-2°

Spettacoli

"L'istruttoria": da 30 anni sul palco per raccontare la Shoah

"L'istruttoria": da 30 anni sul palco per raccontare la Shoah
2

COMUNICATO

 Un Teatro che racconta la Storia e fa la Storia del Teatro: a Parma da 30 anni si celebra la memoria dell’Olocausto con uno spettacolo di Fondazione Teatro Due, uno fra i più longevi del teatro italiano, tappa cruciale della storia della scena del nostro paese, una testimonianza eccezionale e sempre attuale che continua a emozionare il pubblico e a tenere vivo il ricordo tragico della Shoah. L’Istruttoria, testo scritto da Peter Weiss nel 1965 e messo in scena da Gigi Dall’Aglio nel 1984, interpretato in tutte queste stagioni dagli stessi attori (Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Gigi Dall’Aglio, Pino L’Abbadessa, Milena Metitieri, Tania Rocchetta, Roberta Sferzi) e intatto nella sua intensa drammaticità e nel suo allestimento, con le musiche originali di Alessandro Nidi eseguite in scena da Davide Carmarino, sarà in scena venerdì 18 e sabato 19 gennaio 2013 alle ore 21.00, domenica 20 gennaio alle ore 16.00, venerdì 25 e sabato 26 gennaio alle ore 21.00 e infine domenica 27 gennaio alle ore 16.00 (Teatro Due, in Viale Basetti 12/A, Parma). Nel mese di gennaio, dedicato alla Memoria dello sterminio nazista di milioni di ebrei in Europa con una legge della Repubblica Italiana e con una risoluzione ONU del 2005, Fondazione Teatro Due ri-propone ai cittadini l’appuntamento rituale con il Ricordo, la Storia, il Teatro.

 

L’Ensemble Stabile Attori di Fondazione Teatro Due è stato insignito dell’Attestato di Civica Benemerenza del Comune di Parma lo scorso 13 gennaio 2013 in occasione del Premio Sant’Ilario, con la seguente motivazione: l’attestato di civica benemerenza viene concesso all’Ensemble Attori Teatro Due quale esempio radicato sul territorio di fertile terreno per la cultura locale, come espressione della passione per il teatro inteso come luogo di vita in cui lo spettatore è il vero protagonista. L'Ensemble da oltre 40 anni rappresenta uno dei pochi gruppi teatrali che opera continuativamente in un teatro stabile a livello nazionale; è protagonista di un progetto produttivo che spazia dalla drammaturgia classica a quella contemporanea, con una media di 15 nuove produzioni e “riprese” per oltre 200 rappresentazioni all’anno. Una risorsa importante in ambito culturale di cui la città di Parma può fregiarsi.

L’Istruttoria rappresenta all’interno del repertorio dell’Ensemble lo spettacolo più longevo e più amato da pubblico e critica: da 30 anni gli stessi attori dell’Ensemble Stabile di Teatro Due, caso unico in Europa, portano in scena una delle testimonianze più alte e forti che siano mai state scritte per il teatro. L’Istruttoria è andata in scena 950 volte, vista da 150.000 persone. Ovunque venga rappresentata raccoglie la forte partecipazione degli spettatori di tutte le età; ogni anno il rito del Teatro si compie accompagnando le diverse generazioni nell'Inferno di Auschwitz, in un viaggio-tragedia della Storia contemporanea in cui non può compiersi nessuna catarsi.

Uno spettacolo che nel tempo ha visto cambiare il pubblico, la sua coscienza, la storia politica e ha visto crescere i suoi attori. Dal 1984 L’Istruttoria viene rappresentato senza interruzioni a Parma e nei maggiori teatri nazionali, oltre che al Festival de l’Union des Théâtres de l’Europe a Bucarest e all’Habimah National Theatre di Tel Aviv in Israele, dove non era mai stato messo in scena. Dopo aver visto lo spettacolo a Tel Aviv, il grande scrittore israeliano Abraham Yehoshua ha affermato: “È difficile la rappresentazione estetica dello sterminio, è un’esperienza estrema a cui non si può aggiungere nulla; difficile è anche trovare la forma adatta per raccontare lo strazio delle vittime, ma Weiss c’è riuscito, perché ha trasformato quello strazio in un poema”.

