21°

Spettacoli

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"

Meli: "E' un'opera che sento molto mia"
0

Elena Formica

«Vado pazzo per il ruolo di Foresto nell’Attila e di Ismaele nel Nabucco!». Suvvia, è logico che, chiedendo a un artista come Francesco Meli quali opere più di tutte desideri cantare, non ci si può attendere una risposta così «commovente».  Persino un tenorello o un tenoraccio fra i tanti con sogni impossibili (specie se verdiani) snocciolerebbe titoli come Il Trovatore, Don Carlo, La forza del destino, Otello.
«Absit iniuria verbis», ovvero: giammai s’offenda la gran musica di Verdi, né alcuna delle sue opere (prime, ultime o mediane), né i ruoli d’ogni tipo, né i tenori d’Attila e Nabucco. Ma se a un artista del calibro di Francesco Meli – com’egli stesso racconta - il Teatro Regio rivolge al volo una domanda («che cosa vuoi cantare in gennaio a Parma?»), la risposta saettante è questa: «Riccardo. Un Ballo in maschera».  Non c’era da aspettarsi – per intenderci – un’opera dove il tenore non fosse splendido protagonista.
Affare fatto. Con Un ballo in maschera s’inaugurerà domani, al Teatro Regio, il secondo centenario della nascita di Verdi. Ed ecco, rigorosamente in fila, tre ottime ragioni: «La prima è che nel 2011 ho felicemente debuttato nel ruolo di Riccardo proprio a Parma – spiega il tenore – e finora non l’ho ripetuto altrove. Poi, essendo stato invitato dal Regio “in zona Cesarini”, cioè con un margine d’anticipo assolutamente minimo rispetto all’inaugurazione del bicentenario verdiano, non potevo che proporre a Parma un capolavoro, un’opera che sento molto “mia” come Un ballo in maschera. Vogliamo aggiungere  che potevo anche avere al fianco mia moglie (il soprano Serena Gamberoni, ndr) nel ruolo di Oscar? Una ragione di più, questa, per offrire tale titolo a Parma». 
Riavvolgendo il nastro al punto di partenza (“che cosa ti piacerebbe cantare?”), Meli parla amabilmente di Don Carlo («l’ho già studiato qualche tempo fa - dice -, adesso potrei anche debuttarlo»), della Forza del destino, di Ernani. C’è di bello che con un artista così si può vagheggiare, ma anche motivatamente sperare in un futuro emozionante e sensato (altro che certo becero presente!) dell’interpretazione verdiana: perché Meli ha voce, classe, carisma, ma soprattutto ha cultura. Non a caso, si definisce «un musicista». E non soltanto perché suona bene il pianoforte, ma anche e soprattutto perché - precisa - un cantante lirico «è a tutti gli effetti un musicista (o almeno dovrebbe esserlo), nel senso che, quando studia per conto proprio accompagnato dal pianoforte, deve decidere qualcosa di fondamentale a livello musicale: i fiati, il fraseggio, gli accenti, gli staccati, eccetera. Il cantante deve presentarsi alle prove con una propria linea musicale, deve cioè essere in grado di mettere a disposizione del “materiale” vero da condividere con i colleghi e il direttore. Ve lo immaginereste Pollini che, dovendo suonare “L’Imperatore” di Beethoven, aspettasse di fare ciò che gli ordina Abbado? La verità è che Pollini sa già come suonare “L’Imperatore” e su tale base si svilupperà l’interrelazione con Abbado. Voglio dire, con ciò, che lo stesso meccanismo deve instaurarsi nell’opera tra cantanti e direttore, ossia  tra musicisti».
Amatissimo dal pubblico parmigiano, Meli è stato acclamato al Regio in Così fan tutte, Simon Boccanegra, I Lombardi alla prima Crociata, Werther. Erano gli anni della sovrintendenza di Mauro Meli. «E’ stato un periodo importante – ricorda il tenore -, durante il quale sono stati realizzati a Parma progetti artistici straordinari. Penso alle opere allestite al Teatro Farnese, un luogo magico. Che dire: il più bel teatro del mondo, un’enorme risorsa di questa città». Adesso la Fondazione Regio è guidata da Carlo Fontana, amministratore esecutivo, e da Paolo Arcà, direttore artistico: « Conosco Arcà da parecchi anni – dice Meli -, è un musicista e un direttore artistico di valore, del quale ho grande stima. Ho lavorato con lui alla Scala, al Maggio Musicale Fiorentino e, prima ancora, al Carlo Felice di Genova, nella mia città. Ero molto giovane e Arcà mi ha dato fiducia: gliene sono grato. Quanto a Fontana, che è figura di indiscutibile rilievo, sono quasi imbarazzato a dirlo, ma è un mio “fan”. E’ venuto a sentirmi a Venezia nel Trovatore, mi segue da tempo come un semplice “appassionato”. Beh, non è da tutti…!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

3commenti

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"