22°

Spettacoli

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"
Ricevi gratis le news
0

Elena Formica

«Vado pazzo per il ruolo di Foresto nell’Attila e di Ismaele nel Nabucco!». Suvvia, è logico che, chiedendo a un artista come Francesco Meli quali opere più di tutte desideri cantare, non ci si può attendere una risposta così «commovente».  Persino un tenorello o un tenoraccio fra i tanti con sogni impossibili (specie se verdiani) snocciolerebbe titoli come Il Trovatore, Don Carlo, La forza del destino, Otello.
«Absit iniuria verbis», ovvero: giammai s’offenda la gran musica di Verdi, né alcuna delle sue opere (prime, ultime o mediane), né i ruoli d’ogni tipo, né i tenori d’Attila e Nabucco. Ma se a un artista del calibro di Francesco Meli – com’egli stesso racconta - il Teatro Regio rivolge al volo una domanda («che cosa vuoi cantare in gennaio a Parma?»), la risposta saettante è questa: «Riccardo. Un Ballo in maschera».  Non c’era da aspettarsi – per intenderci – un’opera dove il tenore non fosse splendido protagonista.
Affare fatto. Con Un ballo in maschera s’inaugurerà domani, al Teatro Regio, il secondo centenario della nascita di Verdi. Ed ecco, rigorosamente in fila, tre ottime ragioni: «La prima è che nel 2011 ho felicemente debuttato nel ruolo di Riccardo proprio a Parma – spiega il tenore – e finora non l’ho ripetuto altrove. Poi, essendo stato invitato dal Regio “in zona Cesarini”, cioè con un margine d’anticipo assolutamente minimo rispetto all’inaugurazione del bicentenario verdiano, non potevo che proporre a Parma un capolavoro, un’opera che sento molto “mia” come Un ballo in maschera. Vogliamo aggiungere  che potevo anche avere al fianco mia moglie (il soprano Serena Gamberoni, ndr) nel ruolo di Oscar? Una ragione di più, questa, per offrire tale titolo a Parma». 
Riavvolgendo il nastro al punto di partenza (“che cosa ti piacerebbe cantare?”), Meli parla amabilmente di Don Carlo («l’ho già studiato qualche tempo fa - dice -, adesso potrei anche debuttarlo»), della Forza del destino, di Ernani. C’è di bello che con un artista così si può vagheggiare, ma anche motivatamente sperare in un futuro emozionante e sensato (altro che certo becero presente!) dell’interpretazione verdiana: perché Meli ha voce, classe, carisma, ma soprattutto ha cultura. Non a caso, si definisce «un musicista». E non soltanto perché suona bene il pianoforte, ma anche e soprattutto perché - precisa - un cantante lirico «è a tutti gli effetti un musicista (o almeno dovrebbe esserlo), nel senso che, quando studia per conto proprio accompagnato dal pianoforte, deve decidere qualcosa di fondamentale a livello musicale: i fiati, il fraseggio, gli accenti, gli staccati, eccetera. Il cantante deve presentarsi alle prove con una propria linea musicale, deve cioè essere in grado di mettere a disposizione del “materiale” vero da condividere con i colleghi e il direttore. Ve lo immaginereste Pollini che, dovendo suonare “L’Imperatore” di Beethoven, aspettasse di fare ciò che gli ordina Abbado? La verità è che Pollini sa già come suonare “L’Imperatore” e su tale base si svilupperà l’interrelazione con Abbado. Voglio dire, con ciò, che lo stesso meccanismo deve instaurarsi nell’opera tra cantanti e direttore, ossia  tra musicisti».
Amatissimo dal pubblico parmigiano, Meli è stato acclamato al Regio in Così fan tutte, Simon Boccanegra, I Lombardi alla prima Crociata, Werther. Erano gli anni della sovrintendenza di Mauro Meli. «E’ stato un periodo importante – ricorda il tenore -, durante il quale sono stati realizzati a Parma progetti artistici straordinari. Penso alle opere allestite al Teatro Farnese, un luogo magico. Che dire: il più bel teatro del mondo, un’enorme risorsa di questa città». Adesso la Fondazione Regio è guidata da Carlo Fontana, amministratore esecutivo, e da Paolo Arcà, direttore artistico: « Conosco Arcà da parecchi anni – dice Meli -, è un musicista e un direttore artistico di valore, del quale ho grande stima. Ho lavorato con lui alla Scala, al Maggio Musicale Fiorentino e, prima ancora, al Carlo Felice di Genova, nella mia città. Ero molto giovane e Arcà mi ha dato fiducia: gliene sono grato. Quanto a Fontana, che è figura di indiscutibile rilievo, sono quasi imbarazzato a dirlo, ma è un mio “fan”. E’ venuto a sentirmi a Venezia nel Trovatore, mi segue da tempo come un semplice “appassionato”. Beh, non è da tutti…!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»