 


Un giudice, un difensore, un procuratore, diciotto accusati e nove testimoni anonimi sono i personaggi di quest’opera in undici canti che, come un Inferno laico e contemporaneo, trascende la rappresentazione del processo e acquista la liricità di una tragedia antica.

Una sorta di viaggio agli inferi, non solo nel tempo ma anche nello spazio, in cui i personaggi, bloccati tra forma e vita, tentano con l’azione di dipingere “l’istante eterno” della storia e del ricordo. Atto di denuncia contro i criminali nazisti, L’Istruttoria venne scritto da Peter Weiss dopo aver assistito allo storico processo che si svolse a Francoforte dal 1963 al 1965 contro un gruppo di SS e di funzionari del lager di Auschwitz. Le 183 giornate del processo in cui vennero ascoltati 409 testimoni, 248 dei quali scelti tra i 1500 sopravvissuti, rappresentarono il primo tentativo da parte della Repubblica Federale Tedesca di far fronte alla questione delle responsabilità individuali, imputabili ad esecutori di ogni grado attivi nei recinti del lager.

Nel 1965, quando L’Istruttoria fu pubblicata, - spiega il regista Gigi Dall’Aglio - furono molti gli allestimenti realizzati secondo i dettami teatrali di Peter Weiss. Questi richiedevano un’estremizzazione del concetto del teatro epico brechtiano come la totale riduzione dell’aspetto emotivo per far emergere in tutta la sua potenza l’informazione documentaria. Allora nei libri di storia quasi non veniva citata la Shoah e il testo di Weiss forniva notizie sconvolgenti: per questo aveva un senso elencare quante persone erano state uccise in un modo, quante in un altro, quante torturate etc. Vent’anni dopo, nell’84 quando abbiamo messo in scena il testo, i fatti erano ormai venuti alla luce e la gente li aveva collocati nel proprio personale archivio storico. Per me quindi è diventato importante ricostruire la memoria di questo fatto, intesa come memoria emotiva. È stato come se, dopo aver studiato il testo sul piano razionale, fossi andato a dormire con quel turbamento e avessi sognato lo spettacolo, così come poi lo abbiamo fatto.”

 


I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria di Teatro Due aperta, in B.go Salnitrara a Parma, da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.30, il sabato dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle 17 alle 19.30. tel. 0521/230242, biglietteria@teatrodue.org. È possibile acquistare i biglietti on–line sul sito www.teatrodue.org. Il biglietto acquistato on line potrà essere stampato a casa e presentato direttamente all’ingresso in sala.

 


 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emiliano mossini

    18 Gennaio @ 20.00

    Sono stato a vedere lo spettacolo per la terza volta in vari anni, che è potenzialmente drammaturgicamente interessante, ma non lo sono più le facce degli attori, dopo trent'anni sembra non ci credano più nemmeno loro. Penso l'assoluto di Salinger (non apparire) , e l'insoluto di volere apparire ancora nella stessa dimensione spazio tempo, lo spettacolo non ha lo stesso senso dopo trent'anni, prima la politica era rosso e bianco, 1973, (post sessantotto, brigate rosse etc.) Andreotti, Berlinguer, muro di Berlino etc. Waleza etc. Gorbaciov, Reagan, ora è tutto riappianato, ora gli ebrei hanno le banche del mondo e i nazisti sono morti dentro, e fuori, come i tedeschi, dite a un giovane tedesco chi è Fassbinder e crede che lo pigliate per il culo... . Così come è morta l'ideologia in Italia. Mi spiace ma si rischia in questa dietrologica messa in scena di diventare una parodia dell'urlo precedente. E' come Armstrong che racconta di essersi drogato al Tour. E' parodia, non spettacolo, e nemmeno scandalo... Pasolini è morto. (purtroppo) Viva Pasolini...

    Rispondi

  • roberto

    18 Gennaio @ 11.10

    e le foibe? quando si racconterà dei massacri, perpetrati per motivi politici, ai danni della popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia successi durante la seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente seguenti?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto