Spettacoli

Di Caprio perfido schiavista: "Ho dovuto essere credibile"

Di Caprio perfido schiavista: "Ho dovuto essere credibile"
0

 E' un film rivoluzionario. Così Leonardo DiCaprio descrive «Django Unchained» di Quentin Tarantino, in uscita oggi nelle sale italiane e già presentato dallo stesso regista a Roma, insieme a Jamie Foxx e Franco Nero (che nel film ha un cameo), la scorsa settimana. «Solo un artista audace e unico come Tarantino poteva correre il rischio di fare un western alla Sergio Leone - ha detto DiCaprio alla stampa americana - con uno schiavo afro-americano per protagonista che decide di infliggere la sua vendetta personale contro il Sud schiavista per l’amore di una donna»

«Django Unchained»  è candidato all’Oscar come miglior film, migliore sceneggiatura (scritta da Tarantino, che per questo script ha già vinto un Golden Globe) migliore attore non protagonista (Christoph Waltz, anche lui già in possesso di un Globo d’oro) migliore fotografia e montaggio soloro. Niente invece per Di Caprio, che qui ha il ruolo di un perfido schiavista: l'attore di «Titanic» dovrà rimandare ancora l’appuntamento con la statuetta più importante. Ii membri dell’Academy infatti non lo hanno annoverato fra i candidati nonostante la sua interpretazione di Calvin Candie, spietato proprietario di una piantagione del Sud degli Stati Uniti, negli anni immediatamente precedenti la Guerra Civile che avrebbe portato all’abolizione della schiavitù, Candie ha tra i suoi hobby quello di organizzare combattimenti a due tra schiavi, vince chi uccide l’altro. Un personaggio così cattivo DiCaprio non l’aveva mai interpretato: «E' la prima volta che ho l’opportunità di cimentarmi con un tale bastardo, un uomo del Sud orrendo, un narcisista pieno di sè, un sadico razzista presuntuoso. Non è stato facile essere così brutale con i colleghi, è forse stato questo l’aspetto più duro di questa mia interpretazione».  Il film, come spesso succede con Tarantino, ha già provocato molte controversie, innanzitutto per il delicato tema che tratta, la schiavitù e il retaggio di razzismo che si porta dietro, un argomento che Hollywood ha spesso timore a trattare. Il film è stato accusato di fare un uso eccessivo della parola «nigger», negro, tabù assoluto negli Stati Uniti. «All’inizio delle riprese, ho espresso chiaramente a Samuel Jackson e Jamie Foxx (rispettivamente il fedele schiavo di Candie, Stephen, e Django, il protagonista della storia, ndr) la mia difficoltà a dovermi relazionare a loro in quel modo, ma sin da subito mi hanno detto che era mio dovere farlo, e che se non avessi reso il mio personaggio orribile, se non lo avessi spinto fino all’estremo, il pubblico avrebbe pensato che stavo cercando di nascondere l'atrocità della vicenda e che non volevo dire la verità». 
 Poi c'è anche chi accusa il film di prendersi molte libertà nella rappresentazione storica dello schiavismo del Sud. Ma DiCaprio ci tiene a sottolineare che tutto quello mostrato nel film non solo è accurato, ma addirittura nella realtà fu anche peggio: «Quando ho cominciato a studiare per il ruolo e ho letto dei proprietari di schiavi e di quello che succedeva nelle piantagioni, e ho visto certe immagini, è stato raccapricciante. È un film che tratta la parte peggiore della storia americana». Per l’attore di origini italiane il razzismo è ancora molto presente negli Stati Uniti: «E' un problema attuale le cui radici si sono impiantate proprio allora. L’idea di considerare un nero non come un essere umano è nata nel momento in cui si è deciso di trasformare il Sud e il resto del paese in una potenza economica. Per farlo c'era bisogno di forza lavoro. L’audacia di arrivare a trattare delle persone in quel modo è davvero la parte più brutta della nostra storia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video