20°

Spettacoli

Film recensioni - Quel che so sull'amore

Film recensioni - Quel che so sull'amore
3

Filiberto Molossi
E' un po' come perdere due a zero in casa, cinque minuti dopo il fischio di inizio. Dura un istante, ma in quell'attimo, quello solo, ci credi sul serio: che in fondo loro, gli altri, non sono mica dei fenomeni, che è stata solo fortuna. E allora fai finta di non vedere che le gambe sono molli e la lingua è a penzoloni: e fantastichi di un mondo migliore, dove ci sia aria di impresa, dove si può sempre rimontare. E proprio lì che quelli, gli altri, segnano ancora: e spengono l’interruttore. Costringendo a domandarti per un’ora buona se davvero non c'era di meglio da fare.
L'ultimo film di Gabriele Muccino è così: capisci subito che non butta bene. Fai finta, pure se a fatica, di sperare in un dribbling, in un colpo di tacco improvviso e smarcante: ma è tutto
inutile, proprio come quello che vedi. Perché per quanto le ultime prove, americane e non, del regista de
«L'ultimo bacio» abbiano evidenziato fiato corto e ispirazione a corrente alternata, qui siamo davvero a un
 punto zero nell’elaborazione priva di alcuna energia e personalità del più innocuo, basico e oltremodo piatto dei copioni.
Un insipido filmetto televisivo da due del pomeriggio, quando fuori piove e la tua soap preferita è andata in vacanza, «Quello che so sull'amore»: che, sviscerata la banalità del bene, infila il binario stavolta morto del «remarriage» (il risposarsi, archetipo caro alla commedia classica made in Usa, da «Scandalo a Filadelfia» a «La costola di Adamo»), sprecando un cast all star (i protagonisti Gerard Butler, che in verità non ne azzecca più mezza dai tempi di «300», e Jessica Biel, ma anche, in ruoli di contorno, Dennis Quaid, Uma Thurman e Catherine Zeta Jones) in ruoli tagliati col machete, che a volte rasentano la macchietta.
Nella storia - stroncata in Usa, dove il film non è piaciuto nemmeno al pubblico - dell’ex calciatore di successo ora caduto in disgrazia che prova, prima che sia troppo tardi, a riconquistare la moglie e l’affetto del loro bambino, Muccino, puntando nuovamente sul rapporto padre-figlio (tema centrale nella sua filmografia), va ancora alla ricerca della felicità non riuscendo però a dare spessore alcuno a una storia moraleggiante di riscatto dove non accade nulla nei primi 40 minuti e poco altro dopo.
E nella quale, per fronteggiare le nevrosi di un’America apparentemente placida eppure schizofrenica, butta dentro l’intero campionario dell’italica nostalgia: calcio, pizza e Ferrari. Mancano solo la mafia e il mandolino e poi anche a stereotipi eravamo a posto...
Giudizio: 1/5



QUELLO CHE SO SULL'AMORE - (Playing for keeps)
REGIA: GABRIELE MUCCINO
SCENEGGIATURA: ROBBIE FOX
INTERPRETI: GERARD BUTLER, JESSICA BIEL, NOAH LOMAX, UMA THURMAN, DENNIS QUAID, CATHERINE ZETA JONES
Usa 2012, colore, 1 h e 45'
GENERE: COMMEDIA
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER e THE SPACE CINECITY
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sinestro

    20 Febbraio @ 17.09

    Ho appena visto "Quello che so sull'amore",ultima fatica hollywoodiana di Muccino: fosse stato un telefilm,probabilmente lo avrei anche trovato apprezzabile,ma proporre al cinema una cosa del genere,beh..... Ora,sarà anche vero che plot e situazioni gli sono state imposte,ma sicuramente c'è anche (tanto) di suo. In pratica,è una specie di summa,in salsa americana,de "L'ultimo bacio" e "Baciami Ancora"; abbiamo,nell'ordine: - Il maschio alfa fornicatore incallito,che deve al suo vizietto la fine del matrimonio (Accorsi/Butler). - La donna tradita,apparentemente piena d'odio (tutt'altro che malcelato),ma che in realtà si strugge ancora per lui (Mezzogiorno-Puccini/Biel). - Donne sull'orlo perenne di una crisi psicotica (Impacciatore -Piazza/Thurman - Zeta Jones). - Uomini con le rotelle fuori posto in modo più o meno grave (Santamaria-Favino/Quaid) - Bambini che crescono felici e pasciuti con genitori assenti e famiglie allargate di varia natura. - Crisi di coscienza del maschio alfa,che dopo l'ennesima notte di sesso decide che,passati i 40,forse è il caso di ritornare all'ovile. - Donna che mette da parte odi e rancori e manda all'aria tutto per tornare docile tra le sue braccia. - Compagno/cicisbeo della suddetta che si fa elegantemente da parte cornuto e contento (Giannini/Tupper). - Famiglia del Mulino Bianco felicemente ricomposta. Insomma,un film che mette veramente tristezza,tanta tristezza. Peccato,perchè il cast era davvero di alto livello..... Saluti

    Rispondi

  • steve

    13 Gennaio @ 20.55

    Scontato, prevedibile, noioso.

    Rispondi

  • francesca

    13 Gennaio @ 18.12

    Grottesco. Amo Muccino, le sue opere made in Italy mi lasciano a sperare che non siano già passate le due ore, che il film non stia già finendo, no!! Muccino ciha abituati a film intensi, ricchi nei dialoghi e nei caratteri dei personaggi, mentre questo suo ultimo lavoro è inclassificabile. Ma chi ha scritto i dialoghi?? paiono estrapolati da un Harmony degli anni 80. L'intreccio è banale, il cast sprecato, le marchette dei vari marchi italiani molteplici: Prada, Tod's, Moncler, Ferrari, Vhernier (gioielli). Ci si chiede come mai il talento di questo brillante regista italiano venga così snaturato da non riconoscersi più nei suoi lavori. Mah.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

1commento

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

9commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

4commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

Salute

Ausl, caso di meningococco nell'Appennino reggiano

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017