo il Coro forgiato da Lorenzo Fratini.
(foto Rocco Casalucci)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gara a Bologna, "Scrivi un film per Ambra Angiolini"

cinema

Gara a Bologna: "Scrivi un film per Ambra Angiolini" Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

parma-bassano

Traversa di Ricci, occasione gol con Nocciolini: il Parma inizia in avanti Diretta

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

9commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

4commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

4commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

dopo il furto

Ritrovato il cancello del campo di concentramento di Dachau

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery