-5°

Spettacoli

È morta Mariangela Melato

È morta Mariangela Melato
8

Lutto nel mondo dello spettacolo: si è spenta questa mattina a Roma, a 71 anni, Mariangela Melato, 
Era una delle più note e apprezzate attrici italiane. Protagonista di numerosi film, in particolare diretti da Lina Wertmuller, era legata da diversi anni al Teatro Stabile di Genova.

MARIANGELA MELATO, MILLE VOLTI TRA TEATRO, CINEMA E TV

Mariangela Melato, scomparsa stamattina a Roma, è stata tra le attrici più versatili del teatro e del cinema italiano, capace di affrontare ruoli comici o drammatici, di trasformarsi in personaggi molto lontani tra loro ma sempre con grandissima intensità. Ha lasciato così nella memoria della vasta platea italiana che l’ha sempre amata ed apprezzata, personaggi indimenticabili, da quelli sul grande schermo come Fiore, amante milanese di Mimì Metallurgico con la regia di Lina Wertmuller, a quelli sul palcoscenico del teatro come nell’Orestea di Eschilo diretta da Luca Ronconi. Fino alla Filumena Marturano al fianco di Massimo Ranieri andata in replica su Rai1 proprio nel giorno di Capodanno.
Nata a Milano il 19 settembre 1941, Mariangela Melato da giovanissima studia pittura all’Accademia di Brera, disegnando manifesti e lavorando come vetrinista alla Rinascente per pagarsi i corsi di recitazione di Esperia Sperani. Non ancora ventenne entra a far parte della compagnia di Fantasio Piccoli con il quale esordisce in «Binario cieco di Terron», rappresentato al Teatro Stabile di Bolzano. In seguito matura la sua formazione artistica sotto la guida di registi come Dario Fo, Luchino Visconti e Luca Ronconi. Nel 1969 debutta nel cinema con un film di Pupi Avati, «Thomas», e, due anni dopo, recita in «Per grazia ricevuta» di Nino Manfredi. Nel 1972 ottiene un grande successo popolare con la sua interpretazione di Fiore, l'amante milanese di Giannini, in «Mimì metallurgico ferito nell’onore» di Lina Wertmuller.
Contemporaneamente dimostra di saper affrontare (anche sul grande schermo) ruoli non solo comici e grotteschi ma anche drammatici, come quelli che interpreta accanto a Gian Maria Volontè in «La classe operaia va in paradiso» (1971) e «Todo modo» (1976), entrambi di Elio Petri, o quello di Mara in «Caro Michele» di Mario Monicelli. Attrice versatile dagli infiniti talenti, è anche un’eccellente ballerina, come dimostra sul palcoscenico del Sistina interpretando Belcore di «Alleluja, brava gente». Oppure, al cinema, in «Aiutami a sognare», ancora diretta da Pupi Avati, o in «Domani si balla» di Maurizio Nichetti. Se sul palcoscenico recita nell’ «Orlando Furioso», nell’indimenticabile Orestea di Eschilo e in «Quel che sapeva Maisie» da Henry James, spettacoli tutti diretti da Luca Ronconi, dopo essere stata sulla scena ora Fedra ora Medea ora Madre Coraggio, sul grande schermo si ritrova con Ugo Tognazzi, tra i fasti della Belle epoque, ne «Il petomane» (di Pasquale Festa Campanile, 1983) per essere poi trasportata tra le anime burlone di un cimitero in «Mortacci» di Sergio Citti. Negli anni '90 si dedica soprattutto al teatro ma nel 1999 non rinuncia a comparire nell’affollato cast di «I panni sporchi» di Mario Monicelli.
Molto attiva anche sul piccolo schermo, dopo il successo dei primi due episodi del film televisivo «Una vita in gioco», rispettivamente diretti da Franco Giraldi (1991) e Giuseppe Bertolucci (1992), compare in «Due volte vent' anni» (di Livia Giampalmo), tratto dall’omonimo romanzo di Lidia Ravera. Torna al cinema per interpretare la sorella di Enzo Tortora in «Un uomo per bene» (di Maurizio Zaccaro, 1999) e «L' amore probabilmente» di Giuseppe Bertolucci (2001).
Nel 2007 si era presa una pausa dal teatro impegnato portando in scena 'Sola me ne vò dove ballava e cantava come una vera show girl. Anzi come Madonna, la cantante rock che l'aveva sfidata sul suo terreno nel remake di 'Travolti da un insolito destinò. «Ora tocca a me – disse in quell'occasione la Melato – renderle la pariglia».
In tv si è vista negli ultimi anni in Rebecca, la prima moglie regia di Riccardo Milani (2008) e in una splendida Filumena Marturano (2010), con Massimo Ranieri andata anche in replica su Rai1 nel giorno di capodanno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michele

    11 Gennaio @ 20.00

    MARIANGELA OGGI HO PERDUTO PIU' DI UN MIO FAMILIARE COME RIMEDIARE A QUESTA IMMANE PERDITA? NON TI DIMENTICHEREMO MAI SARAI SEMPRE NEI NOSTRI CUORI CIAO MARIANGELA

    Rispondi

  • michele

    11 Gennaio @ 20.00

    MARIANGELA OGGI HO PERDUTO PIU' DI UN MIO FAMILIARE COME RIMEDIARE A QUESTA IMMANE PERDITA? NON TI DIMENTICHEREMO MAI SARAI SEMPRE NEI NOSTRI CUORI CIAO MARIANGELA

    Rispondi

  • Argoleto52

    11 Gennaio @ 17.20

    Un applaso, anzi tutti le dobbiamo l'ultimo applauso, per l'impegno dando sempre il meglio di se. Chi l'ha vista recitare in teatro non si puo dimenticare la sua animosità bravura, classe. Mi dispiace veramente tanro.

    Rispondi

  • paolo58

    11 Gennaio @ 12.00

    Ciao Grande Donna, con te se ne va una grossa parte del cinema e del teatro italiano.

    Rispondi

  • andrea

    11 Gennaio @ 11.14

    Grande attrice e grande donna.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Parma Calcio

Coric, risoluzione consensuale del contratto

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto