17°

30°

Spettacoli

Addio a Nagisa Oshima: svelò "L'impero dei sensi"

Addio a Nagisa Oshima: svelò "L'impero dei sensi"
0

Giorgio Gosetti

 
Se n'è andato senza far rumore, portato via a 80 anni da una polmonite a Fujisawa, vicino Tokyo, dopo anni di malattia e di silenzio desolato, il più grande e il più radicale dei cineasti giapponesi del dopoguerra, Nagisa Oshima.
Nonostante una densa filmografia che mette insieme affreschi storici, libelli politici, documentari e ardite sperimentazioni d’avanguardia, il suo nome brilla in Occidente per pochi film, tutti capaci di dare scandalo: 'Ecco l’impero dei sensì (1976) mai proiettato integralmente in patria per i problemi con la censura; 'L'impero della passionè (1978) che fu premiato a Cannes; 'Furyò (1983) che lo sdoganava al cinema europeo e americano, ma che imbarazzava per i forti contenuti sado-masochisti di una storia di guerra che rispondeva - idealmente – a 'Il ponte sul fiume Kwaì -; 'Max mon amour' (1986) che portava un’icona come Charlotte Rampling tra le braccia di uno scimpanzè; 'Tabu» (1999) che riconsegnava il regista alla tradizione del film di samurai ma ne metteva a nudo l'esplicita componente omosessuale. Poi il silenzio.
La critica francese, che lo scoprì per prima ai tempi di 'La cerimonià (1971) e lo accolse come un maestro quando decise di trasferirsi a Parigi, lo celebra oggi come il Godard del Sol Levante. E in effetti il segno estetico e intellettuale della nouvelle vague francese fu fortissimo in questo ragazzo ribelle, imbevuto di idee radicali fin dall’università, lasciata per un posto di assistente alla regia negli studi Shochiku alla metà degli anni '50. Nato a Kyoto il 31 marzo del 1932, cresciuto dalla madre dopo la morte in guerra del padre, Oshima sposa le idee anti-americane dei movimenti comunisti nipponici e morde il freno sotto la guida di buoni artigiani come Nomura e Kobayashi. Nel '59 trova i soldi per dirigere il suo primo lungometraggio ('Il quartiere dell’amore e della speranzà) e si fa notare l'anno successivo con un trittico esplosivo: 'Racconto crudele della giovinezzà, 'Il cimitero del solè e 'Notte e nebbia in Giapponè, crudo atto d’accusa alla sinistra del suo paese che copre la brutalità dell’invasione americana alla fine della guerra e provoca un autentico scandalo culminato nel sequestro della pellicola. Fin dal titolo il richiamo al cinema francese ('Notte e nebbià di Resnais) è esplicito, e così il suo stile, lontano anni luce dalle tradizioni di maestri come Ozu, Mizoguchi, Kurosawa, appena scoperti in Occidente.
Oshima fonda poi una casa di produzione con la moglie e pochi amici, dirige 'L'impiccagionè nel 1968, si fa notare per i richiami al teatro dell’assurdo e per un linguaggio che rinnova al contempo il cinema e il teatro tradizionale. 'La cerimonià (agro ritratto del convenzionalismo giapponese) approda ai maggiori festival internazionali e trionfa alla Quinzaine des Reealisateurs di Cannes: è la sua fortuna perchè il produttore francese Anatole Dauman promette di finanziargli il lavoro successivo. Nascerà così 'L'impero dei sensì le cui riprese di sesso esplicito e masochismo sessuale sono talmente sconvolgenti da sconsigliarne il montaggio in patria, pena il sequestro e una condanna per oltraggio alla morale. Il negativo viene spedito di nascosto a Parigi dove verrà montato secondo le indicazioni del regista e poi distribuito direttamente in Europa. In Italia arriva sulle ali dello scandalo sessuale, proposto come un film 'a luci rossè e per questo, nonostante un clamoroso successo, bisogna aspettare il secondo capitolo 'L'impero della passionè per avere un giudizio critico meditato. È allora, ad esempio, che risalta il contesto storico-politico in cui Oshima ha immerso le due storie degli amanti dannati e quindi il forte valore eversivo che il regista ha voluto proporre anche alla crudezza delle scene sessuali.
Se il riconoscimento mondiale spalanca a Oshima le porte del cinema occidentale, lo scandalo gli chiude quello delle majors nipponiche. Per 'Furyò trova i capitali in Gran Bretagna, ottiene l’appoggio di David Bowie (affiancato da Tom Conti), ma può fare appello al suo mondo artistico solo grazie al musicista-star Ryuichi Sakamoto che firma la colonna sonora e interpreta il capitano giapponese Yonoy. Questa paradossale storia di lealtà e amicizia tra carnefice e vittima, in un campo di concentramento alla fine della guerra mondiale, mette in scena lo scontro tra due mondi desinati a sopraffarsi senza potersi incontrare. Ormai definitivamente allontanato dalla patria, nonostante il buon successo di 'Max mon amour' (sceneggiato con Jean-Claude Carriere), dovrà aspettare il ritorno a casa con 'Tabu» per completare la sua parabola estetica. Alle prese con un soggetto tradizionale come le storie di samurai riuscirà a sconvolgerne per sempre gli equilibri e i riti, firmando un’opera potente e anticonformista.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

LA VISITA

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Avversari all'attacco di Pizzarotti

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

Volontariato

Sorbolo piange Lina, l'angelo degli anziani

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

COMO

False abilitazioni per autotrasportatori: un impiegato Parmalat fra i 12 arrestati

Coinvolti anche 73 autisti legati alla multinazionale. La Parmalat: "Sono collaboratori esterni, siamo parte lesa"

IL FATTO DEL GIORNO

I terroristi sono criminali paranoici ma noi siamo troppo deboli e divisi Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

2commenti

Tg Parma

Cerca di rubare una bici: fermato in via Cavour da un agente fuori servizio Video

Inchiesta sanità

Interrogato De Luca, manager del colosso Angelini: "Ogni risposta è stata documentata" Video

Il manager è difeso da Giulia Bongiorno

CALCIO

Parma-Piacenza, contrattura per Lucarelli. Venduti più di 6mila biglietti

Problemi tecnici: posticipata la chiusura della prevendita per il settore Ospiti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Napoli

Accoltella un compagno in classe per "provare la lama"

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

3commenti

SPORT

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare